Christianity Christians breathe easier Christmas Conversion

tanto per incominciare, voi prima, siete andati a giurare, nella Massoneria, e poi, voi siete andati, sputare sulla Costituzione, e contro, la sua sovranità monetaria.. voi non avete nessun futuro, voi siete il più infame regime massonico gender della storia.. io vedo soltanto, i vostri cadaveri! io Unius REI, io sono con: 1. Mosca, 2. Pechino e 3. Gerusalemme! ] Mosca, "nostro intervento è legittimo". Usa, "è aggressione". 04 marzo, #NEW YORK, Scontro fra, Mosca e Occidente, al Consiglio di sicurezza sull'Ucraina. L'ambasciatore russo all'Onu, Vitaly Churkin, ha giustificato l'intervento nel Paese dicendo, che, l'Ucraina occidentale è in mano, a "estremisti armati e antisemiti (VERISSIMO)" e precisando, che, è stato Viktor Ianukovich, a chiedere aiuto militare a Vladimir Putin. La collega Usa, Samantha Power, ha risposto parlando invece di "aggressione" russa. Per la Francia, si tratterebbe di un bis dell'invasione sovietica della Cecoslovacchia. [ bla, bla, bla, visto che, è la guerra mondiale, che, voi cercate? ok! venitela a prendere! ] Viktor Fëdorovyč Janukovyč è un politico ucraino, Presidente dell'Ucraina dal 2010 al 2014... DESTITUITO DA UN GOLPE CONGIURA MASSONICA, che ha insediato un governo di traditori, senza legittimazione popolare! AMEN!

Ucraina: Obama, Russia fa errore storico [ tutte menzogne! ] Mondo sa che, "diritto è stato violato. Ora sanzioni economiche". 03 marzo, #NEW YORK, [ le armi americane, più sofisticate, sono con una data di scadenza, e possono essere disattivate, a distanza.. ] Il mondo (dei massoni Bildenbeg, jihadisti della galassia califfato sharia nazi, per uccidere Israele, ) e' unito nell'affermare, che, in Ucraina la Russia ha violato il diritto internazionale, ha affermato il presidente americano Barack Obama, aggiungendo, che, Mosca e' "dal lato sbagliato della storia" (bla, bla, bla, bla,). Gli Stati Uniti stanno considerando misure economiche, per, isolare la Russia, ha detto ancora Obama, ricevendo alla Casa Bianca, il premier israeliano Benyamin Netanyahu (che, è diventato alleato della Russia!! ).
Obama gender .. un ignorante come te? non avrebbe mai dovuto, diventare il Presidente! e perché, tu sei un burattino, che, Bush 322 Kerry ti hanno scelto! .. cosa dici, se, le tue due figlie, diventano due lesbiche? pensa, tu darai un buon contributo, per evitare la sovrappopolazione!
tutto il male, che, tu hai voluto fare ai nostri figli? cada pure sui tuoi figli!
The Voice of the Martyrs .[se, USA, UE, farisei Illuminati Spa, FMI, non erano satanisti, gender Bildenberg, massoni, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [ my JHWH, tutta questa feccia di pervertiti, li voglio vedere morire! ] The Voice of the Martyrs Canada. P.O. Box 608. Streetsville, ON L5M 2C1. Phone: 905-670-9721. Toll free: 1-888-298-6423. Fax: 905-670-0246
Email: thevoice@vomcanada.org Website: www.persecution.net
Twitter: www.twitter.com/vomc. Facebook: www.facebook.com/vomcanada
While every effort has been made to ensure the accuracy of the information presented here,VOM is not accountable for errors made in its compilation. The actual number of Christians in prison is higher than we can list. News of arrests and releases can take weeks, if not months, to reach the West and must be verified. There are many prisoners whose names we do not know, but of whom we hear about indirectly or in general reports. Remember to pray for them too. Reproduction of this publication for commercial use is not permissible. For more information, please contact The Voice of the Martyrs. Last Updated: December 16, 2013. The Voice of the Martyrs. Introduction. Letter writing remains a highly effective method of raising awareness, encouraging action and also delivering hope to those who otherwise might feel forgotten. Today, thousands of Christians are languishing in prisons worldwide simply because they have refused to bow a knee to dictatorial governments and ideologies, insisting instead on pledging their allegiance to Christ. As Christians, we have a duty to "remember those who are in prison, as though in prison with them, and those who are mistreated, since you are also in the body"(Heb. 13:3). Pastor Richard Wurmbrand (d. 2001), the founder of The Voice of the Martyrs, spent 14 years in prison in Communist Romania because he refused to deny his Saviour. While in prison, the idea of an organization that would speak up on behalf of the voiceless was born. He wrote in his 1967 book Tortured for Christ: When I was beaten on the bottom of my feet, my tongue cried. Why did my tongue cry? It was not beaten. It cried because the tongue and the feet are both part of the same body. And you free Christians are part of the same Body of Christ that is now beaten in prisons in restricted nations, that even now gives martyrs for Christ. Can you not feel our pain? Please consider taking up your pen and demonstrating in a highly practical and productive way your love and concern towards your brothers and sisters in chains. Become a voice for the voiceless and "do time for God"! Voice of the Martyrs. Writing to Government Officials Letters show officials that there are people who know and care what happens to prisoners. Their conditions may be improved as a result. If the authorities think no one cares, the Christian may be imprisoned with dangerous criminals, abused, deprived of food or denied rights to their mail, parcels and visits. Here are some tips for writing to government officials: Be brief.
•Use the correct honorific (see Appendix A).
•Be yourself.
•Be polite. You are representing Jesus Christ.
•Do not write about politics or criticize governments.
•State a general concern for persecuted believers.
•State a specific concern for one or more prisoners.
(a) Whenever possible, give the full name and hometown of the prisoner(s).
(b) State why you are concerned (perhaps they have been beaten).
(c) State what you would like to see done (released , given medical treatment, etc.).
•Remember to thank them in advance for their positive actions.
•Refrain from quoting Bible verses or preaching. Do NOT mention VOM or other organizations as it may be used against the prisoner. Never underestimate the power of your letter! Irrespective of location or economic situation, governments are extremely concerned about their reputation on the world stage. VOM believes that originality in writing is important. For this reason, we do not generally endorse the use of letter templates other than in occasional cases where repetition might be beneficial (i.e. postcard campaigns, etc.). We have provided a few sample letters to guide you. Please refer to Appendix B. Write to your Senator or M.P. Please consider writing letters to your Senator or Member of Parliament (M.P.). Mail may be sent postage-free to any Senator or M.P. at the following addresses: Name of Senator
The Senate of Canada Ottawa, ON K1A 0A4. The Voice of the Martyrs
Name of M.P. House of Commons. Ottawa, ON K1A 0A6. Find names, email addresses and phone numbers for your Senator or M.P. at www.parl.gc.ca/
Write to foreign embassies in Canada and the United States Please consider writing letters to government officials on behalf of prisoners listed in this guide. CHINA. His Excellency Junsai Zhang Ambassador Embassy of the People's Republic of China. 515 St. Patrick Street Ottawa, ON K1N 5H3. Canada. ERITREA. His Excellency Ghirmai Ghebremariam Abbai Ambassador. Embassy of the State of Eritrea. 1708 New Hampshire Avenue N.W. Washington, D.C., DC 20009. USA. KAZAKHSTAN. His Excellency Konstantin Zhigalov Embassy of the Republic of Kazakhstan 150 Metcalfe Street, Suite 1603-1604. Ottawa, ON K2P 1P1. Canada. NEPAL. Ambassador Bhoj Raj Ghimire Embassy of Nepal 408 Queen Street Ottawa, ON K1R 5A7 Canada. The Voice of the Martyrs. PAKISTAN. His Excellency Akbar Zeb High Commissioner High Commission for the Islamic Republic of Pakistan10 Range Road Ottawa, ON K1N 8J3. Canada UZBEKISTAN. His Excellency Ilhomjon Nematov Ambassador Embassy of the Republic of Uzbekistan 1746 Massachusetts Avenue, N.W. Washington, D.C., DC 20036
USA. VIETNAM. His Excellency Anh Dung To Ambassador. Embassy of the Socialist Republic of Vietnam 55 Mackay Street. Ottawa, ON K1M 2B2
Canada, Find links to regularly updated lists of government
addresses at: www.persecution.net/writegovernment.htm

The Voice of the Martyrs. The Voice of the Martyrs. Writing to Newspaper Editors
Writing short, yet concise, letters to newspaper editors is an effective way of raising awareness of current issues in the global Church. What should I write?
• Keep your letter friendly. Remember, you are Christ's ambassador.
• Keep your letter short. Concise letters with a single point are more likely to be
published.
• Keep your letter clear. State your subject and purpose in the opening paragraph.
• Keep your letter relevant. Editors typically print letters that respond to recent articles in
their papers or that address current issues of interest. What should I NOT write?
• Avoid being confrontational, abusive or offensive.
• Avoid quoting Scripture. A wise and well-balanced biblical perspective, which serves to address a crisis, problem or other evil, can be conveyed without using Scripture.
• Avoid preaching. Readers do not buy newspapers to read a sermon.
Writing to Prisoners. Your words are never wasted when it comes to writing a letter on behalf of the persecuted Church. Mail sent by concerned believers can have a profound impact on those who are suffering and even on their persecutors.
Your letters to prisoners can do five things:
1. Indicate to authorities that you are aware of a Christian's situation, and you care!
2. Testify of the love and unity found among followers
of Jesus Christ worldwide. This is especially true when letters are opened and censored. God can use your letter to work in the lives of those in authority.
3. Prove our persecuted family is not forgotten. Throuh isolation and loneliness, the devil
can prey on imprisoned Christians' faith. When a prisoner receives a letter, whether
they can read it or not, they know someone cares.
4. Lead to better treatment of Christian prisoners.
5. Provide tremendous encouragement.
May I write in English?
Yes, you may write in English. Please print or write clearly. Your note must be legible to be translated. Many people study English, so there will likely be someone to translate your letter. VOM's sister mission in the United States offers
www.PrisonerAlert.com , an online resource that provides prisoner names and addresses
along with a translation tool that offers you the ability to write to imprisoned brothers and sisters in their own languages. What should I write?
•Share your name and that you know about the prisoner's situation.
•Be respectful and encouraging.
•Tell prisoners that they are not forgotten and that, you are praying for them.
•Include a Scripture verse. What should I NOT write?
•Do NOT discuss politics or criticize a government, as this could place prisoners in danger.
•Do NOT include your mailing address. (You may state your name and country.)
•Do NOT send money or respond to requests for money. Unscrupulous individuals,
claiming to be the prisoner or a family member, may steal letters and solicit funds.
•Do NOT mention VOM or any other source of information.
The Voice of the Martyrs. Anything else I need to know?
You can send notes, postcards, bookmarks and Christian greeting cards. Express your
Christian love and mention that you are praying. You may also include a snapshot of
yourself, your family or prayer group.Please do not send your letters to VOM's office for
mailing. The letters are more effective when officials see persons have sent them from many different parts of Canada. Write letters to imprisoned Christians in their own
language using a translation tool found at: www.prisoneralert.com
The Voice of the Martyrs. The Prisoners' List. CHINA.[se, USA, UE, farisei Illuminati Spa, FMI, non erano satanisti, gender Bildenberg, massoni, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, li voglio vedere morire! ] more Christians have been and continue to be detained in China than in any other country. government officially recognizes five Catholic. It strictly controls the Church through the state, Movement (TSPM) and the Cath even these submissive structures were banned, and all religious activity was forced underground, giving birth to the house Today, there is much debate related to the current number of Chinese Christians, as the government releases only data from are officially 28.6 million Christians, experts estimate the real number to lie somewhere between 80 and 130 million. You can write to the following prisoners in China: AIQING ZHU Aiqing Zhu was arrested for "illegal evangelist sentenced to a 20-year prison term. Prison address: Aiqing Zhu The Public Security Department Xiang Xiang City Hu Nan Province 411400 China WANG ZHAOMIN Wang Zhaomin has been imprisoned since June 1999. Prison address: Wang Zhaomin Team #2, Qishan Lao Gai Camp Datong District Huainan City, Anhui Province 232000 China. XU FUMING Mr. Xu Fuming, a member of the South China Church, was sentenced to life in prison in 2002. Prison address: Xu Fuming Jingzhou Prison Jingzhou City, Hubei Province 434020 China. XIAO YANLI AND DENG XIAOLIN Ms. Xiao Yanli, a member of the South China Church, was sentenced to 10 years in prison in 2002. Ms. Deng Xiaolin is in the same jail. Prison address: [Name] No. 2 Division, Section 2. Wuhan Female Prison Wuhan City, Hubei Province 430032 China. GONG BANGKUN. Mr. Gong Bangkun, a member of the South China Church, was sentenced to 15 years in prison, in 2002. Prison address: Gong Bangkun No. 3 Division, Section 6. Jiangling District Jingzhou City, Hubei Province 434110. China. 13. YI CHUANFU Mr. Yi Chuanfu, a member of the South China Church, was sentenced to 10 years in prison in 2002. Prison address: Yi Chuanfu No. 2 Division, Section 6. Jiangling District Jingzhou City, Hubei Province 434110 China. DONG DAOLAI. Mr. Dong Daolai, a member of the South China Church, was sentenced to 10 years in 2002. Prison address: Dong Daolai. No. 1 Division, Section 6. Jiangling District Jingzhou City, Hubei Province 434110. China ALIMUJIANG YIMITI In January 2008, Alimujiang "Alim" Yimiti, a Muslim convert to Christianity, was arrested and accused of "subversion of the national government and endangering national security," a crime punishable by death. On May 27, 2008, Alim's case went to trial but it was referred back to the Public Security Bureau's prosecutors due to insufficient evidence. On October 27, 2009, Alim was handed a 15-year prison sentence for "providing. state secrets to overseas organizations." In November 2010, the Higher People's Court of Xinjiang accepted an appeal by Alim's wife and mother and decided to retry his case. In February 2011, the Higher People's Court of Xinjiang notified Alim that they upheld the original sentence of 15 years of imprisonment. Prison address: Alimujiang Yimiti Section 11, The Xinjiang No. 3 Prison No.1339, Dongzhan Road, Urumqi City Xinjiang Uyghur Autonomous Region 830013 China. CUI JIAXING Before dawn on Sunday, September 13, 2009, a crowd of 400 government officials, police and hired ruffians launched an attack on the Linfen-Fushan Church in Shanxi. With no warning, members who were sleeping at the church construction site were mercilessly beaten, with more than 30 left in critical condition. Bulldozers razed the factory and church building, and the 14 mob looted any valuables and smashed the remaining property. Cui Jiaxing, 44, served the church by managing church finances and helping with the distribution of funds to members according to need. On November 25, 2009, he was charged with unlawfully occupying land and tax evasion, and was fined and sentenced to five and a half years in prison. Write to Cui, care of his son. Prison address: Cui Jiaxing c/o Cui Zhichao Room #301, No. 3 Building, Home of Cement Factory Yimin Road, Yaodu District Linfen City, Shanxi province 041099 China. GAO ZHISHENG Since 2005, Gao has been repeatedly arrested, imprisoned and severely tortured by Chinese authorities, mostly for his human rights work. In 2006, Gao was sentenced to five years of probation for inciting "subversion of the state." After serving three years in prison, Gao was supposedly released on probation but he disappeared for extended periods of time. On January 12, 2013, Gao's brother and his father-in-law were allowed to visit him for 30 minutes during, which they were allowed only to talk about family matters. It was their first meeting in 10 months. Gao's wife and two children have left China and now live in the USA. Prison address: Gao Zhisheng Shaya Prison Shaya County Aksu Prefecture Xinjiang Uyghur Autonomous Region 842208. China PENG MING Peng Ming is an official UNHCR refugee from China who was resident in the US from 2001. As a Christian he has worked for Chinese democracy, freedom and human rights for many years. In May 2004, while travelling to visit his elderly parents in Thailand, Peng Ming, 52, was lured to Myanmar, abducted and taken to China where he was sentenced to life in prison in October 2005, charged with engaging in terrorism activities. Imprisoned in Han Yang prison, he suffers from serious medical conditions that have been ignored by prison officials. Prison address: Peng Ming No. 4. Branch Hubei Provincial Han Yang Prison Cai Dian District, Wuhan City Hubei Province China. The Voice of the Martyrs 15 LACHENG REN AND WENXI LI Lacheng Ren, a Christian sponsoring a new Christian bookstore in Taiyuan, and Wenxi Li, a Christian bookstore employee, were arrested and sentenced to prison terms for their role in the Enyu Bookstore in Taiyuan. Police raided the business and confiscated hundreds of books that Wenxi had brought with him from Beijing. On Dec. 19, 2012, Wenxi was asked to come to a police station to retrieve the $6,000 worth of books that police had seized. But when he arrived at the police station, he was immediately arrested and sent to prison. Police were quoted as saying Wenxi was denied bail because of the seriousness of his "crime." On June 17, 2013, Lacheng Ren was sentenced to five years in prison by the court of Xiaodian district of Taiyuan in central China. Wenxi's wife, Cai Hong Li, said police told her that her husband was arrested because he was involved in an "illegal business." However, Cai Hong said the bookstore had a legal license to operate and that her husband was not involved with, managing the business. He was "just sent to find a rental place for a new store," Cai Hong said. Prison address: [Name] 2nd Detention Center Xiaodian District, Beige Town Taiyuan City Shanxi Province China YANG RONGLI. On Nov. 25, 2009, Pastor Yang Rongli and four other Linfen-Fushan church leaders from Shanxi Province were sentenced to criminal detention. The five church leaders were accused of "gathering people to disturb the public order," because they organized a prayer rally on Sept. 14, the day after 400 military police raided the church's grounds. During the raid, more than 30 believers were seriously wounded and 17 buildings were destroyed. In August 2013, reports indicated that she is suffering from diabetes, high blood pressure, and hepatitis – she feels dizzy and disoriented all the time. The prison will not provide the medical care she desperately needs. Please pray for her health and that the prison officials will have mercy on her and allow her to receive treatment. Pastor Yang is scheduled to be released in 2017. Prison address: Yang Rongli Women's Prison Yuci City Shanxi Province 030600 China. The Voice of the Martyrs. ERITREA. [se, ameri-cani farisei Illuminati Spa, FMI, non erano satanisti, gender Bildenberg, tutti i massoni, UE, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avranno parte, alla nostra eredità! ] There was a general freedom to practice religion in Eritrea until 2002, when the government announced it would recognize only four religious communities: the Orthodox Church of Eritrea, Sunni Islam, the Roman Catholic Church and the Lutheran Eritrea. From 2002 to 2010, the government has jailed, tortured and killed numerous Eritreans for political and religious reasons, and tortured and killed many of them extra estimated that between 2,000 and 3,000 Christians are in Eritrean deplorable conditions, including torture. Many are held in metal shipping containers with no ventilation or toilet facilities. Of thousands of Christians in detention, not one has been charged with a crime or faced trial. You can write to the following prisoners in Eritrea: HAILE NAIZGI Prior to his imprisonment on May 23, 2004, Rev. Haile Naizgi the Full-Gospel Church of Eritrea, the largest Pentecostal church in the nation. Previously, he was a senior accountant with World Vision in Eritrea. Naizgi, who is married with two children, was one the key organizers of the Church's activities in Eritrea. KIDANE WELDOU Pastor Kidane Weldou was imprisoned on March 18, 2005. He was the senior pastor at Asmara Full-Gospel Church. His wife and children have been unable to visit him in prison, and his exact whereabouts remain unknown. Formerly, he was a high school biology teacher. He was also involved in many gospel-related activities among students and professionals from v churches in the nation. Location Africa Population 6,233,682 (July 2013 est.) Religion (%) Muslim (50.26), Christian (47.31), Non religious (1.87), Ethnoreligionist (0.56) Leader President Isaias Afworki Government type Transitional government There was a general freedom to practice religion in Eritrea until 2002, when the government announced it would recognize only four religious communities: the Orthodox Church of Eritrea, Sunni Islam, the Roman Catholic Church and the Lutheran-affiliated Evangelical Church of From 2002 to 2010, the government has jailed, tortured and killed numerous Eritreans for political and religious reasons, and tortured and killed many of them extra-judicially. Today, it is estimated that between 2,000 and 3,000 Christians are in Eritrean prisons. Believers face deplorable conditions, including torture. Many are held in metal shipping containers with no ventilation or toilet facilities. Of thousands of Christians in detention, not one has been charged rite to the following prisoners in Eritrea: Prior to his imprisonment on May 23, 2004, Rev. Haile Naizgi was the chairman of the board of Gospel Church of Eritrea, the largest Pentecostal church in the nation. Previously, he was a senior accountant with World Vision in Eritrea. Naizgi, who is married with two children, the Church's activities in Eritrea. Pastor Kidane Weldou was imprisoned on March 18, 2005. He was the senior pastor at Asmara Gospel Church. His wife and children have been unable to visit him in prison, and his exact ain unknown. Formerly, he was a high school biology teacher. He was also related activities among students and professionals from v16 Muslim (50.26), Christian (47.31), Non-religious (1.87), Ethnoreligionist (0.56) There was a general freedom to practice religion in Eritrea until 2002, when the government announced it would recognize only four religious communities: the Orthodox Church of Eritrea, evangelical Church of From 2002 to 2010, the government has jailed, tortu red and killed numerous Eritreans for judicially. Today, it is prisons. Believers face deplorable conditions, including torture. Many are held in metal shipping containers with no ventilation or toilet facilities. Of thousands of Christians in detention, not one has been charged was the chairman of the board of Gospel Church of Eritrea, the largest Pentecostal church in the nation. Previously, he was a senior accountant with World Vision in Eritrea. Naizgi, who is married with two children, Pastor Kidane Weldou was imprisoned on March 18, 2005. He was the senior pastor at Asmara Gospel Church. His wife and children have been unable to visit him in prison, and his exact ain unknown. Formerly, he was a high school biology teacher. He was also related activities among students and professionals from various. The Voice of the Martyrs 17. DR. KIFLU GEBREMESKEL Dr. Kiflu Gebremeskel was the pastor of South-West Full-Gospel Church in Asmara until his imprisonment on May 23, 2004. Dr. Kiflu, a former dean of science and lecturer of mathematics at Asmara University, left his job to serve the Lord as a pastor and Bible teacher in 1999. He has a doctorate in mathematics from the Illinois Institute of Technology in Chicago, Ill. Dr. Kiflu was also the chairman of the Eritrean Evangelical Alliance, a union of all the churches belonging to the Baptist, Mennonite, Presbyterian, Pentecostal and other Charismatic churches. MUSSIE EZAZ Evangelist Mussie Ezaz had a growing ministry with young people in the Kale Hiwot Church before his arrest in 2007. He escaped from custody but was rearrested as he tried to flee to Ethiopia. REV DR TEKLEAB MENGHISTEAB Rev Dr Tekleab, a highly respected physician and a leader of the Medhane Alem Church, was arrested in November 2005. He is insulin-dependent and has been reported to be in poor health. He is married with four children. It is believed that all five of the above Eritrean Christians are being held in Karachele prison, Asmara: Prison Address: [Name] Karsheli Prison 2nd Police Station Zone 7 Northern East Asmara, Zoba Maakel Eritrea. The Voice of the Martyrs. IRAN.[se, americani farisei Illuminati Spa, FMI, non erano satanisti, gender Bildenberg, tutti i massoni, UE, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avranno parte alla nostra eredità! ] Iran has the largest Shi'a Islam population in the world. Christians comprise one percent of the population. The Iranian attitude toward religion can seem contradictory chaste in public but much less so in private. The courts apostates and life imprisonment for female apostates. Effectively, Iran is a religious dictatorship where little of consequence can occur without the approval of the Guardian Council of Mullahs. Religious persecution of certain minorities has intensified since 2005. This is aimed at the Baha'i, Sufi Muslims and Christians, especially believers from a Muslim background. Almost all Christian activity is illegal, especially when it occurs in Persian languages Bible training to publishing Scripture and Christian books. Yet Christians only further fuels the flames of church growth. You can write to the following prisoners in Iran: ALIREZA SEYYEDIAN Alireza Seyyedian is a 37-year-old former Muslim who has been a Christian since 2006. Last year, security forces confiscated his computer during a raid on his apartment. Authorities then discovered video of Alireza's baptism in Turkey on the computer. In December 2011 he w sentenced to six years in prison, for crimes against national security and propaganda against the regime. The judge stated that since Alireza was baptized in Turkey, he was trying to express the lack of freedom in Iran and was therefore was propagating holding regular meetings with former Muslims and distributing Bibles among youth. They also said he had communication with Zionist satellite TV channels such as Mohabat TV and Radio Mojde and shared worship hymns he had written with them. The verdict also falsely accused him of being a member of the Jesus Only cult. Location Middle East Population 79,853,900 (July 2013 est.) Religion (%) Muslim (98.64), Christian (0.51), Baha'i (0.40), Other (0.45) Leader Supreme Leader Ali Hoseini- President Hasan Fereidun Ruhani Government type Theocratic republic Islam population in the world. Christians comprise one percent of the population. The Iranian attitude toward religion can seem contradictory chaste in public but much less so in private. The courts can impose the death sentence on male, apostates and life imprisonment for female apostates. Effectively, Iran is a religious dictatorship where little of consequence can occur without the approval of the Guardian Council of Mullahs. ertain minorities has intensified since 2005. This is aimed at the Baha'i, Sufi Muslims and Christians, especially believers from a Muslim background. Almost all Christian activity is illegal, especially when it occurs in Persian languages — from evangelism Bible training to publishing Scripture and Christian books. Yet , the regime's harsh treatment of Christians only further fuels the flames of church growth. You can write to the following prisoners in Iran: old former Muslim who has been a Christian since 2006. Last year, security forces confiscated his computer during a raid on his apartment. Authorities then discovered video of Alireza's baptism in Turkey on the computer. In December 2011 he w sentenced to six years in prison, for crimes against national security and propaganda against the The judge stated that since Alireza was baptized in Turkey, he was trying to express the lack of freedom in Iran and was therefore was propagating against the regime. He was also accused of holding regular meetings with former Muslims and distributing Bibles among youth. They also said he had communication with Zionist satellite TV channels such as Mohabat TV and Radio Mojde and he had written with them. The verdict also falsely accused him of being a 18 Muslim (98.64), Christian (0.51), Baha'i -Khamenei uhani Islam population in the world. Christians comprise one -half of 1 percent of the population. The Iranian attitude toward religion can seem contradictory —very impose the death sentence on male apostates and life imprisonment for female apostates. Effectively, Iran is a religious dictatorship where little of consequence can occur without the approval of the Guardian Council of Mullahs. certain minorities has intensified since 2005. This is aimed at the Baha'i, Sufi Muslims and Christians, especially believers from a Muslim background. Almost all from evangelism to the regime's harsh treatment of old former Muslim who has been a Christian since 2006. Last year, security forces confiscated his computer during a raid on his apartment. Authorities then discovered video of Alireza's baptism in Turkey on the computer. In December 2011 he was sentenced to six years in prison, for crimes against national security and propaganda against the The judge stated that since Alireza was baptized in Turkey, he was trying to express the lack of against the regime. He was also accused of holding regular meetings with former Muslims and distributing Bibles among youth. They also said he had communication with Zionist satellite TV channels such as Mohabat TV and Radio Mojde and he had wThe Voice of the Martyrs. 19 On March 14, 2012, Alireza was caught seeking to flee Iran for Turkey. He was arrested and transported back to Tehran where he was imprisoned in Evin prison. He was put in Section 350 of the prison, which is where political prisoners are held. Alireza has never been married. Prison address : Alireza Seyyedian Evin Prison Saadat Abad Tehran Islamic Republic of Iran BEHNAM IRANI Behnam Irani, a 41-year-old pastor from Kraj, Iran, was convicted of crimes against national security in January 2011 and sentenced to one year in prison. After voluntarily surrendering to authorities on May 31 to begin his sentence, he learned that he would be forced to serve five years in connection with a previous conviction. Officers from the Ministry of Intelligence and National Security (MOIS) raided Irani's house church on April 14, 2010, and assaulted him before taking him into custody. Although he was released on bail two months after his arrest, he later received the one-year prison sentence. Irani was first arrested in December 2006 and tried for crimes against national security. He was released in January 2007 but was soon re-arrested, tried and sentenced to five years in prison. Irani was never called to serve the sentence that is now being held against him. Prison address: Behnam Irani Ghezel Hesar Prison Karaj, Albourz State Iran FARSHID FATHI Farshid Fathi was arrested on Dec. 26, 2010 in a wave of arrests of believers in Tehran and other areas. Of the 22 believers arrested by security forces in Tehran, 10 were released after intense questioning and after they signed agreements to refrain from Christian activities. Eleven others were also later released. By the end of April, 2011, only Farshid remained in prison, though his family had paid an enormous bail sum. He spent near ly a year in solitary confinement. Farshid, a Christian convert from Islam, was charge d with "acting against national security through membership of a Christian organization, collection of funds, propaganda against the Islamic Regime by helping spread Christianity in the country," and sentenced to six years of imprisonment on March 5, 2012. Though the charge is for his Christian work, authorities tried to cast his activities as political offenses. Farshid's appeal against the charges was rejected in June 2012. He is due to serve the rest of his sentence in Evin Prison. Farshid is married to Leil a, and has two children, Rosana and Bardia. The Voice of the Martyrs 20 Prison address: Farshid Fathi Evin Prison Saadat Abad Tehran Islamic Republic of Iran MEMBERS OF THE ASSEMBLIES OF GOD CHURCH On Dec. 23, 2011, Iranian authorities raided the As semblies of God church of Ahvaz as church members gathered for a service. Everyone at the church was arrested, including children. All those arrested were released several hours later, with the exception of the pastor, Farhad Sabokrouh, his wife, Shahnaz Jayzan, and two church ministers, Davoud Alijani and Naser Zamen-Dezfuli. The four were transferred to a detention center for further interrogation. Shahnaz was released on temporary bail on Jan. 1, 2012, after spending nine days in prison. The pastor and the two men were held until Feb. 21, 2012, when they were also released on temporary bail. Granting prisoners release on temporary bail is a common tactic employed by the government in Iran. It allows the government to recall those previously arrested at any moment for more interrogation or to serve longer prison sentences. Those released on temporary bail live in constant fear of being called back to prison. At his release, Pastor Farhad was denied the right to hold any kind of a church service or visit Christians in Ahvaz, his hometown. He was also banned from living in Ahvaz and forced to move to Tehran. In October 2012, the four were each sentenced to serve a year in prison for the charges of "converting to Christianity, inviting Muslims to convert and acting against state security through evangelistic activities." On May 1, the court summoned the four. When they appeared, they were each arrested. Davoud Alijani was sent to Karoon prison in Ahvaz. Pastor Farhad, Shahnaz and Naser were transferred to Sepidar prison. After spending 220 days in prison in Ahvaz, Farhad Sabokrouh, the pastor of an Assemblies of God church, and another church member, Naser Zamen-Dezfuli, were released on Dec. 4, 2013. Davoud Alijani Karoon Prison Ahwaz, Islamic Republic of Iran Shahnaz Jayzan Sepidar Prison Ahwaz, Islamic Republic of Iran. The Voice of the Martyrs. [se, americani non erano satanisti, gender Bildenberg, tutti i massoni, UE, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avranno parte alla nostra eredità! ] KAZAKHSTAN. Kazakhstan declared independence after the Soviet empire collapsed in 1991. Although a multiparty democracy, the only president since 1991 has continued his authoritarian rule and presided over recognizably tainted elections. Under Communism, all religion was suppressed. Kazakhstan's constitution has provided freedom of religion since 2002, but a prop organizations to register with the government. The law was declared unconstitutional in February 2009, but the president has proposed further amendments to help the law pass. Authorities consistently act as though registration is already required, despite the fact that the law has not yet been passed. Increased Islamist agitation has caused the government to consider increasingly oppressive religion laws. These laws subsequently have an effect on the newe denominations and can be used to limit, restrict and even persecute Christians. Orthodox Christianity is perceived as the religion of Russians, and evangelicals are often regarded as dangerous sects. BAKHYTZHAN KASHKUMBAEV, Pastor Bakhytzhan Kashkumbaev of Astana, Kazakhstan , was arrested on May 17, 2013 after allegations were made that he had harmed the health of one of his church members. Until his retirement in October 2012 at age 66, Pastor Kashkumbaev led the Grace Churc registered protestant church. After his arrest in May, he was freed on Oct. 8, 20. 13 to complete his pre house arrest. However, secret police waiting at the entrance to the prison rearrested the pastor as he left the prison. His family and wife had not seen him in five months. The pastor's trial was due to take place in November 2013. In July 2011, the mother of a church member asserted that prolonged influenced from the church undermined her daughter's mental state and resulted in schizophrenia. The church member herself, however, says she was erroneously diagnosed after having a forced mental examination. She has spoken up publically for Pastor Kashkumbaev and stated that the charges of harming her health are unfounded. In a long-running campaign against the church, state officials have accused the church of being involved in espionage, fraud, money laundering, distributing extremist texts and using hallucinogens in communion drink. On Oct. 3, 2012, the church was raided and officials seized valuables such as gold items, computers, DVDs and books that were declared to be "extremist literature." At the request of officials, church members voluntarily underwent blood tests to demons trate that they were not under the influence of any hallucinogens. The results of the tests were not made known to the church members. After his arrest in May 2013, a court mandated that Pastor Kashkumbaev undergo a psychiatric assessment on Aug. 9. He was then ordered to stay at the psychiatric hospital until Sept. 17. During his time in the hospital, there were grave concerns that the pastor would be subjected to psychotropic drugs and ruled mentally incompetent. While being held in the psychiatric facility, the pastor, who converted from Islam to Christianity in 1995, was repeatedly questioned about why he follow ed Jesus rather than Allah. Nearly a month went by before his transfer back to the Investigative Prison. Prison address: Bakhytzhan Kashkumbaev SI-12 (ETs 166/1) Alash Tas Zhol street 30/1010000 Astana Kazakhstan. The Voice of the Martyrs. NEPAL,[se, americani non erano satanisti, gender Bildenberg, tutti i massoni, UE, ONU Amnesty, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avanno parte alla nostra eredità! ] Civil unrest in 1990 led to liberalization of government controls, including freedom to profess and practice any religion, but not to evangelize. Despite Christians continued, particularly for those who shared their faith with Hindus. Those who converted to religions other than Hinduism face social rejection and the possibility of violence. In April 2008, Christians welcomed the victory of the Maoist party in elections held for an assembly to rewrite the constitution and make the nation a democratic republic. Many believers saw the Maoist party victory as a step to ward greater religious freedom. With the Prime Minister's resignation in 2010, the government remains insolvent, and constitutional reform remains delayed. While persecution is less acute than in the past, it remains. You can write to the following prisoners in CHHEDAR BHOTE 37-year-old Pastor Chhedar Bhote Lhomi and his wife were ministering in a remote part of Nepal among Tibetan people. They established a church the re which met regularly. beef is permissible, but in other areas, local Hindus do not eat beef because sacred as symbols of the gods. In October 2012, local villagers discovered that Chhedar and his family had eaten beef. In an uproar, they accused him of killing the cow himself, and they destroyed his home and everything he owned. The l called police and had him arrested. He was given a sentence of 12 years in prison. Prison address: Chhedar Bhote Nakkhu Kargar Sauybu-4 Cod No 44700 GPR Block Kakkhu Lalitpur Kathmandu, Nepal

The Voice of the Martyrs. The Voice of the Martyrs. PAKISTAN. Pakistan is an Islamic republic with a Sunni majority. Despite its infringement of the constitution, Shariah law is increasingly applied areas where Islamist groups have control or influence. While there is a notable degree of religious freedom promised to minorities by law, non Muslims and non-Sunnis must practice their faith cautiously. opposition from militant Islamic groups, including imprisonment, torture Pakistani Christians are falsely accused under the Blasphemy Law, or Law 295 . Law 295a, blaspheming Islam, and Law 295b, blaspheming the Qur'an, are criminal offenses. Law 295c makes blaspheming Mohammed a crime punishable by death. C militants have often pressured judges into returning a guilty verdict or continuing trials indefinitely. Christians are regularly barred from jobs or face troubles from their employers and co-workers. Christian merchants are often har. You can write to the following prisoners in Pakistan: ASIA BIBI Asia Bibi, 38, was arrested by police on allegations of blasphemy in the village of Itta Punjab province . On June 19, 2009, some Muslim women who work with Bibi by a local Muslim engaged in a heated discussion with Bibi about Islam. Bibi told them that, Christ died on the cross for their sins and asked them what Mohammed had done for them. "Our Christ is the true prophet of God and yours is not tru became angry and began to beat her. Some men then locked her in a room. Local Christians urged the police not to file blasphemy charges; how ever, police claim forward due to pressure from local Muslim lea On November 8, 2010, Bibi was sentenced to death. She is the first Pakistani woman ever to receive a death sentence for blasphemy hard-line cleric offered a $6,000 CAD reward to anyone who will k does not put her to death. In January 2011, the governor of Punjab province Location Asia Population 193,238,868 (July 2013 est.) Religion (%) Muslim (95.80), Christian (2.45), Hindu (1.60), Other (0.15) Leader President Mamnoon Hussain Government type Federal republic Pakistan is an Islamic republic with a Sunni majority. Despite its infringement of the constitution, Shariah law is increasingly applied — even to Christians and Hindus areas where Islamist groups have control or influence. While there is a notable degree of religious freedom promised to minorities by law, non Sunnis must practice their faith cautiously. Christians in Pakistan face severe opposition from militant Islamic groups, including imprisonment, torture and even death. Many falsely accused under the Blasphemy Law, or Law 295 . Law 295a, blaspheming Islam, and Law 295b, blaspheming the Qur'an, are criminal offenses. Law 295c makes blaspheming Mohammed a crime punishable by death. Courtrooms packed with militants have often pressured judges into returning a guilty verdict or continuing trials Christians are regularly barred from jobs or face troubles from their employers and workers. Christian merchants are often harassed. You can write to the following prisoners in Pakistan: was arrested by police on allegations of blasphemy in the village of Itta. On June 19, 2009, some Muslim women who work with Bibi on a farm owned by a local Muslim engaged in a heated discussion with Bibi about Islam. Bibi told them that Christ died on the cross for their sins and asked them what Mohammed had done for them. "Our Christ is the true prophet of God and yours is not true," Bibi said. The Muslim women became angry and began to beat her. Some men then locked her in a room. Local Christians urged the police not to file blasphemy charges; how ever, police claimed that they must go forward due to pressure from local Muslim leaders. , 2010, Bibi was sentenced to death. She is the first Pakistani woman ever to receive a death sentence for blasphemy . Her attorney has filed an appeal. In December 2010, aline cleric offered a $6,000 CAD reward to anyone who will kill Asia Bibi if the government In January 2011, the governor of Punjab province was assassinated 24 Muslim (95.80), Christian (2.45), Hindu (1.60), Pakistan is an Islamic republic with a Sunni majority. Despite its infringement of the even to Christians and Hindus —especially in While there is a notable degree of religious freedom promised to minorities by law, non- Christians in Pakistan face severe and even death. Many falsely accused under the Blasphemy Law, or Law 295. Law 295a, blaspheming Islam, and Law 295b, blaspheming the Qur'an, are criminal offenses. Law 295c ourtrooms packed with militants have often pressured judges into returning a guilty verdict or continuing trials Christians are regularly barred from jobs or face troubles from their employers and was arrested by police on allegations of blasphemy in the village of Ittanwali, on a farm owned by a local Muslim engaged in a heated discussion with Bibi about Islam. Bibi told them that, Christ died on the cross for their sins and asked them what Mohammed had done for them. e," Bibi said. The Muslim women became angry and began to beat her. Some men then locked her in a room. Local Christians that they must go, 2010, Bibi was sentenced to death. She is the first Pakistani woman ever to In December 2010, a ill Asia Bibi if the government was assassinated by his bodyguard for speaking out against the blasphemy law. In March 2011, Pakistan's Minister of Minority Affairs, Shahbaz Bhatti, a Christian, was assassinated as he also had spoken out against the country's blasphemy law. Asia Bibi was transferred to a new prison in June 2013, leaving her five hours away from her family. She was previously only an hour away. Her husband, Ashiq, met her on June 6, 2013. She again requested prayer, and told her husband she's been sick and in a lot of pain. Asia continues to await word on her appeal against her blasphemy sentence. Prison address: Asia Bibi. Central Jail Multan Multan City-Punjab Pakistan IMRAN GHAFUR On July 1, 2009, Pakistani police arrested Imran Ghafur in Punjab province after Muslims accused him of burning pages of the Qur'an. While cleaning his brother's retail shop, Imran removed the trash he had collected, intending to burn some of it. While burning the trash, pages of an Islamic book flew into the fire and burned. Imran's neighbour, Haji Liaqat, saw the burned pages of the Islamic book and alerted other Muslims in the area. Imran and his father were severely beaten before police arrested Imran. Following the arrest, news of the incident spread throughout the city, and angry Muslims threw stones at the police station where Imran was being held. "Give the death sentence to him who disgraces the Holy Qur'an, and hang him who disgraces the Holy Qur'an, " the Muslims said. On July 2, 2009, Imran. was moved to a jail. Prison address: Imran Ghafur, Central Jail of Faisalabad Faisalabad Pakistan.
The Voice of the Martyrs. UZBEKISTAN,[se, americani non erano satanisti, gender bildenberg, tutti i massoni, UE, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avanno parte alla nostra eredità! ] Uzbekistan is a secular state, promoting a moderate, tightly controlled form of Islam. The growing Islamist movement is handled with venom by the state. Christians are third victims of this struggle. Ethnic Uzbek Christians, in particular, receive harsh treatment. Religious communities are required to officially register. Only approved religious organizations— Muslim groups, Jews, Russian Orthodox and some Protestant groups registered, and registration is frequently refused or delayed. Police make surprise visits to churches and forcibly close those who cannot immediately produce registration papers. Evangelism, missionary activity and religious ins have been fined, beaten and imprisoned for their faith. You can write to the following prisoners in Uzbekistan: TOHAR HAYDAROV On March 9, 2010, a criminal court in Uzbekistan sentenced 27 years in prison for the "illegal sale of narcotic or psychotropic substances in large quantities." Members of the Baptist church insist that the charges are fabricat ed and that Haydarov's sentence was punishment for his religious activity. It is unclear why sentence. Baptists insist that police planted drugs on Haydarov, and church members insist he is "a man with a pure conscience sentence. Prison address: Tohar Haydarov UYa 64/49 Otryad 13. Pos. Shaikh-Ali G. Karshi, Kashkadarya Region Uzbekistan Location Asia, Population 28, 661,637 (July 2013 est.) Religion (%) Muslim (84.93), Non-religious (13.80), Christian (0.75), Other (0.52) Leader President Islom Karimov Government type Republic; authoritarian presidential rule promoting a moderate, tightly controlled form of Islam. The growing Islamist movement is handled with venom by the state. Christians are third Ethnic Uzbek Christians, in particular, receive harsh treatment. nities are required to officially register. Only approved religious Muslim groups, Jews, Russian Orthodox and some Protestant groups registered, and registration is frequently refused or delayed. Police make surprise visits to and forcibly close those who cannot immediately produce registration papers. Evangelism, missionary activity and religious instruction are forbidden by law. Uzbek Christians have been fined, beaten and imprisoned for their faith. following prisoners in Uzbekistan: On March 9, 2010, a criminal court in Uzbekistan sentenced 27 year old Tohar Haydarov llegal sale of narcotic or psychotropic substances in large quantities." Baptist church insist that the charges are fabricated and that Haydarov's sentence was punishment for his religious activity. It is unclear why he received a 10 sentence. Baptists insist that police planted drugs on Haydarov, and church members insist he is "a man with a pure conscience & an honest Christian." Haydarov has appealed his G. Karshi,

The Voice of the Martyrs. VIETNAM. 3 marzo 2014. [se, americani non erano satanisti, gender bildenberg, tutti i massoni, UE, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e non voglio il loro ravvedimento, io li voglio vedere morire, loro non avranno parte alla nostra eredità! ] Vietnam is one of the world's few remaining from France in 1954, 30 years of war were followed by a reunder the Communist Party in 1975. The Communist Party retains supreme control of all state policy and activity, and, government and military are both tied closely to the party. Strong authoritarian rule brooks no dissent, especially not from ethnic or religious minorities. As a result, human rights violations continue to accrue. Though Vietnam's constitution provide restrict organized activities of many religious groups. Only government organizations are allowed. The Southern Evangelical Church of Vietnam and the smaller, Evangelical Church of Vietnam North are two of the largest officially recognized Protestant churches. Unregistered churches and ethnic minority Christians still suffer harassment, discrimination and, sometimes, outright persecution. You can write to the following prisoners in VNGUYEN VAN LY On Feb. 19, 2007, Father Nguyen Van Ly was arrested in Hue, Vietnam for distributing material "harmful to the state." In March, he was sentenced to eight years in prison. He has issued statements criticizing the government's confiscat training and the influence of the state in church teachings and has been a powerful advocate for Christian freedom. On March 15, 2010, Father Nguyen was released on medical parole after he suffered three debilitating strokes. He spent 16 months convalescing before the government demanded he return to complete his sentence. Location Asia Population 92,477,857 (July 2013 est.) Religion (%) Buddhism (52.5), Non-religious (23.3), Christianity (9.4), Ethnic Religions (8.9), Other (0.4) Leader President Truong Tan Sang Government type Communist state Vietnam is one of the world's few remaining Communist nations. After gaining independence from France in 1954, 30 years of war were followed by a re-unification of the North and South under the Communist Party in 1975. The Communist Party retains supreme control of all state policy and activity, and government and military are both tied closely to the party. Strong authoritarian rule brooks no dissent, especially not from ethnic or religious minorities. As a result, human rights violations Though Vietnam's constitution provides for freedom of worship, the government continues to restrict organized activities of many religious groups. Only government - controlled religious organizations are allowed. The Southern Evangelical Church of Vietnam and the smaller Vietnam North are two of the largest officially recognized Protestant churches. Unregistered churches and ethnic minority Christians still suffer harassment, discrimination and, sometimes, outright persecution. You can write to the following prisoners in Vietnam: On Feb. 19, 2007, Father Nguyen Van Ly was arrested in Hue, Vietnam for distributing material "harmful to the state." In March, he was sentenced to eight years in prison. He has issued statements criticizing the government's confiscation of church property, lack of seminary, training and the influence of the state in church teachings and has been a powerful advocate On March 15, 2010, Father Nguyen was released on medical parole after he suffered three debilitating strokes. He spent 16 months convalescing before the government demanded he return to complete his sentence. The Voice of the Martyrs. Read more about these restricted nations and others at: www.persecution.net/restricted-nations.htm
Seriously ill and weak, Father Nguyen was rearrested on July 25, 2011. Prison address: Nguyen Van Ly Nam Ha Prison Team 27. Ba Sao Village Kim Bang District Ha Nam Province Vietnam

3 marzo 2014. [se, americani non erano satanisti gender bildenberg, tutti i massoni UE, 322, la sinagoga di satana NWO? questo non avrebbe mai potuto accadere! ] [my JHWH, io non voglio la loro conversione, e, io non voglio il loro ravvedimento, non li perdonare! io li voglio vedere morire! ] Cristiani perseguitati. Pakistan, uccisa giovane cristiana: aveva aiutato un convertito dall'islam. Una giovane ragazza cristiana è stata uccisa dai talebani pakistani nella regione settentrionale del Pakistan. Come appreso dall'agenzia Fides, la ragazza, conosciuta con lo pseudonimo di Lily, aveva trascorso alcuni mesi in fuga e nel nascondimento con suo cugino, un musulmano convertitosi al cristianesimo alcuni anni fa. Dopo la conversione, l'uomo è considerato "apostata" e da allora è nel mirino dei talebani, che intendono eliminarlo. Nei giorni scorsi alcuni militanti hanno scoperto il nascondiglio dei due: nella fuga la ragazza è stata raggiunta da un proiettile e uccisa, mentre l'uomo, per ora, è riuscito a scappare. In una nota inviata a Fides, la comunità cristiana esprime sdegno e sconcerto, chiedendo l'intervento delle istituzioni per difendere i diritti delle minoranze e di tutti i cittadini contro le violenze talebane. Il Pakistan ha appena annunciato la sospensione dei raid aerei contro i talebani, in risposta al mese di tregua dichiarato dagli "studenti del Corano". Il governo ha precisato che comunque si riserva il diritto di "rispondere a qualsiasi attività violenta" condotta dai talebani. Il dialogo fra governo e talebani in Pakistan è in una situazione di stallo: nelle scorse settimane i militanti islamici hanno dichiarato al governo che "non vi è alcuna possibilità di pace nel paese a meno che il Pakistan cambi il suo sistema politico e giuridico e adotti ufficialmente la legge islamica". Il governo del primo ministro Nawaz Sharif sta cercando una "soluzione negoziata" dopo anni di conflitto con i militanti, ma i colloqui si sono interrotti a febbraio dopo una serie di attentati terroristici dei talebani. Di recente il governo pakistano ha presentato un disegno di legge in Parlamento, titolato "Linee di condotta sulla sicurezza nazionale", che intende porre fine a violenze e terrorismo nel paese. La lotta al terrorismo prevede attività quotidiane di repressione; analisi strategica; operatività sul campo. Presentando la legge, il premier Sharif ha spiegato che "il governo ha promosso il dialogo con i talebani" ma, se questi non dimostreranno di aver adottato e rispettato il "cessate il fuoco", "l'esercito risponderà in modo adeguato".© riproduzione riservata

Nigeria, Boko Haram fa strage: 129 morti. Un nuovo attacco causa 29 morti. Un centinaio le vittime di due sanguinosi attentati che sabato hanno colpito civili impegnati nella preghiera serale. Il presidente: «Siamo in guerra». The Voice of the Martyrs. Learn more about released prisoners on this list at www.prisoneralert.com Recently Released Prisoners of Faith
Praise the Lord for the release of his faithful servants! Below is a list of individuals who were
imprisoned for their faith and released. Your letters and prayers make a difference! Remember,
we only know the names of a very small number of Christians who are imprisoned for their faith
and then released. Please continue to lift up all imprisoned believers worldwide. You can find
out more about any of the individuals below at
www.prisoneralert.com
Afghanistan: Said Musa (imprisoned 266 days) Azerbaijan: Zaur Balaev (imprisoned 304 days)
China: Li Ying (imprisoned 3,920 days)
Pastor Wang Xiaoguang (imprisoned 1,050 days)
Yang Xuan (imprisoned 1,232 days)
Zhang Huamei (imprisoned 1,116 days)
Iran: Pastor Vahik Abrahamian (imprisoned 360 days)
Mehdi "Petros" Forouton (imprisoned 474 days)
Youcef Nadarkhani (imprisoned 1187 days)
Mostafa Mohammad Bordbar (imprisoned 312 days)
Pakistan: Parvez Masih (imprisoned 1,951 days) Younis Masih Tanzania: Eva Abdullah (imprisoned 373 days)
Turkmenistan: Ilmurad Nurliev (imprisoned 868 days)
Uzbekistan: Pastor Dmitry Shestakov (imprisoned 1,461 days)
Vietnam: Pastor Y Wo Nie (imprisoned 2,652 days)

Persecution and Prayer Alert. "In prayer you align yourselves to the purpose and power of God.... For God has left certain things open to prayer, things which will never be done except as we pray." E. Stanley Jones. IRAQ: Christians Facing 'More than Desperate' Crisis. Sources: Release International, BBC. Canon Andrew White. Canon Andrew White, known as the "Vicar of Baghdad," has requested urgent prayer for the church in Iraq during this time of intense violence in the country. With frequent bombings and shootings in cities such as Baghdad and Mosul, monthly death tolls have soared recently. January's toll of more than 1,000 killed was the highest in almost six years. Canon Andrew, a partner of The Voice of the Martyrs, recently shared that some of the young people at the church he leads have been among those tragically killed. His Christian friends are leaving and begging him to leave too. "Hundreds of our people have left the church because they have left the country," he explains. "The hundreds left are those who cannot afford to leave, so the poverty and needs seem greater than ever. I honestly cannot tell you how terrible things are. We are in more than a desperate crisis. We need your prayers." Yet Canon Andrew remains resolute. "I will not leave my people here, however bad it is," he says. "I am not leaving, and neither is God." Trusting that God is indeed present and at work in Iraq, let us bring this country to Him in prayer. Pray that He will use Canon Andrew and other leaders like him to faithfully shepherd the dwindling Christian population. Through their example, may believers be encouraged to remain steadfast in their faith, despite the instability and the constant risks. May the church there be a vessel of God's peace, extending love to all their neighbours. Pray, too, for an end to the fighting and bloodshed in Iraq which have been mainly caused by tensions between Sunni militants and the Shia-dominated government. To learn more about Canon Andrew's ministry and the powerful ways in which God is at work in Iraq, check out VOM's recent 18-minute documentary at Persecution.TV.
KENYA: Pastor Murdered While Guarding Church. Sources: VOM USA, Morning Star News, World Watch Monitor. Assistant Pastor Lawrence Kazungu Kadenge was murdered in the early morning hours of February 2nd while guarding the Glory of God Ministries Church in Mombasa. Although police are still investigating the murder, it is believed that radical Muslims may have killed the 59-year-old pastor for alerting police about security threats and for preaching the Gospel near a mosque. Pastor Lawrence leaves behind his wife, Lydia, and their 13 children. "It is very hard for me because we worked very closely together," said the church's senior pastor. "His family has been hit very hard. All of us, the family and congregants, need prayer as we grieve his loss. We need God's comfort. Please pray for us." Several days before Pastor Lawrence's murder, a controversial mosque in Mombasa was raided by police on the suspicion that the mosque was being used to recruit Muslim youth to engage in terrorist acts against Kenyan civilians. Police arrested 125 young people during the raid. One person was killed, and two police officers were seriously injured. Pastor Lawrence's death has increased fears among other pastors in the area. Several other church leaders have been murdered, and radical Muslims, who are attempting to create an independent state along the coastal area, have attacked churches. As Lydia and her children, along with members of their Christian community, mourn the loss of Pastor Lawrence, pray that through Christ they will be able to share abundantly in His comfort (2 Corinthians 1:5). Pray for guidance and strength for the church's senior pastor, as well as the leaders of other area churches. May God grant them boldness to be 'salt' and 'light' to others of their community, especially to those who oppose them. Finally, intercede on behalf of the mosque leaders and the Muslim youths, asking God to open their hearts to the Gospel of Jesus Christ. To post a prayer of support and encouragement for this grieving family and congregation, please visit our Persecuted Church Prayer Wall.
RECENT PRISONER UPDATE. KAZAKHSTAN: Pastor Receives Suspended Prison Term. Sources: Forum 18 News Service, World Watch Monitor. Bakhytzhan Kashkumbayev. Photo: World Watch Monitor. On February 17th, a retired pastor accused of harming the health of a church member was handed a four-year suspended prison sentence. Bakhytzhan Kashkumbayev was also ordered to pay his alleged victim "moral damages" of two million tenge (approximately $12,000 CAD). The case against Pastor Bakhytzhan dragged on for months after his arrest in May of 2013, when he was charged with the psychological manipulation of Lyazzat Almenova, 34, through the use of a "red-coloured hallucinogenic drink." In reality, the drink was a harmless, non-alcoholic beverage used as part of the church's Holy Communion to represent red wine. Although she insists her pastor is "totally innocent," Pastor Bakhytzhan was arrested after Lyazzat's mother claimed that her daughter's mental health had been damaged due to attending the church. (For more information on his arrest, please visit this page.)"In my experience as a lawyer, this is one of the strangest cases I have seen in terms of legality," said the pastor's lawyer after the verdict was handed down. "It was not just strange but, from the standpoint of the law, all types of violations occurred when the case was opened, when it was being investigated, and during the trial." Pastor Bakhytzhan will reportedly appeal the verdict. As Pastor Bakhytzhan and his lawyers work towards appealing this latest verdict, pray that God will grant them wisdom and endurance. May the charges against him soon be dropped! Ask God to strengthen this pastor's faith, encouraging him to stand strong as he weathers this storm. Pray, too, for Lyazzat and her family. May her understanding and acceptance of the Gospel increase each day, and may her family members come to a saving faith in our Saviour. Finally, bring the country of Kazakhstan to God in prayer, asking that He will enable His church to grow in faithfulness and in number. Countless Christians around the world are persecuted for their faith in Jesus Christ. The Voice of the Martyrs Canada stands alongside persecuted brothers and sisters worldwide. We help Christians who are, or have been, persecuted for their involvement in spreading the gospel; we love and support believers who are willing to invite their fellow men, even their persecutors, to Jesus Christ; and we encourage persecuted Christians by giving their testimony a voice, informing Christians in Canada to know how to help. Join us in raising awareness of and reaching out to the persecuted Church!

tutti i nazi Paesi, senza libertà di religione, da sottoporre al voto di sterminio, il sangue innocente di martiri cristiani innocenti, che, loro hanno versato, o hanno permesso, con il loro silenzio, che, fosse da altri versato, sull'altare di satana Obama gender, 666 Rothschild, 322 Bush senior: "noi vinceremo il cazzo nel culo! " tutto sotto egida: Onu Amnesty? tutto questo, grida vendetta, continuamente, presso il Trono di Dio: JHWH holy, holy holy. .. ed i miei occhi? non avranno pietà! ] AFGHANISTAN ALGERIA ARABIA SAUDITA AZERBAIGIAN BANGLADESH BHUTAN BRUNEI CINA COMORE COREA DEL NORD, CIPRO CUBA EGITTO INDIA INDONESIA IRAN IRAQ KUWAIT LAOS LIBIA MALAYSIA MALDIVE MAROCCO MAURITANIA BIRMANIA NEPAL NIGERIA OMAN PAKISTAN QATAR SIRIA SOMALIA SRI LANKA SUDAN TAGIKISTAN TIBET TUNISIA TURCHIA TURKMENISTAN UZBEKISTAN VIETNAM YEMEN EMIRATI ARABI,

03/03/2014. #ISRAELE. la guerra mondiale è vicina! questi parassiti, vigliacchi, che sconfessano tutti i loro ideali, su una cosa hanno ragione, devono far parte, di una brigata, unicamente dedicata a loro ed unicamente maschile! e questo corpo militare specifico, deve essere realizzato immediatamente! infatti, proprio loro hanno bisogno di dare l'esempio! ] [ Ebrei ultraortodossi manifestano, contro, il servizio militare: "Un attentato alla Torah". di Joshua Lapide. Almeno 500mila persone, adulti, giovani, bambini, hanno bloccato Gerusalemme per alcune ore. Secondo gli Haredim, il servizio militare blocca gli studi della Bibbia e mette a rischio l'educazione morale dei loro giovani. Ma, il mondo laico israeliano li accusa di essere "parassiti" perchè, vivono con le sovvenzioni statali. Gerusalemme (AsiaNews) - Centinaia di migliaia di ebrei ultraortodossi (Haredim) hanno invaso ieri il centro della città di Gerusalemme, per contestare la bozza di una nuova legge che prevede il servizio militare per un maggior numero di loro studenti e multe e arresti per chi si sottrae. La legge dovrebbe entrare in vigore a metà del 2017. Gli Haredim rifiutano di sottostare al servizio militare perché in tal modo essi "non possono dedicarsi in modo completo allo studio della Torah (la Bibbia ebraica)" e perché la promiscuità della vita di caserma, in una mescolanza di maschi e femmine, mina la loro educazione morale e li espone alle tentazioni. La manifestazione di ieri è stata abbastanza pacifica. Almeno 500 mila persone vi hanno partecipato: rabbini, giovani, adulti e famiglie con i loro numerosi figli. Vi sono stati momenti di preghiera coi salmi e poi la recita della professione di fede ebraica, lo "Shema Israel". Alla fine si è data lettura ad alcune risoluzioni, chiedendo al governo di non far passare la bozza di legge, in discussione nelle prossime settimane perché essa "potrebbe danneggiare coloro che studiano la Torah, costringendoli a lasciare gli studi fino a gettarli in prigione, ciò che è uno sradicamento della Torah e un sacrilegio contro il Cielo". Gli Haredim sono esenti dal servizio militare fin dal 1948, data della nascita dello Stato d'Israele. A quel tempo vi erano sono 400 studenti di yeshiva (scuole rabbiniche ortodosse). Al presente, dato anche un alto tasso di crescita demografica al loro interno, gli ultraortodossi sono divenuti il 10% della popolazione. La maggior parte degli uomini, che si dedica allo studio della Bibbia, sono sovvenzionati dallo Stato e da donazioni di privati. Pesando sul bilancio pubblico e non avendo il servizio militare, essi sono invidiati e criticati dalla popolazione laica, costretta a tre anni di ferma obbligatoria e a pagare tasse. Per questo gli Haredim vengono spesso definiti dei "parassiti". Fino ad ora, alcuni dei partiti ultraortodossi, con pochissimi deputati alla Knesset, sono stati spesso necessari per le alleanze di governo, riuscendo a garantire aiuti governativi alle loro comunità. Con le elezioni dello scorso anno, per la prima volta non vi sono partiti ultraortodossi nel governo e così alcuni partiti stanno spingendo il premier Benjamin Netanyahu a prendere provvedimenti perché anche gli Haredim partecipino a sostenere "gli oneri sociali".

03/03/2014 CINA e Pyongyang? anche se tardivamente, anche, Pyongyang ha capito, chi è: Unius REI, è lui che comanda sul mondo! ] Strage di Kunming, una veglia per ricordare i 29 morti e gli oltre 130 feriti. Un centinaio di persone si è riunito in modo spontaneo nella stazione dove è avvenuto il massacro. Gli aggressori hanno fatto irruzione armati di machete e mannaia, colpendo in modo indiscriminato i presenti. Per Pechino i responsabili sono "indipendentisti" di etnia uighura, ma non vi sono prove a sostegno di questa tesi.03/03/2014 COREA. Pyongyang libera il missionario australiano John Short: Atto umanitario, ha confessato. Il missionario, 75 anni, era stato arrestato lo scorso 16 febbraio per aver distribuito materiale religioso. Altri due missionari, Kenneth Bae e Kim Jeong-wook, ancora nelle mani del regime.

Catholic church Charged Chennai Chhattisgarh

instillare nei bambini l'ideologia gender
Disney boicotta Boy Scout, esclude gay tra capi. SIAMO ORMAI ALLA CRIMINALIZZAZIONE, della Bibbia e dei cristiani.. Compania ha deciso di non finanziare piu' organizzazione. Questà è ormai criatianofobia! 02 marzo, 18:01 Topolino boy scout. Disney boicotta Boy Scout, esclude gay tra capi. Walt Disney Company ha deciso di non finanziare piu' i Boy Scout per punire la loro scelta di non nominare ragazzi gay tra i suoi capi. La Disney ha cosi' stabilito che non dara' piu' soldi alla Boy Scout of America, attraverso il suo programma VoluntEARS che permette ai propri dipendenti di offrire ore di lavoro volontario in cambio di soldi in contanti con cui finanziarie varie iniziative di beneficenza gestite dagli Scout. Insomma, per la multinazionale di Topolino, non e' bastata la scelta dei 'lupetti' di ammettere giovani omosessuali al loro interno, visto che tuttora rimane in piedi la messa al bando per quanto riguarda i vertici dell'organizzazione. Se si manipolano le parole. Come l'ideologia del gender si è insinuata nelle dichiarazioni internazionali violando, tra l'altro lo spirito della dichiarazione universale dei diritti dell'uomo.
15 maggio 2012. L'agenda del genere fa divorziare la persona umana da se stessa, dal suo corpo e dalla sua struttura antropologica.
La cultura nella quale viviamo racchiude i frutti positivi di un processo storico segnato dalla decolonizzazione (avendo un potente movimento concesso alle donne uno status sociale mai raggiunto prima) e dalla caduta del marxismo-leninismo. In un tempo di globalizzazione accelerata, essa sembra celebrare, forse più che, in qualsiasi cultura precedente, l'uguaglianza di tutti gli esseri umani. La nostra generazione ha anche, la possibilità di scoprire e di meravigliarsi dell'affascinante diversità dei popoli e delle culture, e del loro contributo specifico e insostituibile all'umanità. Percepiamo però, un pericolo in un processo definibile come globalizzazione che, s'impone dall'alto e che, sotto forma di pari diritti e di non discriminazione, utilizza i canali del governo mondiale per cercare di adattare un consenso a interessi particolari, attraverso un uso manipolatore del linguaggio nel corso del processo di costruzione di tale consenso. Non possiamo negare l'esistenza di una lotta culturale, politica e giuridica, che ha luogo in questo forum riguardo all'identità sessuale, all'orientamento sessuale, al contenuto dei diritti e al senso dell'universalità.
In questa lotta il linguaggio è un fattore critico. Esaminiamo la storia del termine genere nel discorso dell'Onu.
Il termine è entrato nel linguaggio dei testi negoziati, a livello internazionale, attraverso i documenti di consenso non-vincolanti del processo delle conferenze dell'Onu degli anni Novanta.
Ha avuto grande successo nella Piattaforma d'azione di Pechino (1995), dove la prospettiva del genere, è stata al centro e la parità dei sessi è stata l'obiettivo principale. Sulla scia di Pechino, il Segretariato dell'Onu ha subito condotto, con grande efficacia, un esercizio d'integrazione della prospettiva del genere (gender mainstreaming) attraverso tutto il sistema dell'Onu. La parità dei sessi è stata rapidamente identificata come priorità trasversale, del governo mondiale, divenendo in pratica una condizione dell'aiuto allo sviluppo.
Il significato tradizionale del genere si riferisce alle categorie grammaticali maschile, femminile e neutro, nelle lingue antiche e in quelle moderne.
Ma i sociologi e gli psicologi appartenenti all'intellighenzia postmoderna occidentale, dalla metà degli anni Cinquanta, hanno elaborato un significato molto diverso.
Nutrendosi allo stesso tempo del femminismo radicale, e del movimento omosessuale (che hanno entrambi lottato per ottenere l'uguaglianza solo in termini di potere sociale), hanno distinto il genere dal sesso, limitando il sesso alle caratteristiche biologiche, che definiscono uomini e donne, e utilizzando il genere in riferimento a quelli che consideravano essere i ruoli socialmente costruiti dalla società per uomini e donne. In pratica hanno trattato la maternità, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, la complementarietà tra i due, l'identità sponsale della persona umana, la femminilità e la mascolinità, l'eterosessualità, come altrettante costruzioni sociali o stereotipi che sarebbero contrari all'uguaglianza, discriminatori e, pertanto, da decostruire culturalmente.
Al termine del processo rivoluzionario, lo stesso corpo maschile e femminile era considerato come socialmente costruito.
L'agenda del genere fa divorziare la persona umana da se stessa, per così dire dal suo corpo e dalla sua struttura antropologica. Così radicalmente ridefinito, il genere è una pura costruzione intellettuale, difficile da cogliere per le culture non-occidentali.
14 febbraio 2014. Gender in classe: mondo capovolto. "Educare alla diversità a scuola": tre volumetti prodotti dal Dipartimento per le Pari opportunità (dipende dalla presidenza del Consiglio dei ministri), dall'Unar (Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali) e dall'Istituto Beck. È diretto alle scuole primarie, alle secondarie di primo grado e a quelle di secondo grado.
In teoria dunque tre guide intenzionate a sconfiggere bullismo e discriminazione, garantendo pari diritti a tutti gli studenti.
[ instillare nei bambini ] In realtà, a leggerne i contenuti, una serie di assurdità volte a "instillare" (questo il termine usato) nei bambini, fin dalla tenera età, preconcetti contro, la famiglia, la genitorialità, la fede religiosa, la differenza tra un padre e una madre...
Al loro posto un relativismo che non lascia scampo ad alcun valore. Il tutto mascherato da rispetto per le diversità (quando invece si cerca di omologare tutto, raccomandando persino di appiattire la preferenza nei maschi per il calcio o la Formula 1 rispetto alle femmine) e per diritto alla propria identità (quando viene negata anche quella di uomo e donna, trattati come pura astrazione).
Ma che uso fare dei tre volumi? Quale il loro effettivo destino? C'è il rischio che la dittatura del gender entri prepotentemente, così come auspicato nel testo, nelle aule dei nostri figli e ne influenzi pesantemente la crescita armonica?
"Dal punto di vista puramente tecnico si tratta di materiali didattici che l'ufficio delle Pari opportunità mette a disposizione di insegnanti e studenti, spiega Roberto Pellegatta, preside dell'Istituto professionale statale "Meroni" di Lissone (Milano),, dunque necessita assolutamente del parere concorde di docenti e genitori, come avviene per i libri di testo e per qualsiasi materiale didattico. Poiché va nelle mani dei ragazzini, esige obbligatoriamente il parere del consiglio di classe e la votazione del collegio". Non tocca al preside proporre tali testi, ma all'insegnante, nella piena libertà di insegnamento prevista dalle norme.
"Io sono preside alle superiori, aggiunge, ma mi sono confrontato anche, con i colleghi delle medie e delle elementari e a nessuno pare materiale appropriato per la scuola: potrebbe essere adottato solo laddove qualche singolo docente volesse agitare posizioni molto ideologiche e usarlo come strumento di battaglia". L'ufficio delle Pari opportunità, infatti, presenta i tre volumetti come ausilio contro il bullismo e la discriminazione, "ma nei contenuti è evidente la battaglia ideologica. Lascia il tempo che trova e io penso che non valga nemmeno la pena contrastare un'operazione tanto lontana dalla realtà. Ciò che preoccupa invece è che sia stato prodotto spendendo soldi dell'Unione Europea: era lì che bisognava contrastare il progetto". Tutta colpa delle fiabe. "A un bambino è chiaro da subito che, se è maschio, dovrà innamorarsi di una principessa, se è femmina di un principe. Non gli sono permesse fiabe con identificazioni diverse". Così si legge nell'introduzione al volume Educare alla diversità rivolto ai bambini delle elementari. In effetti è vero: sono millenni che gli dei si innamorano delle dee, che i cavalieri combattono per le donzelle, che Cenerentola balla col principe e Biancaneve si risveglia al bacio di un uomo... Siamo tutti cresciuti con queste certezze, e tutto sommato non siamo venuti su male (o non per questo, comunque). Eppure a leggere l'introduzione alle linee guida per "insegnanti rispettosi delle differenze" nonché le schede di lavoro da svolgere con i bambini, tanta omofobia causa confusione mentale tra i piccoli. "Questi sono gli anni in cui i bambini di solito cominciano a formarsi un'idea di se stessi e delle persone che li circondano" dunque occorre "incoraggiare la diversità": spesso i genitori e la scuola sono legati agli "stereotipi" della famiglia formata da un padre uomo e una mamma donna e "come risultato molti bambini trascorrono gli anni della scuola elementare senza accenni positivi alle persone LGBT" (lesbiche, gay, bisessuali e transgender).
Ma c'è di peggio, avverte il testo: "Nella nostra società si dà per scontato che l'orientamento sessuale sia eterosessuale e la famiglia, la scuola, gli amici si aspettano, incoraggiano e facilitano un orientamento eterosessuale"...
Errori magari compiuti in buona fede, ma proprio per questo ecco pronte le linee guida che rieducano prima gli insegnanti con una serie di esercizi, per poi crescere i bambini nella consapevolezza che i due generi maschio e femmina sono roba vecchia, così come il concetto di famiglia (al singolare), di madre e padre e via andare.
E I DUE RE VISSERO FELICI E CONTENTI
Ecco allora le linee guida per i maestri: attraverso la letteratura, il cinema o invitando ospiti gay o trans, dimostrare ai bambini che, ci sono "uomini e donne, così, come famiglie, diversi" da quello che viene liquidato non come "stereotipo da pubblicità" (a questo è ridotta la famiglia!).
Al bando quindi tutta la letteratura per bambini, dalle fiabe a Pinocchio, ma anche Bambi o gli Aristogatti (materiale chiaramente omofobo)? E ancora: "Non usare analogie che facciano riferimento a una prospettiva eteronormativa" cioè che sottintenda anche involontariamente "che l'eterosessualità sia l'orientamento normale": insomma, vietato insinuare ad esempio che il re torna a casa dalla regina: "Tale punto di vista può tradursi infatti nell'assunzione che un bambino da grande si innamorerà di una donna e la sposerà" (gravissimo periglio).
Guai poi all'insegnante che si aspetti che gli studenti di sesso maschile siano ad esempio più interessati "alla Formula 1": la parola d'ordine è appiaTtire le differenze, uniformare, negare l'evidenza, incoraggiare le femmine a tirare di pallone e i maschi a parlare intanto "di cucina o di shopping".
Il maestro è invitato a combattere l'omofobia in modo interdisciplinare, anche nei problemini di aritmetica: "Rosa e i suoi due papà comprano due lattine, se, ogni lattina costa 2 euro quanto hanno speso?". Difficile credere che tutto questo non sia uno scherzo. Incredibili poi le domande-tipo: "Un pregiudizio diffuso nei paesi di natura fortemente religiosa è che il sesso vada fatto solo per avere bambini"... Poiché invece la cosa che conta è il rispetto del partner coinvolto nell'atto sessuale (lo ricordiamo, siamo elle elementari!) "potremmo ribaltare la domanda chiedendoci: i rapporti sessuali eterosessuali sono naturali?". Gradatamente il mondo è capovolto. Non è chiaro che fine potrebbero fare a questo punto l'Odissea, con Penelope instancabilmente donna, moglie e madre, o I Promessi Sposi, biecamente tradizionali (con l'aggravante della fede, visto che il testo colpisce spesso la religiosità come causa di atteggiamenti chiusi e retrogradi). "Visione di film e documentari a tematica omosessuale" completano il quadro, mentre "cartoncini, pastelli, matite colorate" non servono più agli antichi lavoretti di un tempo (ricordate?) ma per cartelloni del tipo "che cosa fa una famiglia quando ci sono due mamme o due papà?". Per obiettività occorre dire che i passaggi contro il bullismo sono assolutamente condivisibili, ma non si capisce perché solo in tema di omosessualità: e i bimbi presi di mira perché credenti? Derisi perché vanno a Messa e fanno pure il chierichetto? O quelli disabili? Il ministero della Pari opportunità non pensa a delle Linee guida per loro? O non siamo tutti uguali e con pari diritti?
ETERO CIOÈ NON NORMALE. Passando alle scuole medie e alle superiori, "coloro che durante questo periodo di sviluppo si accorgono di essere gay, lesbiche o bisessuali" si trovano a sostenere sfide "peculiari del loro orientamento" dunque, i loro insegnanti devono attrezzarsi, perché non basta "essere gay-friendly" è necessario "essere gay-informed".
E su questo modulare l'insegnamento scolastico. La metodica è sempre quella prevista per le elementari: non proporre mai situazioni in cui si presume, che un uomo ami una donna, due genitori siano maschio e femmina, il libro o il film presentino come "normale" un rapporto etero, anziché come "solo uno dei possibili orientamenti sessuali".
E se, di nuovo sono ovvie e condivisibili tutte le raccomandazioni contro violenza e bullismo (e ci mancherebbe pure), il resto è un groviglio di attività e concetti del tutto slegati dalla vita reale e da quella scolastica. Gli autori dimenticano che qualsiasi problematica di un alunno, etero o omosessuale che sia, da che mondo è mondo richiede tutta l'esperienza e la capacità introspettiva del docente, mentre qui sembra che esista esclusivamente la sensibilità del ragazzo omosessuale: gli altri possono tranquillamente crescere e maturare imparando che i due sessi sono un'astrazione, così come la famiglia e tutto ciò che ne consegue (i figli, il matrimonio), che tutto è relativo. Le attività con i ragazzini delle medie (11-14 anni) vanno da "Famiglie in tv" (oggi c'è solo l'imbarazzo della scelta, comunque "l'insegnante consiglia Giudice Amy; Modern family; Tutto in famiglia... "); a "Il gioco delle associazioni di parole" ("Cosa vi viene in mente quando dico le parole gay, lesbica, bisessuale, trans?" chiede il prof); al "Gioco dei fatti e delle opinioni": "Uno studente può dire che due uomini che fanno l'amore sono disgustosi, queste le istruzioni,. A quel punto l'insegnante fa notare che questa è un'opinione, un giudizio personale, derivata dal fatto che siamo poco abituati a questo dal cinema e dalla televisione": "È un fenomeno che per noi non è stato reso normale" nulla più. Va da sé che "milioni di bambini crescono con genitori omosessuali" e sono beatissimi, (se ne desume che nozze gay e adozione di figli sarebbero sacrosanti): "L'impossibilità di sposarsi può avere un impatto sul benessere dei genitori e conseguentemente dei figli" altrimenti felicissimi di avere due papà o due mamme. Per le superiori il tutto si ripete pressoché identico, e questa sì è un'astrazione, che non tiene conto di quanto un 12enne sia diverso da un 18enne: stessi giochi, stesse attività, persino stessi film proposti. Ad esempio "Kràmpack" (regia di Cesc Gay, e non è un gioco di parole): "Nico e Dani sono due ragazzi 16enni che si apprestano a trascorrere le vacanze insieme. È l'estate della perdita della verginità. I due in passato avevano condiviso giochi di masturbazione reciproca...". Se questa è scuola. Lucia Bellaspiga. © riproduzione riservata
[ ideologia gender è un crimine costituzionale, dalla tolleranza, uguaglianza, al nazismo! ] [ l'ovvio non ha bisogno di essere dimostrato, i rapporti contro, natura sono delle perversioni sessuali, voi state destabilizzando la società. ] 25 febbraio 2014. Gender a scuola, i genitori: il governo ritiri. "Sono la mamma di un bambino di 10 anni che frequenta la quinta elementare in una scuola statale di Roma: mi aiuta a capire quali cambiamenti stanno avvenendo nella scuola all'insaputa delle famiglie?". Questa lettera è giunta nei giorni scorsi sul tavolo di Roberto Gontero, coordinatore del Forum delle associazioni dei genitori della scuola (Fonags) e ben rappresenta lo stato d'animo delle famiglie, che si scoprono indifese rispetto all'offensiva delle lobby gay e Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transesessuali) nelle scuole. Questa mamma dà sfogo al "non poco disagio" creato, a lei e al marito, dalle domande del figlio decenne, di ritorno da una "lezione" su sessualità e omosessualità. "Sia io che mio marito, scrive la donna, siamo dell'idea che non sia necessario affrontare tali temi con bambini di quinta elementare. E soprattutto siamo indignati perché non ci è stata richiesta alcuna autorizzazione". Ma chi la doveva richiedere, se la stessa Strategia nazionale messa a punto dall'Unar, cornice istituzionale entro cui si collocano le iniziative nelle scuole, come questa di Roma, è stata messa a punto con il contributo di ben 29 associazioni gay e Lgbt, senza nemmeno coinvolgere il Fonags? "Il nostro, ricorda Gontero, che è anche presidente dell'Agesc, l'associazione dei genitori della scuola cattolica, è un organismo consultivo del Ministero dell'Istruzione che, per legge, deve essere, appunto, consultato. Ci chiedono pareri su tutto, dal bullismo alla didattica digitale, ma su questa questione siamo stati totalmente tenuti all'oscuro. Come genitori ci siamo sentiti scavalcati". Il coordinatore del Fonags ha così scritto una lettera all'allora ministro Carrozza, sollecitando l'emanazione di una circolare urgente alle scuole per chiedere, qualora ci fosse la necessità di trattare queste tematiche in classe, di farlo solo dopo aver ricevuto il consenso scritto dei genitori. "Purtroppo, conclude Gontero, fatti come quello raccontato dalla mamma romana e come i tanti che stanno accadendo in altre parti d'Italia, contribuiscono a frantumare il patto educativo tra famiglia e scuola, che si fonda sulla fiducia reciproca. Se i genitori, invece, non si fidano più della scuola, il sistema dell'educazione si avvia verso a propria distruzione. E questo non è accettabile". La preoccupazione di Gontero è la stessa di Fabrizio Azzolini, presidente nazionale dell'Associazione genitori (Age) e membro del Fonags, che chiede un ripensamento del governo circa la Strategia nazionale targata Unar. "Il 5 marzo incontreremo il nuovo ministro Giannini per la presentazione delle linee programmatiche, annuncia Azzolini,. L'auspicio è che il nuovo corso si annunci diverso dal vecchio, che su queste tematiche non ci ha minimamente tenuto in considerazione. Come si fa ad avere fiducia in uno Stato che tratta così chi, come l'Age, è nella scuola da 46 anni, per dare voce soltanto a una parte ben orientata? Forse dovremmo diventare gay per ottenere l'attenzione del governo?". Provocatoria, ma fino a un certo punto, la questione posta da Azzolini. È bene ricordare, infatti, che, soltanto nel 2013 e soltanto dall'Unar, le associazioni gay e Lgbt hanno ricevuto finanziamenti pubblici per 250mila euro. Sulla "totale espropriazione dei genitori della titolarità dell'educazione" dei propri figli, torna il presidente del Forum nazionale delle associazioni familiari, Francesco Belletti, ricordando che il diritto-dovere dell'educazione è sancito dall'articolo 30 della Costituzione. "Ci stupisce, prosegue, come queste associazioni abbiano avuto libero accesso alla scuola, senza che le famiglie, ne fossero informate. Così si lede il diritto alla cittadinanza attiva dei genitori nella scuola". Non si stupisce, invece, Simone Pillon, responsabile della Commissione relazioni familiari e diritti del Forum nazionale e presidente del Forum delle famiglie dell'Umbria, autore di un vademecum di difesa per le famiglie. "Da noi lavorano così da anni. Per questo sarebbe bene che il governo ritirasse la Strategia e si aprisse un nuovo confronto con la presenza, questa volta, anche delle associazioni familiari". Paolo Ferrario.© riproduzione riservata
Rincorrendo l'utopia dell'uguaglianza. La teoria del "gender" nega che l'umanità sia divisa tra maschi e femmine. 10 febbraio 2011.
È in corso a Pamplona, fino all'11 febbraio all'Universidad de Navarra, il primo congresso internazionale sull'ideologia del gender. Anticipiamo il contributo che uno dei relatori ha sintetizzato per il nostro giornale.
Negli ultimi decenni del XX secolo nei Paesi occidentali abbiamo assistito a una rivoluzione concettuale fondata su manipolazioni del linguaggio, cioè la sostituzione del concetto di differenza sessuale con il termine indeterminato gender . In sostanza, alcuni intellettuali e politici hanno cercato di rendere concreta e condivisa l'affermazione del famoso libro di Simone de Beauvoir Il secondo sesso : "Donne non si nasce, ma si diventa".
Le ragioni che hanno permesso e favorito il sorgere di questa nuova ideologia sono molte, e di diversa natura. Da una parte, la caduta del muro di Berlino, a cui è pochi anni dopo seguita la grave recessione economica mondiale, hanno messo in crisi tutti gli apparati ideologici che avevano intessuto la vita politica: crollano infatti tutti i tipi di ideologia comunista e socialista, e poi anche il liberalismo capitalista.
In questo vuoto, la caccia a nuovi valori con cui giustificare le scelte politiche ha portato a una sorta di divinizzazione dei Diritti umani, che da obiettivo che le società si dovevano porre sono diventati i valori guida indiscutibili, anche se spesso manipolati, subendo un ampliamento e una trasformazione. L'utopia dell'uguaglianza, che aveva animato la lotta politica dell'Ottocento e del Novecento, rinasce in settori prima marginali, come il femminismo, che diventa così una forma ideologica centrale, capace di riempire il vuoto lasciato dal fallimento delle ideologie comuniste. Per rafforzarsi, il femminismo doveva costituirsi come ideologia utopica che si richiamava all'utopia dell'uguaglianza, e doveva avere una conferma "scientifica" così come il comunismo di Marx, che si era autodichiarato "socialismo scientifico".
La teoria del gender è un'ideologia a sfondo utopistico basata sull'idea, già propria delle ideologie socio-comuniste, e fallita miseramente, che l'eguaglianza costituisca la via maestra verso la realizzazione della felicità. Negare che l'umanità è divisa tra maschi e femmine è sembrato un modo per garantire la più totale e assoluta eguaglianza, e quindi possibilità di felicità, a tutti gli esseri umani. Nel caso della teoria del gender, all'aspetto negativo costituito dalla negazione della differenza sessuale, si accompagnava un aspetto positivo: la totale libertà di scelta individuale, mito fondante della società moderna, che può arrivare anche a cancellare quello che veniva considerato, fino a poco tempo fa, come un dato di costrizione naturale ineludibile. La teoria del gender comprende quindi un aspetto politico (la realizzazione dell'uguaglianza e la possibilità senza limiti di scelta individuale), un aspetto storico-sociale (la giustificazione a posteriori della fine del ruolo femminile nelle società occidentali) e un aspetto filosofico-antropologico più generale, cioè la definizione di essere umano e il rapporto fra questo e la natura. L'ideologia del gender è dunque una delle tante derive che ha preso l'utopia dell'uguaglianza. Scrive infatti Michael Walzer: "Alla radice, il significato dell'uguaglianza è negativo" mira a eliminare non tutte le differenze ma un insieme particolare di differenze, che varia secondo l'epoca e il luogo.
La trasformazione sociale in corso sta muovendosi verso la cancellazione di tutte le differenze, anche di quella, fondamentale in tutte le culture, fra donne e uomini, con un ritmo che si è fatto sempre più veloce dopo la diffusione degli anticoncezionali chimici, negli anni Sessanta. La separazione fra sessualità e riproduzione, infatti, ha permesso alle donne di adottare un comportamento sessuale di tipo maschile, che forse non si adatta alla natura femminile, e dunque probabilmente non contribuisce ad aumentare la felicità delle donne, anche se questo è un altro discorso, e quindi di svolgere dei ruoli maschili rimuovendo ogni ostacolo, e cioè abolendo anche la maternità.
La separazione fra sessualità e procreazione ha provocato una separazione fra procreazione e matrimonio, e quindi anche fra sessualità e matrimonio: possiamo cogliere qui le condizioni per l'affermarsi dei "diritti" al matrimonio e al figlio avanzati dai gruppi omosessuali, e strettamente collegati all'idea di gender, cioè alla negazione dell'identità sessuale "naturale".
Come il filosofo francese Marcel Gauchet ha messo in luce, queste trasformazioni hanno profonde conseguenze sul piano sociale: se la sessualità smette di essere un problema collettivo collegato al prolungamento del gruppo umano nel tempo, e diventa un affare privato ed espressione della propria individualità, ne discende ovviamente una crisi dell'istituto famigliare e un cambiamento nello statuto dell'omosessualità. Mentre una volta, infatti, era la famiglia che produceva il figlio come ovvia conseguenza dell'attività sessuale dei coniugi, oggi sempre più spesso è il figlio desiderato che crea la famiglia. E può essere considerata famiglia quella di chiunque desideri un figlio.
Circa cinquanta anni dopo che la de Beauvoir aveva scritto quella frase, la sua idea sembrava finalmente trionfare. Se le identità sessuali sono solo costruzioni culturali, è possibile decostruirle, ed è quello che si propongono di fare movimenti femministi e omosessuali.
La chiave della rivoluzione del gender è il linguaggio, come si deduce da qualche ordinamento giuridico, dove solo cambiando qualche termine, "genitore" invece di "madre" e "padre" "parentalità" invece di "famiglia", si è riusciti a cancellare nei documenti la famiglia naturale. Con un'altra operazione artificiosa si sostituiscono "sesso" con "sessualità" e "sessuato" con "sessuale" per confermare che non conta la realtà, ma solo l'orientamento del desiderio. Come però ricorda lo studioso Xavier Lacroix, rimane invece indispensabile "riconoscere l'apporto che il carnale dà al simbolico e al relazionale": capire cioè che l'ancoraggio fisico della paternità in un corpo maschile e della maternità in un corpo femminile costituisce un dato di fatto irriducibile e strutturante che deve essere recepito non solo come un limite, ma come una fonte di significato. Bisogna ammettere che al di là dello spermatozoo o dell'ovulo c'è qualcuno, mentre il concetto di omoparentalità elimina qualunque leggibilità carnale dell'origine. I diversi sistemi di parentela che esistono al mondo hanno variamente articolato il fisico e il culturale, ma li hanno sempre articolati, perché la sfida centrale della famiglia consiste proprio nel tenere insieme coniugalità e parentalità.
Si tratta quindi di una vera e propria sfida antropologica al fondamento culturale non solo della nostra società ma di tutte le società umane, come dimostra la critica avviata dai teorici del gender (per esempio, dalla filosofa americana Judith Butler) a Lévi-Strauss e a Freud, colpevoli di avere fondato i loro sistemi di pensiero sulla differenza sessuale fra donne e uomini. E la demonizzazione di ogni tipo di differenza non solo si basa su una utopia di uguaglianza proposta come via maestra verso la felicità, un'utopia che senza dubbio ha le sue origini proprio in quella socialista che ha mostrato le sue disastrose realizzazioni nel secolo appena trascorso, ma in questo caso si arriva a un esito estremo del pensiero decostruzionista, e cioè alla negazione dell'esistenza della natura stessa. Se ogni tipo di differenza, sancita da una definizione sociale, è letto come un sistema di potere, sulla scorta di Foucault, si può vedere in ogni superamento di paradigma un momento evolutivo di liberazione, secondo una nuova forma di darwinismo sociale. Le forme più diffuse e più facilmente vivibili di relazioni affettive e sessuali sono così considerate come quelle evolute, che quindi devono imporsi, mentre l'"eterocentrismo" viene considerato un momento della storia dello sviluppo umano ormai non più adatto e da superare.
L'ideologia del gender è stata recepita con entusiasmo soprattutto dalle organizzazioni internazionali, perché corrisponde alla politica di allargamento dei diritti individuali che è considerata il fondamento della libertà democratica: il problema del genere è stato al centro della battaglia politica nelle conferenze Onu del Cairo e di Pechino. È una storia poco conosciuta, cioè come, per esprimersi con le parole dell'Istituto di ricerca per l'avanzamento delle donne (Instraw), "adottare una prospettiva di genere significa (...) distinguere tra quello che è naturale e biologico da quello che è costruito socialmente e culturalmente, e nel processo rinegoziare tra il naturale, e la sua relativa inflessibilità, e il sociale, e la sua relativa modificabilità". In sostanza, significa negare che le diversità fra donne e uomini siano naturali, e sostenere invece che sono costruite culturalmente, e quindi possono essere modificate a seconda del desiderio individuale. L'adozione di una "prospettiva di genere" è stata la linea ideologica adottata con forza da alcune delle principali agenzie dell'Onu e dalle Ong che si occupano di controllo demografico, con il sostegno della maggior parte delle femministe dei Paesi occidentali, ma con l'opposizione dei molti gruppi nati a difesa della maternità e della famiglia.



Da qui il termine gender (che è più elegante e neutro di "sesso") non solo è entrato nel nostro linguaggio, ma è usato addirittura nella denominazione di un filone di ricerca accademica, i Gender Studies, spesso però nell'inconsapevolezza del suo rivoluzionario significato ideologico-culturale. Eppure, come gli studi scientifici hanno dimostrato e continuano a dimostrare, parlare di identità maschile e di identità femminile ha senso innanzitutto proprio dal punto di vista biologico. Oltre che infondata, la teoria del gender sottintende una visione politica estremamente pericolosa, facendo credere che la differenza sia sinonimo di discriminazione. Eppure, il principio di uguaglianza non richiede affatto di fingere che tutti siano uguali: solo nella misura in cui l'esistenza della differenza venga effettivamente riconosciuta e considerata, si potrà realmente dare a tutti, allo stesso modo e in pari grado, piena dignità e uguali diritti.



Nulla di nuovo, sia chiaro: è da tempo che il diritto e la filosofia vanno ribadendo come l'autentico significato del principio di uguaglianza risieda non nel disconoscere le caratteristiche individuali, fingendo un'omogeneità che non esiste, ma, al contrario, stia proprio nel dare a tutti le stesse opportunità. Il laico Norberto Bobbio affermava che gli uomini non nascono uguali: è compito dello Stato metterli in condizione di divenirlo. Come ribadiscono, tra gli altri, la Chiesa cattolica e parte del femminismo, la vera uguaglianza si verifica non solo quando soggetti uguali vengono trattati in modo uguale, ma anche quando soggetti diversi vengono trattati in modo uguale. La parità tra i sessi non si ottiene certo facendo entrare le donne in una categoria astratta di individuo (categoria che, tra l'altro, non esiste, essendo tarata sul modello maschile), ma si raggiunge partendo dal presupposto che la società è composta da cittadini e da cittadine.



Una critica radicale dell'ideologia del gender intesa come teoria dell'uguaglianza si è sviluppata infatti all'interno del femminismo: da una parte, nel femminismo americano si è cominciato a individuare una diversa etica, maschile e femminile. Ma da altre intellettuali femministe l'esistenza di una differenza femminile viene negata anche quando questa differenza è proposta in senso positivo, come moralità superiore fondata sull'etica della cura, in contrapposizione alla differenza maschile della giustizia e dei diritti, come ha sostenuto la filosofa Carol Gilligan. Questa tesi, infatti, è stata sottoposta a una critica serrata da un'altra filosofa, Joan Tronto, che considera la predisposizione alla cura solo come una costruzione culturale. Traspare da questa disputa l'ansia di alcune femministe che, nel tentativo di porre fine alla condizione marginale delle donne nella società, preferiscono rinnegare la differenza femminile in cambio di una "neutralità" che sembra loro più rassicurante. Dimenticando, come scrive Sylvane Agacinscki, che "ciò che fonda la parità è l'universale dualità del genere umano" cioè proprio il porre "la differenza sessuale come differenza universale".
Questa linea critica è stata approfondita da Eva Feder Kittay ( La cura dell'amore, Vita e Pensiero, 2010). L'autrice parte da una delle domande chiave del femminismo: come mai le donne, anche quando hanno ottenuto uguali diritti, non ottengono una uguaglianza di fatto nella società? Perché l'uguaglianza si è dimostrata così irraggiungibile per le donne? Kittay risponde dicendo che l'uguaglianza è possibile solo per le donne che non hanno responsabilità di cura, e forse non è il tipo di uguaglianza che le donne desiderano. Secondo Kittay si può delineare una critica dell'ideale di uguaglianza che chiama "critica della dipendenza". Tale critica della dipendenza è una critica femminista dell'uguaglianza e sostiene che la concezione della società vista come associazione di eguali maschera o occulta ingiuste dipendenze, legate all'infanzia, alla vecchiaia, alla malattia e alla disabilità. È necessario quindi cercare di chiarire un'idea di uguaglianza tanto radicale da abbracciare la dipendenza, perché nessuna cultura estesa oltre una generazione può considerarsi al sicuro dalle esigenze della dipendenza. La Kittay afferma quindi che l'uguaglianza sarà sempre formale, o addirittura vacua, finché la prospettiva della differenza non sarà riconosciuta e incorporata nel tessuto della teoria e della pratica politica, anche se è ben consapevole della difficoltà di questo, perché l'incontro con la dipendenza è raramente ben accolto tra coloro che si nutrono di libertà ideologica, di autosufficienza e di uguaglianza. Con la creazione delle utopie di uguaglianza e di autonomia individuale, abbiamo costruito delle finzioni che ci danneggiano, perché fondate su un ideale che presuppone indipendenza, ben lontano dalla realtà. Le donne sanno ormai, sostiene Kittay, che la neutralità di genere non farà che perpetuare quelle differenze che sono già in gioco. Se, d'altra parte, mettiamo in evidenza la differenza, corriamo il rischio di ridurre le donne a mere vittime.
È nota la posizione della Chiesa rispetto a questo tema, ben chiarita dalla Lettera ai vescovi della Chiesa cattolica sulla collaborazione dell'Uomo e della Donna nella Chiesa e nel mondo dell'allora cardinale Ratzinger. È interessante però ritrovare elementi di questa polemica contro il gender anche in molte femministe laiche, che contribuiscono alla creazione di una opinione pubblica critica nei confronti dell'introduzione di questo termine nei testi pubblici e delle leggi che ne derivano. Ci sono inoltre delle contraddizioni interne alla società contemporanea che rendono difficile una vera applicazione della teoria del gender, contro cui si scontrano anche gli organismi internazionali. Come segnala Giulia Galeotti ( Gender Genere, Viverein, 2010), infatti, i nodi irrisolti sono almeno tre: in primo luogo oggi si assiste a un incremento di femminilità e mascolinità nelle donne e negli uomini occidentali, anche nel vestire prevalgono di meno i soggetti indistinti; in secondo luogo la scarsa presenza femminile in Parlamento. La volontà di dividere il potere fra uomini e donne può essere legittima solo se si ammette che il sesso non è un tratto sociale ma un tratto differenziato universale; infine la questione dell'aborto, in cui le legislazioni stabiliscono che solo la donna decide. Ma, se è così, allora le donne esistono!
==============================
Senza fine in Nigeria la violenza di Boko Haram. Oltre trecentomila civili in fuga. 28 febbraio 2014. Civili nigeriani costretti ad abbandonare le loro abitazioni (Reuters). In Nigeria l'efferata violenza dei miliziani islamici di Boko Haram sembra non avere fine. Nelle ultime ore, almeno 33 persone sono state assassinate in tre diversi attacchi del gruppo jihadista nel nord est del Paese africano. Tra i bersagli anche gli allievi di un collegio religioso. Le ripetute violenze hanno costretto alla disperata fuga oltre trecentomila civili. Lo hanno confermato fonti delle nazioni Unite, precisando che più della metà sono bambini. E a causa dei continui attacchi, è sempre più difficile per le organizzazioni umanitarie, fra cui la Croce rossa, provvedere ad aiutare queste persone. Criticato per l'incapacità di arginare le violenze il presidente nigeriano promette una rapida soluzione. In guerra, contro i miliziani di Boko Haram ABUJA, 1. Il presidente della Nigeria, Jonathan Goodluck, ha dichiarato, ieri che il Paese è in guerra contro i miliziani islamisti di Boko Haram, in seguito ai numerosi, efferati attacchi, che negli ultimi giorni hanno provocato decine di vittime. L'amministrazione, del presidente Goodluck, ricordano le agenzie di stampa internazionali, è stata criticata per la sua presunta incapacità di fermare gli attacchi contro i civili indifesi. Dal canto suo il capo di Stato nigeriano ha definito invece «un grande successo " l'offensiva militare contro Boko Haram nel nord del Paese, aggiungendo, che presto «la situazione tornerà alla normalità". Al momento, tuttavia, sembra difficile che la situazione possa essere normalizzata in tempi brevi. I miliziani, infatti non danno tregua con i loro attacchi indiscriminati contro, uomini, donne e bambini. Violenze che hanno di conseguenza causato, distruzione e miseria in varie parti del Paese. Nei giorni scorsi un responsabile, dell'amministrazione del distretto di Madagali, Mallam Maina, Ularamu, ha lanciato un allarme riguardo alla situazione nella zona a confine tra gli Stati di Borno e Adamawa. A causa delle violenze, sono giunte nelle ultime settimane migliaia di persone sono giunte nella zona costrette, ad abbandonare la località di Izge dove i miliziani avevano ucciso due donne e un uomo e poi dato alle fiamme alcune abitazioni. Si è trattato di un episodio tra i tanti che, hanno indotto gran parte della popolazione, a temere sempre più per la propria incolumità. Nel maggio scorso il presidente aveva lanciato un'offensiva militare a Borno, Adamawa e nello Stato di Yobe per cercare di arginare le violenze scatenate dai miliziani di Boko Haram, che si battono per rovesciare il Governo federale di Abuja e imporre, la legge islamica nel Paese. Ma finora la lotta non ha dato i risultati sperati. E proprio nello Stato di Yobe, nei giorni scorsi, i miliziani islamisti hanno perpetrato una strage di studenti, nell'attacco contro il collegio Buni Yadi. Nell'azione destabilizzante dei terroristi sono proprio le scuole a essere uno degli obiettivi più, colpiti: molte sono state date alle fiamme, con un conseguente pesante bilancio di vittime. Proprio nella città, di Yobe, nel settembre scorso, erano stati uccisi quaranta studenti durante un attacco compiuto contro un centro per la formazione agraria. Dopo questa strage, il governatore dello Stato, Ibrahim Gaida, ha rivolto critiche al Governo di Abuja perché, le forze di sicurezza sarebbero giunte troppo tardi sul luogo della strage una volta interpellate d'urgenza. «Per ben cinque ore non c'erano agenti in grado di impedire quello, che stava accadendo" ha affermato
in un comunicato il governatore. E in questi giorni si è tenuta ad Abuja una conferenza internazionale sulla pace e la sicurezza in Africa alla quale ha preso parte anche il presidente francese, Fraçois Hollande.
====================
Chi salvò i tesori di Montecassino. [ma i veri tesori erano gli archici che i farisei Illuminati anglo-americani volevano far sparire, per distruggere la memoria storia dei loro crimini, usura, complotti, sacrifici umani] I documenti che attestano il ruolo del generale tedesco Fridolin von Senger und Etterling . 28 febbraio 2014. Tutto sembrava già detto e già scritto. Un documento che riguarda il generale tedesco Fridolin von Senger und Etterling che comandava le truppe tedesche nell'area di Montecassino tra la fine del 1943 e l'estate del 1944 dimenticato dalla figlia; il trasferimento in una villa vicina a Spoleto da parte della divisione Hermann Goering di centinaia di casse con le opere d'arte dei Musei napoletani e di altre città italiane, degli scavi di Pompei ed Ercolano, del Tesoro di San Gennaro e del Medagliere di Siracusa, custodite nell'abbazia di Montecassino nonché della biblioteca e degli archivi millenari dall'Abbazia; il furto di decine di tele e bronzi tra i più pregiati inviati nel dicembre 1943 come dono al patrono della divisione per il suo compleanno; una drammatica e intrigante trama che si svolge a Roma tra il Vaticano, gli uffici germanici nella capitale, la direzione generale delle Arti, le abbazie benedettine di San Paolo e Sant'Anselmo per cercare di capire prima dove il tesoro di Montecassino è stato nascosto e poi per trasferire tutto negli ospitali depositi della Città del Vaticano. L'abate Gregorio Diamare con, alla sua sinistra, il generale von Senger. Sono questi alcuni elementi di una vicenda di straordinaria rilevanza che, all'interno di una guerra durissima e distruttrice, hanno segnato un periodo drammatico e angoscioso per la sorte di una parte rilevante del patrimonio artistico e culturale d'Italia.
Un altro fronte dietro quello militare, ma non meno complesso, delicato e duro. I misteri dell'Abbazia. Le verità sul tesoro di Montecassino di Benedetta Gentile e Francesco Bianchini (Firenze, Le Lettere, 2014, pagine 196, euro 14) si muove dentro questo secondo fronte e rimette in discussione elementi ritenuti acquisiti come l'attribuzione al colonnello Julius Schlegel della divisione Hermann Goering del merito di aver salvato dalla distruzione centinaia di opere d'arte depositate dietro le mura dell'abbazia che già contenevano preziose raccolte di manoscritti, documenti, libri.
di Francesco Bianchini



Chi fa festa per la guerra, Messa a Santa Marta, 25 febbraio 2014. Scandalizzarsi per i milioni di morti della prima guerra mondiale ha poco senso se non ci si scandalizza anche per i morti nelle tante piccole guerre di oggi. E sono guerre che stanno facendo morire di fame moltissimi bambini nei campi per rifugiati, mentre i mercanti di armi fanno festa. È un appello a non restare indifferenti di fronte ai conflitti che continuano a insanguinare il pianeta quello che il Pontefice ha lanciato nella messa celebrata martedì 25 febbraio nella cappella della Casa Santa Marta.
A offrirgli lo spunto sono state le due letture della liturgia, tratte della lettera di Giacomo (4,1-10) e dal Vangelo di Marco (9,30-37). Proprio il passo evangelico, ha spiegato il Papa, ci fa particolarmente riflettere. In esso si racconta che i discepoli "discutevano" e addirittura "litigavano per la strada. E lo facevano per chiarire chi fosse il più grande fra loro: per ambizione". Siccome "uno o due di loro volevano essere più grandi, hanno fatto questa discussione: la lite". Così, ha detto il Pontefice, "il loro cuore si allontanò". I discepoli avevano "i cuori allontanati" e "quando i cuori si allontanano nasce la guerra". È proprio questa, ha sottolineato, l'essenza della "catechesi che oggi l'apostolo Giacomo ci offre" ponendo questa domanda diretta nella sua lettera: "Fratelli miei, da dove vengono le guerre e le liti che sono in mezzo a voi?".
Sono parole che "fanno riflettere" per la loro attualità. Infatti, ha fatto notare il Papa, "ogni giorno sui giornali troviamo guerre". E leggiamo che "in questo posto si sono divisi in due" e ci sono stati "cinque morti" in un altro luogo ci sono state altre vittime e così via. Tanto che ormai "i morti sembrano far parte di una contabilità quotidiana". E noi ci "siamo abituati a leggere queste cose". Perciò "se noi avessimo la pazienza di elencare tutte le guerre che in questo momento sono nel mondo, sicuramente riempiremmo vari fogli".
Ormai "sembra che lo spirito della guerra si sia impadronito di noi". Così "si fanno atti per commemorare il centenario di quella grande guerra" con "tanti milioni morti" e sono "tutti scandalizzati"; eppure anche oggi avviene "lo stesso: invece di una grande guerra" ci sono "piccole guerre dappertutto". Ci sono "popoli divisi" che "per conservare il proprio interesse si ammazzano, si uccidono fra loro".
"Da dove vengono le guerre, liti che sono in mezzo a voi? Non vengono forse dalle vostre passioni che fanno guerra?" si chiede Giacomo. Sì, ha risposto il Papa, la guerra nasce "dentro". Perché "le guerre, l'odio, l'inimicizia non si comprano al mercato. Sono qui, nel cuore". E ha ricordato che "quando, da bambini, con il catechismo ci spiegavano la storia di Caino e Abele, tutti noi eravamo scandalizzati: questo ha ucciso suo fratello, ma non si può capire!". Eppure "oggi tanti milioni si uccidono tra fratelli, fra loro. Ma siamo abituati!". Così "la grande guerra del 1914 ci scandalizza" mentre "questa grande guerra un po' dappertutto, un po', dico, nascosta non ci scandalizza". E intanto "muoiono tanti per un pezzo di terra, per un'ambizione, per un odio, per una gelosia razziale. Muoiono tanti!". "La passione, ha detto ancora il Pontefice, ci porta alla guerra, allo spirito del mondo". Così "abitualmente, davanti a un conflitto, ci troviamo in una situazione curiosa" che ci spinge ad "andare avanti per risolverlo litigando, con un linguaggio di guerra". Dovrebbe invece prevalere "il linguaggio di pace". E quali sono le conseguenze? La risposta del Papa è stata netta: "Pensate ai bambini affamati nei campi dei rifugiati: pensate e a questo soltanto! Questo è il frutto della guerra!". Ma la sua riflessione è andata oltre. E ha aggiunto: "E se volete, pensate ai grandi salotti, alle feste che fanno quelli che sono i padroni delle industrie delle armi, che fabbricano le armi". Le conseguenze della guerra dunque sono, da una parte, "il bambino ammalato, affamato in un campo di rifugiati" e dall'altra "le grandi feste" e la bella vita che fanno i fabbricanti di armi.



"Ma cosa succede nel nostro cuore?" si è domandato il Papa riproponendo l'idea di fondo della lettera di Giacomo. "Il consiglio che ci dà l'apostolo, ha detto, è molto semplice: Avvicinatevi a Dio ed egli si avvicinerà a voi". Un consiglio che riguarda ciascuno, perché questo "spirito di guerra che ci allontana da Dio, non è soltanto lontano da noi" ma "è anche a casa nostra". Come dimostrano, per esempio, le tante "famiglie distrutte perché papà e mamma non sono capaci di trovare la strada della pace e preferiscono la guerra, fare causa". Davvero "la guerra distrugge".




Da qui l'invito di Papa Francesco a "pregare per la pace". Per quella "pace che sembra diventata soltanto una parola e niente di più". Pregare, dunque, "perché questa parola abbia la capacità di agire". Pregare e seguire l'esortazione dell'apostolo Giacomo a riconoscere "la vostra miseria". È da questa miseria, ha avvertito il Papa, che "vengono le guerre: le guerre nelle famiglie, le guerre nei quartieri, le guerre dappertutto".
Le parole di san Giacomo indicano la strada della vera pace. Si legge nella lettera dell'apostolo: "Riconoscete la vostra miseria, fate lutto e piangete; le vostre risa si cambino in lutto e la vostra allergia in tristezza". Parole forti che il Pontefice ha commentato proponendo un esame di coscienza: "Chi di noi ha pianto quando legge un giornale, quando nella tv vede quelle immagini di tanti morti?".
Ecco allora, secondo Papa Francesco, ciò che "deve fare oggi, oggi eh, 25 febbraio, oggi!, un cristiano davanti a tante guerre, dappertutto": deve, come scrive Giacomo, umiliarsi "davanti al Signore"; deve "piangere, fare lutto, umiliarsi". Il Pontefice ha concluso la sua meditazione sulla pace con un'invocazione al Signore perché, ci faccia "capire questo" salvandoci "dall'abituarci alle notizie di guerra".
Dopo le divisioni all'interno della coalizione di maggioranza, Si è dimesso, il Governo di Cipro Proteste, ad Atene contro i licenziamenti: ATENE, 1. Centinaia di funzionari greci hanno manifestato ieri per le strade di Atene per protestare contro i numerosi licenziamenti nell'ambito della ricostruzione del settore pubblico. Il Governo greco aveva infatti promesso ai rappresentanti della troika (Unione europa, Banca centrale europea e Fondo monetario internazionale) di licenziare, nell'arco del 2014, 11.500 dipendenti per ridurre la spesa pubblica e per poter continuare a beneficiare dei prestiti internazionali.
[ dopo il golpe che è stato consumato in Ucraina, con pericolosi terroristi Bildenberg, servizi segreti, di satanisti, associazioni segrete massoniche, 322 Kerry e salafiti, jihadisti, per il mondo, sott egida ONU Amnesty.. la situazione degli Stati non massonicamente allineatiti. È diventata una situazione delicata.
] I manifestanti si sono radunati di fronte al ministero delle Riforme amministrative per poi essere allontanati dalla polizia in tenuta antisommossa. Successivamente, i dimostranti si sono diretti verso il ministero delle Finanze, dove sono stati nuovamente respinti dalle forze dell'ordine. Tra i lavoratori scesi ieri in piazza vi sono stati anche numerosi insegnanti. Riferiscono i media locali che durante la manifestazioni sono divampati scontri con gli agenti di polizia, che hanno fatto uso di gas lacrimogeni per disperdere la folla. CARACAS, 1. Le Nazioni Unite condannano le violenze in Venezuela. L'alto commissario per i Diritti umani, Navi Pillay, ha espresso viva preoccupazione per gli scontri che hanno causato morti e feriti e per l'uso eccessivo della forza da parte delle autorità. In un comunicato diffuso a Ginevra, Pillay ha esortato il Governo e l'opposizione al dialogo e ha chiesto indagini imparziali su "ogni caso di morte o ferimento". Pillay si è detta preoccupata anche per l'alto numero di persone arrestate, e per le notizie di persone detenute in isolamento. "Le persone detenute solo per aver esercitato i propri diritti devono essere immediatamente rilasciate" ha affermato. Secondo l'esponente delle Nazioni Unite, "questa crisi sarà risolta solo se i diritti umani di tutti i Venezuelani sono rispettati; la retorica incendiaria delle parti è assolutamente, inutile e rischia di accentuare le tensioni". È giunto il tempo: "di andare oltre l'aggressione verbale e di approdare al dialogo" ha sottolineato il commissario delle Nazioni Unite. Sulla crisi venezuelana è intervenuto, sempre ieri, il segretario di Stato americano, John Kerry, che, in un incontro con i giornalisti ha anch'egli auspicato il dialogo, tra le parti coinvolte. "Devono, ha detto Kerry, tendersi la mano e avere un dialogo, riunire la gente e risolvere i loro problemi: abbiamo bisogno di dialogo, non di violenze e di arresti". Sul terreno, comunque, la situazione resta estremamente critica. Tre settimane di scontri politici in Venezuela sono costate la vita ad almeno 17 persone: il bilancio è stato fornito dalla procuratrice generale, Luisa Ortega, secondo la quale durante le proteste ci sono stati anche 261 feriti. Le dimostrazioni organizzate a Caracas e in altre città venezuelane per protestare contro l'aumento della criminalità e la crisi economica, sono degenerate in violenti scontri fra gruppi di giovani e la polizia. A far salire ulteriormente la tensione è stata poi la decisione del Governo di arrestare alcuni esponenti di spicco dell'opposizione. D all'inizio delle proteste, partite il 4 febbraio dalla città di San Cristóbal, capitale dello Stato di Táchira, la polizia ha arrestato circa seicento, persone. E anche ieri, nelle strade di Caracas, la tensione è stata altissima. Sono infatti registrati nuovi scontri tra qualche centinaio di manifestanti e le forze dell'ordine; segnalati lanci di pietre e di bombe molotov. I tafferugli hanno interessato soprattutto il quartiere di Chacao, nella parte est della capitale. Stando a quanto riferiscono le autorità non ci sarebbero vittime né feriti. Per cercare di riportare la calma, il presidente Maduro ha aperto due giorni fa una conferenza per il dialogo nazionale, che tuttavia è stata boicottata dall'opposizione. Nelle intenzioni di Maduro, la conferenza dovrebbe servire per arginare i disordini attraverso " il dialogo e l'azione per la difesa della Costituzione e della pace". Uno dei partiti di opposizione Voluntad Popular, il cui leader Leopoldo López è già in carcere, ha visto arrestare anche il proprio coordinatore politico, Carlos Vecchio, provvedimento duramente contestato dalle formazioni contrarie a Maduro.
================
NICOSIA, 1. I ministri ciprioti hanno rassegnato ieri le dimissioni per facilitare i cambiamenti nel Governo dopo la decisione del Partito democratico (Diko, di destra, guidato da Nicolas Papadopoulos) di uscire dalla coalizione con Adunata democratica (Disy, di centrodestra, del presidente della Repubblica, Nicos Anastasiades). Diko ha lasciato l'Esecutivo per disaccordi con il capo dello Stato sulla gestione dei negoziati, di recente riavviati con la controparte turco-cipriota, per la riunificazione dell'isola. Lo riferiscono i media. Anastasiades, parlando con i giornalisti durante una conferenza stampa a Nicosia, ha detto di avere chiesto ai ministri di rimanere ai loro posti sino a quando non
verrà effettuato un rimpasto di Governo, che per gli analisti potrebbe avvenire al massimo entro il prossimo 15 marzo. La decisione dei ministri di rassegnare le dimissioni è arrivata anche a poche ore dal voto con cui il Parlamento ha respinto un disegno di legge per la privatizzazione delle aziende a partecipazione statale, previsto nel memorandum firmato l'anno scorso da Nicosia con la troika (Fondo monetario internazionale, Commissione europea e Banca centrale europea) in cambio di aiuti economici per uscire dalla grave crisi finanziaria. Ieri, avevano annunciato le dimissioni entro mercoledì prossimo i quattro ministri del Diko (sugli 11 che formano il Governo): quello dell'Energia, Commercio, Industria e Turismo, Yiorgos Lakkotrypis; dell'Istruzione e della Cultura, Kyriakos Kenevezos; della Salute, Costas Petrides; e della Difesa, Photis Photiou.


NOSTRE INFORMAZIONI. DAMASCO, 1. Sangue in Siria: i combattimenti tra ribelli ed esercito. non conoscono tregua a tre anni dall'inizio delle ostilita. Almeno 17. persone, tra le quali donne e bambini, sono state gravemente ferite, ieri, in seguito a colpi di mortaio sulle zone orientali di Damasco. Lo riferisce l'agenzia di stampa ufficiale Sana, che parla di una ragazza in condizioni critiche dopo essere stata ferita. L'attacco, per il quale la Sana accusa non meglio precisati "gruppi di terroristi", e avvenuto mentre migliaia di manifestanti erano scesi in piazza nel distretto di Mazzeh, a ovest di Damasco, in sostegno del regime del presidente Bashar Al Assad. La situazione e critica anche al confine con il Libano. Due ragazzi sono morti ieri in un raid effettuato dai caccia dell'esercito siriano sull'area di Arsal, localita libanese al confine con la Siria. Fonti di stampa precisano che nell'attacco cinque persone sono rimaste ferite. Altre fonti riferiscono di due raid: il primo avrebbe colpito la zona di Khirbit Youneen e Wadi Hmayyed, senza provocare vittime, mentre, il secondo avrebbe causato, sempre nella stessa area, due vittime. "Per modalita e per tipologia delle vittime, i crimini commessi in Siria sono assai piu gravi di quelli perpetrati nella ex Jugoslavia" ha dichiarato ieri Carla del Ponte, ex procuratore capo del Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia e ora membro della commissione di inchiesta sulla Siria. "Non esistono buoni e cattivi, e tutte le parti commettono crimini". Del Ponte e gli altri membri della commissione d'inchiesta Onu sono in questi giorni impegnati in incontri a porte chiuse, nel sud della Turchia, con rifugiati siriani e dissidenti. Il mandato della commissione, presieduta dal brasiliano Paulo Sergio Pinheiro, e gia scaduto e il cinque di questo mese sara presentato a Ginevra il rapporto conclusivo dell'inchiesta. Ma a suscitare le preoccupazioni della comunita internazionale e soprattutto l'emergenza dei profughi. Quello siriano sta diventando il piu grande gruppo di profughi al mondo, superato per il momento solo dagli afghani. Secondo l'Alto commissario per i rifugiati dell'Onu, Antonio Guterres, le persone registrate come profughi causati dalla guerra sono quasi due milioni e mezzo. Se la tendenza attuale dovesse proseguire, ha aggiunto l'Alto commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati, ci si attende che il numero di profughi raggiunga i quattro milioni entro la fine dell'anno. E pochi giorni fa le autorita di Damasco hanno reso noto che intendono cooperare con le Nazioni Unite nell'ambito del "rispetto della sovranita della Siria" per la fine delle violenze e per l'apertura di corridoi umanitari.



Nuova inchiesta truffa di: Kiev contro Ianukovich! Per appelli in conf. stampa a rovesciare ordine costituzionale.. ma l'ordine costituzionale, è il suo perché, è lui che ha subito un golpe.
Ucraina: telefonata Lavrov a collega Cina. Tra Mosca e Cina larga convergenza, oggi a Ginevra incontra Ban. 03 marzo, Ucraina: telefonata Lavrov a collega Cina. MOSCA, [Unius REI sfida Kerry 322, a colpi di bastone! ] Mosca e Pechino constatano la ''larga concordanza" delle loro posizioni sull'attuale situazione dentro e intorno all'Ucraina": lo rende noto il ministero degli esteri russo Serghiei Lavrov dopo una telefonata con il suo collega cinese Wang Yi. Oggi il ministro degli esteri russo incontrerà il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki Moon a Ginevra, dove entrambi partecipano al Consiglio dei diritti dell'uomo, sullo sfondo della crisi in Ucraina.