Legal Madhya pradesh Maharashtra

BOKO HARAM violenze interetniche? ( TUTTE BUGIE ANSA 322 BUSH KERRY! ).
STOP SHARIA NAZI, UNDER EGIDA ONU bILDENBERG AMNESTY STOP! THIS IS YOUR CALIPHATE IMPERIALISM! STOP KING SAUDI ARABIA! STOP! Boko Haram
Boko Haram, which refers to itself as "Jama'atu Ahl as-Sunnah li-Da'awati wal-Jihad" (JASDJ; Group of the Sunni People for the Calling and Jihad) and "Nigerian Taliban"—other translations and variants are used, is a Nigeria-based group that seeks to overthrow the current Nigerian Government and replace it with a regime based on Islamic law. It is popularly known in Nigerian and Western media as "Boko Haram," which means "Western education is forbidden" (the word boko is a holdover from the colonial English word for book). The group, which has existed in various forms since the late 1990s, suffered setbacks in July 2009 when clashes with Nigerian Government forces led to the deaths of hundreds of its members, including former leader Muhammad Yusuf.
In July 2010, Boko Haram's former second-in-command, Abubakar Shekau, appeared in a video claiming leadership of the group and threatening attacks on Western influences in Nigeria. Later that month, Shekau issued a second statement expressing solidarity with al-Qa'ida and threatening the United States. Under Shekau's leadership, the group has continued to demonstrate growing operational capabilities, with an increasing use of improvised explosive device (IED) attacks against soft targets. The group set off its first vehicle-borne IED in June 2011. On 26 August 2011, Boko Haram conducted its first attack against a Western interest—a vehicle-bomb attack on UN headquarters in Abuja—killing at least 23 people and injuring more than 80. A purported Boko Haram spokesman claimed responsibility for the attack and promised future targeting of US and Nigerian Government interests.
Since late 2011, the group has conducted multiple attacks per week against a wide range of targets, including Christians, Nigerian security and police forces, the media, schools, and politicians. Since late 2012, Boko Haram and its splinter group Ansaru have claimed responsibility for three kidnappings of Westerners, raising their international profile and emphasizing the growing threat they pose to Western and regional interests. As of July 2013 Ansaru was holding a French hostage. Also in 2013, Boko Haram expanded its activity in neighboring countries and continues to clash with Nigerian military forces trying to oust it from northeastern Nigeria.

Lorenzojhwh Unius REI
Boko Haram [ KING SAUDI ARABIA LA TUA SHARIA NON PUò SPRAVVIVERE A TUTTO QUESTO! ] Authors: Mohammed Aly Sergie, Online Writer/Editor, and Toni Johnson. Updated: February 26, 2014. Introduction
The Road to Radicalization. Rising Against the State
The North-South Divide. Terror Ties and Policy Prescriptions
Boko Haram, a diffuse Islamist sect, has attacked Nigeria's police, military, rival clerics, politicians, schools, religious buildings, public institutions, and civilians with increasing regularity since 2009. Some experts view the group as an armed revolt against government corruption, abusive security forces, and widening regional economic disparity in an already impoverished country. They argue that Abuja should do more to address the strife between the disaffected Muslim north and the Christian south.
Boko Haram's brutal campaign—including a suicide attack on a UN building in Abuja in 2011, repeated attacks that have killed dozens of students, burning of villages, as well as ties to regional terror groups—led the U.S. Department of State to designate it a foreign terrorist organization. The Nigerian government has dispatched forces to crush the insurgency, but has been ineffective.
Two men walk amidst the rubble after Boko Haram militants raided the town of Benisheik, west of Borno State capital Maiduguri, on September 19, 2013. (Photo: Courtesy Reuters)
The Road to Radicalization
Boko Haram was created in 2002 in Maiduguri, the capital of the northeastern state of Borno, by Islamist cleric Mohammed Yusuf, who led a group of radical Islamist youth in the 1990s. The group aims to establish a fully Islamic state in Nigeria, including the implementation of criminal sharia courts across the country. Paul Lubeck, a University of California professor studying Muslim societies in Africa, says Yusuf was a trained Salafist (a school of thought often associated with jihad), and was strongly influenced by Ibn Taymiyyah, a fourteenth-century legal scholar who preached Islamic fundamentalism and is an important figure for radical groups in the Middle East.
The sect calls itself Jama'atu Ahlis Sunna Lidda'awati Wal-Jihad, or "people committed to the propagation of the prophet's teachings and jihad." It's widely known as Boko Haram, which colloquially translates into "Western education is sin," for its rejection of Western concepts such as evolution and the big bang theories.
Before 2009, the group did not aim to violently overthrow the government. Yusuf criticized northern Muslims for participating in what he saw as an illegitimate, non-Islamic state, and preached a doctrine of withdrawal. But violent clashes between Christians and Muslims and harsh government treatment, including pervasive police brutality, encouraged the group's radicalization. Boko Haram's hundreds of followers, also called Yusuffiya, consist largely of impoverished northern Islamic students and clerics, as well as professionals, many of whom are unemployed.
In July 2009, Boko Haram members refused to follow a motorbike helmet law, leading to heavy-handed police tactics that set off an armed uprising in the northern state of Bauchi and spread into the states of Borno, Yobe, and Kano. The incident was suppressed by the army and left more than eight hundred dead. It also led to the televised execution of Yusuf, as well as the deaths of his father-in-law and other sect members, which human rights advocates consider to be extrajudicial killings. In the aftermath of the 2009 unrest, "an Islamist insurrection under a splintered leadership" emerged, says Lubeck. Boko Haram carried out a number of suicide bombings and assassinations, from Maiduguri to Abuja, and staged a prison break in Bauchi, freeing more than seven hundred inmates in 2010.
Attacks continued to escalate, and by 2013 some analysts began to see greater influence by al-Qaeda in the Islamic Maghreb in Boko Haram operations. Terrorist acts against civilians, like the murder of sixty-five students while they slept at the agricultural college in Yobe state in September 2013, chainsaw beheadings of truck drivers, and the killing of hundreds on the roads of northern Nigeria raised doubts about the central government's ability to control territory and amplified fears of protracted violence in the country.
Nigeria assembled a Joint Task Force (JTF) of military and police units to battle Boko Haram and declared a "state of emergency" in three northeast states—Borno, Yobe, and Adamawa—in May 2013. The move pushed the militants out of cities, but attacks in rural areas continued. The JTF, augmented by vigilantes who were folded into officially sanctioned Civilian JTF units, have been implicated in extrajudicial killings of militants and civilians, which may have galvanized support for the insurgents.
Boko Haram is so diffuse that fighters associated with it don't necessarily follow Salafi doctrine. Many foot soldiers are drawn from impoverished, religiously uneducated youth, according to Jacob Zenn, an analyst on African affairs at the Jamestown Foundation. Some fighters claim to have been trained in Iran and are part of a Shiite Muslim group, Zenn writes, while others were involved in other conflicts in Nigeria and the Sahel region, and are now caught up in the latest violent extremist group.
Rising Against the State
The Nigerian government's assessment that Boko Haram was an al-Qaeda-linked terrorist movement left it with few options other than using force to deal with the group. Analysts say the focus on a terrorist link ignores the context from which Boko Haram emerged and emphasizes security issues that may only radicalize the group further.
"The problem with understanding Boko Haram is definitional. What do we mean by Boko Haram?" says CFR Senior Fellow John Campbell. Yusuf, Boko Haram's founder, didn't have complete control of the group, and after his execution, his followers splintered into at least five factions. Boko Haram's putative leader today, Abubakar Shekau, appears to be focused on fighting the Nigerian government in Borno, Campbell says, while other units expanded their attacks in Nigeria and have conducted limited operations in neighboring Cameroon and Niger, signaling an evolving regional vision for the group.
While Boko Haram can't be neatly characterized as an insurgency or terrorist organization, its origins appear rooted in grievances over poor governance and sharp inequality in Nigerian society. "The emergence of Boko Haram signifies the maturation of long-festering extremist impulses that run deep in the social reality of northern Nigeria," writes Nigerian analyst Chris Ngwodo. "But the group itself is an effect and not a cause; it is a symptom of decades of failed government and elite delinquency finally ripening into social chaos."
Efforts to address dissatisfaction among Muslims in northern states, such as the reintroduction of sharia criminal courts, weren't successful because the courts weren't considered fair. Human Rights Watch said in a 2011 report that "corruption is so pervasive in Nigeria it has turned public service for many into a kind of criminal enterprise."
Police brutality and impunity added to the tensions. A 2009 Amnesty International report (PDF) said Nigerian police were responsible for hundreds of extrajudicial killings and disappearances each year that largely "go uninvestigated and unpunished." The group said in a later report that nearly one thousand people, mostly Islamist militants, died in military custody in the first half of 2013. Human rights advocates say Nigerian authorities are rarely, if ever, held criminally accountable for the public executions of Boko Haram followers. In 2011, the government began to try five police officers connected to Yusuf's killing, and started the court martial of a military commander responsible for troops that allegedly killed forty-two sect members in 2009, but both proceedings weren't concluded as of February 2014.
Boko Haram has used the growing grievances to promote the idea that an Islamic state would bring a better and more just government to power.
The North-South Divide
Nigeria is Africa's most populous country, with more than 174 million people and nearly 350 ethnic groups speaking 250 languages. The country is split between Muslims and Christians, with 10 percent of the people following indigenous sects. Nigeria has long grappled with how to govern a diverse nation in which the struggle between Christians and Muslims over political power remains a significant factor in the ongoing unrest. Sectarian violence, particularly in Kaduna, Plateau, Nasarawa, and Benue states, the central part of the country where religious groups as well as farmers and herders collide, boosted the death toll. More than 25,000 people were killed in Nigeria since 1999, according to Human Rights Watch and the CFR Nigeria Security Tracker.
Despite a per capita income of more than $2,700 and vast wealth in natural resources, Nigeria has one of the world's poorest populations. An estimated 70 percent of the population lives on less than $1.25 a day. Economic disparities between the north and the rest of the country are particularly stark. In the north, 72 percent of people live in poverty, compared to 27 percent in the south and 35 percent in the Niger Delta.
Another crucial factor in economic inequality is oil. In his book Nigeria: Dancing on the Brink, Campbell writes that the "formal politics" of northern Nigeria are "overwhelmingly dominated by Muslim elites, who have, like their counterparts across the country, benefited from oil wealth at the expense of regional development." He says that the central purpose of the Nigerian state is to divide up the country's oil wealth among elites, making Nigeria's politics a "zero-sum game." In the oil-producing delta, for example, groups such as the Movement for the Emancipation of the Niger Delta (MEND), which has attacked oil infrastructure, are largely an outgrowth of the feeling that the south should get more revenue than it already does.
The dispute over the 2011 election results, which led to more than eight hundred deaths, also played a role in Boko Haram's escalating violence. Experts say many northern Nigerians view the presidency of Goodluck Jonathan, a Christian, as illegitimate, arguing that he ignored an informal power-rotation agreement that should have kept a Muslim as president this round. (Muslim president Umar Musa Yar'dua died in 2010, two years into his four-year term.) If Jonathan wins the national elections in 2015, or if there are no elections because of the unrest in the North, political tensions in Nigeria will increase, Campbell says.
Learn About Tableau
Terror Ties and Policy Prescriptions
Experts say Boko Haram's 2010 prison break, use of propaganda, and the bombing of police headquarters in June 2011 indicate an increasing level of sophistication and organization, which could indicate outside help. U.S. officials say the group has ties to al-Qaeda in the Islamic Maghreb (AQIM), which operates in northwest Africa, Somalia's al-Shabab, and al-Qaeda in the Arabian Peninsula.
Security officials in Nigeria and around the world are concerned that the group has splintered into two factions: one that is focused on local grievances and another that is seeking regional expansion. Alleged links to al-Qaeda groups have worried Washington, although some experts question the depth of regional terror ties and note that it's unclear which attacks are actually the work of Boko Haram. (Some acts attributed to Boko Haram may be the work of criminals looking to capitalize on the mayhem.) Analysts say that focusing exclusively on terrorism could distract from policy options needed to address the underlying issues driving the insurgency.
Before the UN bombing in August 2011, the Nigerian government started to look at solutions similar to its quelling of unrest in the Niger Delta, including negotiation and amnesty. But experts say such a solution is unlikely for a group like Boko Haram, because its grievances are more diverse and less material than others. The lack of clear leadership of Boko Haram also hindered peace talks.
President Jonathan appears intent on quelling Boko Haram by force through a "state of emergency" that will continue until May 2014. Many experts argue that Boko Haram can't be defeated on the battlefield; the group appears to be gaining strength after the crackdown, acquiring better weapons and fielding more fighters than ever. "Boko Haram [is] better armed and better motivated than our own troops," Borno state governor Kashim Shettima said in February 2014. "Given the present state of affairs, it is absolutely impossible for us to defeat Boko Haram."
The U.S. designation of Boko Haram and Ansaru as foreign terrorist organizations will allow Washington to investigate and prosecute suspects, but there is little appetite for direct intervention. The State Department urged Nigeria to counter these extremist groups "through a combination of law enforcement, political, and development efforts, as well as military engagement." Analysts say the Nigerian government must do more to win hearts and minds by providing better education and health-care services in the north, and including prominent, locally-respected northern Muslims in the cabinet.
Additional resources:
The Congressional Research Service explains the various conflicts in Nigeria and U.S. policy in the country.
This 2012 State Department report examines human rights issues in Nigeria.
This Human Rights Watch report explores Boko Haram attacks and security force abuses in Nigeria.
Jacob Zenn, an analyst on African affairs at the Jamestown Foundation, examines the leadership of Boko Haram and its connections to al-Qaeda and other militant groups in the February 2014 issue of CTC Sentinel.

Lorenzojhwh Unius REI
6 ALLELUIA
25 febbraio 2014. Nigeria: Boko Haram fa strage di studenti, E DI BAMBINI.. UCCISI COME CONIGLI, SGOZZATI, AMMUCCHIATI E BRUCIATI... IN NOME DELLA SHARIA DEL KING SAUDI ARABIA! È di almeno 43 morti, per lo più studenti, il bilancio di un attacco dei miliziani islamisti di Boko Haram contro un collegio nel nord-est della Nigeria. Lo hanno riferito fonti ospedaliere. Molte delle vittime sono morte tra le fiamme appiccate all'edificio, che è stato completamente raso al suolo.
Il collegio di Buni Yadi accoglie ragazzi tra gli 11 e i 18 anni di età nello stato nord-orientale di Yobe, a 60 chilometri dalla capitale Damaturu. L'attacco è avvenuto alle 2 di notte mentre gli studenti stavano dormendo. Secondo alcuni testimoni, il commando ha sgozzato alcuni ragazzi e ha sparato ad altri, prima di appiccare l'incendio. Tutti gli studenti morti sono maschi. Quello di Yobe è uno dei tre Stati nord-orientali della Nigeria in cui a maggio è stato imposto lo stato d'emergenza per favorire un'offensiva dei militari contro i guerriglieri di Boko Haram. L'attacco non è stato rivendicato ma le scuole sono uno degli obiettivi preferiti dai miliziani islamici che da quattro ani e mezzo insanguinano la Nigeria con una rivolta che ha fatto migliaia di morti. Proprio nella città di Yobe a settembre erano stati uccisi 40 studenti in un centro per la formazione agraria.



Lorenzojhwh Unius REI
11 ALLELUIA
messaggi di solidarietà alla parlamentare dal mondo della politica [ OVVIAMENTE, NON è UNA VICENDA CHE POTREBBE AVERE DELLE RIPERCUSSIONI POLITICHE, O CHE POTREBBE SFIDUCIARE LA MUSSOLINI! MA, IO RIMPROVERO LEI, E TUTTE LE DONNE EGOISTE, EGOCENTRICHE, DEL MONDO CHE, NON SANNO ASSUMERSI LE RESPONSABILITà SESSUALI DEL MATRIMONIO.. MAI, UN MARITO DOVREBBE ESSERE CACCIATO, QUANDO VIENE A CHIEDERE IL TUO AMORE.. E LA MAGGIOR PARTE DELLE DONNE DEL PIANETA, HA QUESTO ENORME CRIMINE CONTRO L'AMORE! ] Baby escort: la Mussolini, «La mia vita è distrutta» e fugge dalla madre. La reazione della deputata, secondo quanto rivela il Messaggero, dopo le accuse rivolte al marito dalla procura di Roma. Alessandra Mussolini e il marito Mauro Floriani. Una tragedia familiare. Dietro il caso che vede coinvolto Mauro Floriani, l'ex capitano della Guardia di Finanza ed ora alto dirigente delle Ferrovie, marito della deputata Alessandra Mussolini, accusato di avere avuto rapporti sessuali con una delle due baby escort dei Parioli, ha avuto pesanti contraccolpi innanzitutto sulla sua famiglia.

Lorenzojhwh Unius REI
16 ALLELUIA
king SAUDI ARABIA [ tu proprio non puoi dire.. tutto questo non mi riguarda! tu stai rendendo inevitabile la guerra mondiale, invece, più di chiunque altro!.. tu non puoi dire: " io sono felice da solo e degli altri non mi importa nulla.. perché il pianeta è diventato troppo piccolo" quindi, l'atto di uno solo, rimbalza sugli atti di tutti gli altri! ] I cristiani nigeriani nell'inferno di Boko Haram. Viaggio nella diocesi sotto la più pesante cappa di terrore di tutta l'Africa. ALTRI 4 ARGOMENTI. C'è una linea immaginaria in Nigeria, che dal nord scende di trasverso fino al confine orientale, tagliando fuori lo spigolo di Paese che si incunea tra il Camerun, ad est, Ciad e Niger a nord. Difficile attraversare quella linea con disinvoltura: i contractors occidentali sono spariti da tempo, troppo rischioso, non ci vanno facilmente i media stranieri, non ci si avventurano ormai quasi più neanche i nigeriani del sud, che un tempo vi si affollavano per stabilire fiorenti commerci. Al di là si estende un lembo di terra dai panorami sconfinati di savana aperta che si rarefà via via in deserto man mano che si sale a nord, poche città grandi, simili più a paesoni di casette basse dal tetto di lamiera ondulata, strade polverose battute da un sole implacabile: il resto è campagna, punteggiata di villaggi di fango, ombreggiati da rade acacie, catene montuose, impervie colline di pietra compatta grigio scura, mandrie di buoi gibbosi dalle lunghe corna diritte accompagnate dai nomadi Fulani, i folletti delle pianure, che vivono in simbiosi con gli animali nel loro eterno peregrinare. L'ODIO FANATICO DI BOKO HARAM - Questo posto è oggi una delle zone ad alto rischio dell'Africa, per certi versi la peggiore. Qui non è guerra, non ci sono linee, bande o fazioni identificabili, non puoi dire «ecco, qui sono al riparo, al sicuro»; qui è terrorismo della peggiore specie, strisciante, continuo, violenza primitiva, che usa il coltello più delle armi sofisticate, si muove al buio, quando la paura allunga le grinfie, nei vicoli dei quartieri di città come nei villaggi isolati delle campagne. Siamo nel cuore delle zone infestate dall'odio fanatico di Boko Haram, la setta integralista che ha steso su tutto un velo pesante, palpabile, di terrore soffocante, difficile da raccontare. Boko Haram. Suona quasi bene, pronunciato con l'acca aperta e aspirata della lingua Hausa, sa di deserto, di vento tra i cespugli spinosi, evoca carovane in marcia, lunghe teorie di viaggiatori, le corse dei cavalli tra le dune, qualcosa di misterioso ed evanescente. E invece è la morte. LA VIOLENZA FEROCE - Questa terra, evangelizzata dai missionari irlandesi cent'anni fa, per secoli punto di scambio tra il Sahara e il Golfo di Guinea, dove la pacifica convivenza tra religioni diverse era un fatto normale, è il tragico palcoscenico di una violenza feroce che mira a dividere e imporre un odio che non c'era. I musulmani devono abbracciare il credo del fanatismo, altrimenti diventano bersaglio della setta che non accetta moderazione; e i cristiani se ne devono andare, o convertirsi anche se vivono qui da generazioni, in pace con la stragrande maggioranza dei musulmani, da buoni vicini oppure come famiglie allargate con parenti di fede diversa. Tutto questo è ciò che è nel mirino degli integralisti, tutto questo deve scomparire: chi non si piega viene ucciso o vive nel terrore di poter essere lui il prossimo a lasciarci la pelle. IL VESCOVO CHE RESISTE - «La cosa più importante è che, nonostante tutto, i sacerdoti non se ne vanno, non abbandonano i fedeli, finché resta anche una sola anima di cui prendersi cura è nostro dovere rimanere». Oliver Dashe Doeme è il vescovo che regge forse la diocesi sotto la più pesante cappa di terrore di tutta l'Africa, ha sempre rifiutato la scorta, gira col suo assistente che fa anche da autista, bersaglio vivente ed esibito: «Come faccio ad andare nelle città, nei villaggi a dire alla gente di resistere, pregare, aver fiducia nel futuro se mi presento con dieci soldati ed un pick up blindato?» «È un fatto di povertà e mancanza di cultura: che cosa vuole Boko Haram? Vuole dire che la cultura è peccato, perché la cultura rende liberi, e loro vogliono che i giovani crescano nell'ignoranza, così sono manovrabili. I terroristi però usano le armi fabbricate in Occidente: qualcuno insegna loro come maneggiare gli esplosivi, non è forse anche questo cultura moderna?» PARROCI IN PRIMA FILA - John ha meno di quarant'anni, ha studiato a Roma, fa il parroco nel villaggio natale del fondatore di Boko Haram, Mohamed Yusuf, parla un ottimo italiano. «Bisogna raccontare il terrore che la gente deve affrontare qui, in Italia è difficile immaginare cosa significa vivere da queste parti, le persone non hanno gli strumenti mentali per poter comprendere». Insieme a lui ci sono William, Kevin, e Gideon, parroci giovani, costretti a convivere con questo terrore quotidiano come comporre i morti ogni volta che c'è un attentato, un omicidio, occuparsi delle vedove e degli orfani. Kevin l'ultimo omicidio lo ha visto poco più di due settimane fa: hanno sgozzato un ragazzino di quindici anni, poi hanno freddato la madre ancora inginocchiata sul corpo del figlio. Agiscono sempre di notte i terroristi. Mostra le foto. «Ci sentiamo scoraggiati. L'anno scorso qui hanno ammazzato trenta studenti dell'Università: andavano di casa in casa, alle tre del mattino, chiedevano "come ti chiami?" e ammazzavano tutti quelli che avevano un nome inglese, non tradizionale. Gli hanno sparato e squarciato la gola. Quando è arrivato l'esercito era già tutto finito». Quello che fa più male da queste parti è il rischio della rassegnazione, l'interesse dei media che si allenta, quasi che vivere così possa essere normale: «Vedi, noi da vivi non facciamo notizia - dice un testimone che vuole restare anonimo - chi mai vorrebbe leggere la mia storia? Ma da morti facciamo vendere i giornali, la gente vede i nostri corpi in tv e aspetta qualche secondo prima di cambiare canale. Ma ormai se moriamo solo in due o tre interessiamo sempre meno. Per fare audience dobbiamo morire in dieci, o venti. Di stranieri, di solito, ne basta uno solo. Ti prego, parlate di noi».

Lorenzojhwh Unius REI
22 ALLELUIA
Spatuzza: bombe per colpo di Stato, Don Puglisi dava fastidio. 20:37 13 MAR 2014. (AGI) - Palermo, 13 mar. - "Avevamo tutto l'esplosivo del mondo" e "il Paese in mano". I morti, molti, erano nel conto, "cosi' chi si deve muovere si da' una smossa", magari dopo avere trucidato "un bel po' di carabinieri". Perche', "mi riferi' Graviano, che non ha mai detto trattativa, c'e' una cosa in piedi e se va a buon fine ne avremo tutti dei benefici, a partire dai detenuti. Questa frase io la colloco per trattativa". Cosi' parlo' il pentito Gaspare Spatuzza, confermando quanto appreso dal boss di Brancaccio, nel corso dell'udienza, in trasferta nell'aula bunker di Rebibbia, del processo sulla trattativa Stato-mafia. Cosa nostra, 'ndrangheta e camorra, erano "tutti partecipi di questo colpo di Stato". Gia' colpo di stato, "perche' noi andavamo in giro per l'Italia a mettere bombe e di certo non era per il pizzo". Presente oggi anche il Pm Nino Di Matteo, obiettivo degli 'ordini di morte' lanciati dal carcere da Toto' Riina. L'ex fedelissimo dei fratelli Graviano, capimafia di Brancaccio, oggi ha confermato fatti su cui lui stesso aveva gia' fatto luce, parlando di uomini misteriosi, rimasti nell'ombra, uno dei quali in azione nelle fasi preparatorie della strage di via D'Amelio; e della feroce volonta' di Cosa nostra di fare piazza pulita di ogni nemico che considerasse pericoloso e 'rivale' nel controllo del territorio, fosse anche un prete con Padre Pino Puglisi. Ricostruisce Spatuzza: "Graviano con un espressione felice mi disse che abbiamo risolto tutto. Mi menziono' Berlusconi e poi disse che grazie a un nostro compaesano, Dell'Utri, avevamo il Paese nelle mani". Conferma l'appuntamento nel bar di via Veneto, il Doney con il boss di Brancaccio prima del fallito attentato presso lo stadio Olimpico destinato a fare strage dei carabinieri: "Mi disse che avevamo ottenuto quello che cercavamo grazie a persone serie che avevano portato avanti questa cosa". Anche se a un certo punto Spatuzza disse a Graviano: "Ci stiamo portando dietro morti che non ci appartengono". Le stragi dovevano spingere il dialogo con lo Stato. "Iniziammo a reperire l'esplosivo - racconta Spatuzza - sin dal marzo del 1992 senza sapere per cosa doveva essere utilizzato. Come mandamento di Brancaccio siamo stati attivi sin da allora. Ho avuto io questo incarico prima da Fifetto Cannella e poi da Giuseppe Graviano". L'esplosivo "veniva dai pescatori, era quello utilizzato per fare la pesca di frodo Recuperavano dai fondali marini ordigni bellici e poi prelevavano esplosivo dall'interno. E' poi stato utilizzato per tutte le stragi tranne per l'attentato a Totuccio Contorno. Lo prendemmo a Porticello lo portammo a casa mia e poi e' stato consegnato a Cannella. Io mi sono occupato della macinatura dell'esplosivo non sapevo che fosse per la strage di Capaci. Solo dopo la strage di Capaci mi dissero di togliere l'esplosivo da casa mia e ho capito di aver prestato la mia manodopera a questa cosa". Dopo Capaci, via D'Amelio e spunta un uomo misterioso: "C'era anche uno sconosciuto, un personaggio misterioso alla consegna dell'auto, una Fiat 126 che Gaspare Spatuzza aveva rubato e che sarebbe stata poi utilizzata nella strage nella quale fu ucciso Paolo Borsellino. La consegna della macchina sarebbe avvenuta in uno scantinato alla presenza di "Fifetto Cannella, Antonino Mangano e Renzino Tinnirello" piu' un'altra persona che Spatuzza asserisce di non conoscere: "L'ho sempre descritta come un negativo sfocato di una fotografia, non era ragazzo, forse sulla cinquantina ma posso dire al 100% che non era persona di mia conoscenza e appartenente a Cosa Nostra". Il pentito ha poi ricosturito le ragioni e del modalita' dell'uccisione di padre Pino Puglisi: "Voleva impossessarsi del nostro territorio. Inizialmente si doveva simulare un incidente doveva sembrare una rapina e nascondere l'impronta di cosa nostra nell'omicidio". Il sacerdote "si era intromesso in attivita' che controllava Cosa nostra e per far capire chi comanda don Puglisi ne ha pagato le conseguenze. Abbiamo iniziato delle osservazioni poi abbiamo infiltrato nell'associazione di don Puglisi una persona, io certo non potevo farlo perche' in Chiesa non ci andavo e la mia presenza poteva dare sospetti". (AGI).

Lorenzojhwh Unius REI
27 ALLELUIA
Venerdì 14 Marzo 2014. 21:45 Ucraina: Russia all'Onu, non vogliamo la guerra! [ VERISSIMO! non c'è un motivo per la Russia di aggredire l'Ucraina.. sono calunnie di assassini, Bildenberg, nazi, tutti i massoni criminali, che, non vogliono andare a votare! ]
Nigeria: vescovo, da Boko Haram 500 cattolici uccisi da 2009. 13:00 11 MAR 2014. 20 tra chiese e case parrocchiali distrutte. E' il bilancio delle vittime e dei danni inferti alla comunita' cattolica nel nord-est della Nigeria dalla setta islamista Boko Haram, dal 2009 a oggi. Il rendiconto e' stato delineato in un articolo pubblicato dal Catholic News Service of Nigeria, l'agenzia di notizie promossa dalla Conferenza episcopale della Nigeria, firmato da monsignor Oliver Dashe Doeme, vescovo di Maiduguri, capitale dello Stato di Borno, il luogo dove la setta e' nata nel 2009. [ king SAUDI ArABIA.. tu non hai scuse! è per la tua sharia, che, avviene tutto questo! se, ti ostini nella sharia, tu ti dovrai fare carico di questi crimini, anche]

Lorenzojhwh Unius REI
35 ALLELUIA
Maledetto il fraudolento, Malachia 1:7-17. 7. Voi offrite sul mio altare cibi contaminati, eppure dite: "In che cosa ti abbiamo contaminato?". Quando dite: "La mensa dell'Eterno è spregevole". 8. Quando offrite in sacrificio un animale cieco, non è male? Quando offrite un animale zoppo o malato, non è male? Presentalo dunque al tuo governatore. Sarà soddisfatto di te? Ti accetterà con favore?», dice l'Eterno degli eserciti. 9. Ora dunque implorate il favore di Dio, perché abbia misericordia di noi. «Sono le vostre mani che hanno fatto ciò, vi accetterà forse con favore?», dice l'Eterno degli eserciti. 10. «Oh, ci fosse almeno qualcuno tra di voi che chiudesse le porte! Allora non accendereste invano il fuoco sul mio altare. Io non prendo alcun piacere in voi», dice l'Eterno degli eserciti, «né gradisco alcuna offerta dalle vostre mani. 11. Poiché dal sol levante fino al ponente sarà grande il mio nome fra le nazioni e in ogni luogo sarà offerto incenso al mio nome e un'oblazione pura, perché il mio nome sarà grande fra le nazioni», dice l'Eterno degli eserciti. 12. «Ma voi lo profanate quando dite: "La mensa dell'Eterno è contaminata e il suo frutto, cioè il suo cibo, è spregevole". 13. Voi dite pure: "Ah, che fatica!", e la trattate con disprezzo», dice l'Eterno degli eserciti. «Così voi portate animali rubati, zoppi e malati; questa è l'offerta che portate. Potrei io gradirla dalle vostre mani?», dice l'Eterno. 14. «Maledetto il fraudolento, che ha nel suo gregge un maschio, e fa un voto, ma, sacrifica all'Eterno un animale difettoso. Poiché, io sono un Re grande», dice l'Eterno degli eserciti, «e il mio nome è tremendo fra le nazioni».

Lorenzojhwh Unius REI
38 ALLELUIA
Malachia 1:1-7. L'amore di Dio per Giacobbe
1 L'oracolo della parola dell'Eterno rivolta a Israele per mezzo di Malachia. 2 «Io v'ho amati», dice l'Eterno. Ma voi dite: «In che cosa ci hai amati?». «Esaù non era forse fratello di Giacobbe?», dice l'Eterno. «Tuttavia io ho amato Giacobbe 3 e ho odiato Esaù; ho fatto dei suoi monti una desolazione e ho dato la sua eredità agli sciacalli del deserto. 4 Anche se Edom dicesse: "Noi siamo stati distrutti, ma torneremo a ricostruire i luoghi desolati"», così dice l'Eterno degli eserciti, «Essi ricostruiranno, ma io demolirò; e saranno chiamati il Territorio dell'iniquità e il popolo contro il quale l'Eterno sarà per sempre indignato. 5 I vostri occhi vedranno e voi direte: "L'Eterno è magnificato oltre i confini d'Israele"».
I sacerdoti offrono sacrifici contaminati. 6 «Un figlio onora il padre e un servo il suo signore. Se dunque io sono padre, dov'è il mio onore? E se sono signore, dov'è il timore di me?», dice l'Eterno degli eserciti a voi, sacerdoti, «che disprezzate il mio nome, eppure dite: "In che cosa abbiamo disprezzato il tuo nome?". 7 Voi offrite sul mio altare cibi contaminati, eppure dite: "In che cosa ti abbiamo contaminato?". Quando dite: "La mensa dell'Eterno è spregevole".

Lorenzojhwh Unius REI
41 ALLELUIA
[ open letter against ONU Amnesty.. vi devo minacciare? ve ne accorgerete! ] Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. Attacco di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina. 13 marzo, #KANO (NIGERIA), Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso violenze interetniche.
Lorenzojhwh Unius REI [ 6 ALLELUIA] 500 Internal Server Error
https://www.youtube.com/user/YouTube/feed?filter=1
Sorry, something went wrong. A team of highly trained monkeys has been dispatched to deal with this situation. If you see them, show them this information:

Lorenzojhwh Unius REI
42 ALLELUIA
Isaia 51:2-22. 2. Guardate ad Abrahamo vostro padre e a Sara che vi ha partorito, perché lo chiamai quando era solo, lo benedissi e lo moltiplicai. 3. L'Eterno infatti sta per consolare Sion, consolerà tutte le sue rovine, renderà il suo deserto come l'Eden e la sua solitudine come il giardino dell'Eterno. Gioia ed allegrezza si troveranno in lei, ringraziamento e suono di canti. 4 Prestami attenzione, o popolo mio, ascoltami, o mia nazione, perché da me procederà la legge e stabilirò il mio diritto come luce dei popoli. 5. La mia giustizia è vicina, la mia salvezza sarà manifestata e le mie braccia giudicheranno i popoli; le isole spereranno in me e avranno fiducia nel mio braccio. 6. Alzate i vostri occhi al cielo e guardate la terra di sotto, perché i cieli si dilegueranno come fumo, la terra si logorerà come un vestito e similmente i suoi abitanti moriranno; ma la mia salvezza durerà per sempre e la mia giustizia non verrà mai meno. 7. Ascoltatemi, o voi che conoscete la giustizia, o popolo, che ha nel cuore la mia legge. Non temete l'obbrobrio degli uomini, né spaventatevi dei loro oltraggi. 8. Poiché, la tignola li divorerà come un vestito e la tarma li roderà come la lana, ma, la mia giustizia rimarrà per sempre e la mia salvezza di generazione in generazione. 9. Risvegliati, risvegliati, rivestiti di forza, o braccio dell'Eterno, risvegliati come nei giorni antichi, come nelle generazioni passate! Non sei tu che hai fatto a pezzi Rahab, che hai trafitto il dragone? 10. Non sei tu che hai prosciugato il mare, le acque del grande abisso, che, hai fatto delle profondità del mare una strada, perché i redenti vi passassero? 11. Così i riscattati dall'Eterno torneranno, verranno a Sion con grida di gioia e un'allegrezza eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia, e il dolore e il gemito fuggiranno. 12. Io, io stesso, sono colui che vi consola; chi sei tu da dover temere l'uomo che, muore e il figlio dell'uomo destinato ad essere come erba? 13. Tu hai dimenticato l'Eterno che ti ha fatto, che ha disteso i cieli e gettato le fondamenta della terra. Avevi sempre paura, tutto il giorno, davanti al furore dell'oppressore, quando si preparava a distruggere. Ma dov'è ora il furore dell'oppressore? 14. L'esule in cattività sarà presto liberato, non morirà nella fossa né gli mancherà il pane. 15. Poiché, io sono l'Eterno, il tuo DIO, che agita il mare e ne fa muggire le onde; il suo nome è l'Eterno degli eserciti. 16. Io ho posto le mie parole nella tua bocca e ti ho coperto con l'ombra della mia mano per stabilire i cieli e mettere le fondamenta della terra, e per dire a Sion: «Tu sei il mio popolo».
La coppa del furore dell'Eterno. 17. Risvegliati, risvegliati, levati, o Gerusalemme, che hai bevuto dalla mano dell'Eterno la coppa del suo furore, che hai bevuto la feccia del calice di stordimento fino a scolarla completamente. 18. Fra tutti i figli che ha partorito non c'è nessuno, che la guidi; fra tutti i figli che ha allevato non c'è nessuno che, la prenda per mano. 19. Queste due cose ti sono avvenute, chi ti compiangerà? Desolazione e distruzione, fame e spada, chi ti consolerà? 20. I tuoi figli venivano meno, giacevano all'inizio di tutte le vie come un'antilope nella rete, pieni del furore dell'Eterno, della minaccia del tuo DIO. 21. Perciò, ora ascolta questo, o afflitta ed ebbra ma non di vino. 22. Così dice il tuo Signore, l'Eterno, il tuo DIO, che, difende la causa del suo popolo: «Ecco, io ti tolgo di mano la coppa di stordimento, la feccia del calice del mio furore; tu non la berrai più.

Lorenzojhwh Unius REI
46 ALLELUIA
1Re 1:31-34. 31 Bath-Sceba s'inchinò con la faccia a terra, si prostrò davanti al re e disse: «Possa il re Davide mio signore vivere in perpetuo!». 32 Poi il re Davide disse: «Chiamatemi il sacerdote Tsadok, il profeta Nathan e Benaiah, figlio di Jehoiada». Essi vennero alla presenza del re. 33. Il re disse loro: «Prendete con voi i servi del vostro signore, fate montare mio figlio Salomone sulla mia mula e fatelo scendere a Ghihon. 34. Lì il sacerdote Tsadok e il profeta Nathan lo ungano re d'Israele. Poi suonate la tromba e dite: "Viva il re Salomone!". 35. Risalirete quindi dietro di lui, ed egli verrà a sedersi sul mio trono, e regnerà al mio posto, poiché, ho costituito lui come principe su Israele, e Giuda». 36. Benaiah, figlio di Jehoiada, rispose al re: «Amen! Così vuole anche l'Eterno, il DIO del re mio signore!

Lorenzojhwh Unius REI
49 ALLELUIA
Isaia 35:10. I riscattati dall'Eterno torneranno, verranno a Sion con grida di gioia e un'allegrezza eterna coronerà il loro capo; otterranno gioia e letizia, e il dolore e il gemito fuggiranno. Davide designa come re Salomone [ e non Rothschild. 1Re 1:1-31. Adonijah 322 Bush NWO, si costituisce re ] 1Re 1,28. Il re Davide, rispondendo, disse: «Chiamatemi Bath-Sceba». Ella entrò alla presenza del re e rimase in piedi davanti a lui. 29. Il re giurò e disse: «Com'è vero che vive l'Eterno che ha liberato la mia vita da ogni avversità, 30. io farò oggi esattamente ciò che ti ho giurato per l'Eterno, il DIO d'Israele, dicendo: "Tuo figlio Salomone regnerà dopo di me e siederà sul mio trono al mio posto"». 31. Bath-Sceba s'inchinò con la faccia a terra, si prostrò davanti al re e disse: «Possa il re Davide mio signore vivere in perpetuo!».

Lorenzojhwh Unius REI
56 ALLELUIA
Isaia 33:17. Il glorioso futuro di Gerusalemme. I tuoi occhi contempleranno il re nella sua bellezza, vedranno un paese molto lontano. Isaia 34:13. Nei suoi palazzi cresceranno le spine, nelle sue fortezze ortiche e cardi; diventerà una dimora di sciacalli, un recinto per gli struzzi.

Lorenzojhwh Unius REI
58 ALLELUIA
2Re 4:1-10. L'olio della vedova. 1 Una donna, moglie di un discepolo dei profeti, gridò a Eliseo, dicendo: «Il tuo servo, mio marito, è morto, e tu sai che il tuo servo temeva l'Eterno; ora il creditore è venuto a prendersi i miei due figli per farli suoi schiavi». 2 Eliseo le disse: «Che cosa devo fare per te? Dimmi, che cosa hai in casa?». Ella rispose: «La tua serva in casa non ha altro che un vasetto d'olio». 3 Allora egli disse: «Va' e chiedi in prestito a tutti i tuoi vicini dei vasi vuoti; e non chiederne pochi. 4 Quando sei rientrata, chiudi la porta dietro di te e dei tuoi figli, poi versa l'olio in tutti quei vasi mettendoli da parte man mano che saranno pieni». 5 Ella dunque si allontanò da lui e chiuse la porta dietro di sé e dei suoi figli; questi le portavano i vasi ed ella vi versava l'olio. 6 Quando i vasi furono pieni, ella disse a suo figlio: «Portami ancora un vaso». Ma egli le rispose: «Non ci sono più vasi». E l'olio si fermò. 7 Allora essa andò a riferire la cosa all'uomo di DIO, che le disse: «Va' a vendere l'olio e paga il tuo debito; con quel che resta vivrete tu e i tuoi figli».

Lorenzojhwh Unius REI
Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. nuovo, ennesimo attacco: di uomini armati a bordo di moto, in stato Katsina. Isaia 40:25. «A chi dunque, mi vorreste assomigliare, perché gli sia pari?», dice il Santo. [ criminali, 322 Kerry, 666, FMI, Spa, NWO, OGM, micro-chip, Gender ideologia, sodoma, gomorra, babilonia, 666, assassini, bugiardi, sharia imperialismo, LEGA ARABA: CIA, ANSA, Hollywood, UE, USA, il sistema massonico... ] my JHWH io sono pronto a fare passi seri, contro, tutti loro: gli assassini bugiardi!... contro, tutti i miei nemici! [ il genocidio quotidiano sotto egida ONU Amnesty ]

Lorenzojhwh Unius REI
Giosuè 24:15-18. 15. E se, vi pare cattiva cosa servire l'Eterno, scegliete oggi chi volete servire, o gli dèi che, servirono i vostri padri di là dal fiume, o gli dèi degli Amorei, nel cui paese voi abitate; quanto a me, e alla mia casa, serviremo l'Eterno». 16. Allora il popolo rispose e disse: «Lungi da noi abbandonare l'Eterno per servire altri dèi! 17. Poiché l'Eterno, il nostro DIO, è colui che, ha fatto uscire noi e i nostri padri dal paese d'Egitto, dalla casa di schiavitù, che, ha fatto quei grandi prodigi davanti ai nostri occhi. e ci ha protetti, per tutta la strada che, abbiamo percorso e fra tutti i popoli in mezzo ai quali siamo passati; 18. e l'Eterno ha scacciato davanti a noi tutti i popoli, e gli Amorei, che, abitavano il paese; perciò, anche noi serviremo l'Eterno, perché, egli è il nostro DIO».

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Isaia 55:3-5. 3. Porgete l'orecchio e venite a me, ascoltate e la vostra anima vivrà; e io stabilirò con voi un patto eterno, secondo le grazie stabili promesse a Davide. 4. Ecco, io l'ho dato come testimone ai popoli, come principe e comandante dei popoli. 5. Ecco, tu chiamerai una nazione, che non conosci, e una nazione che, non ti conosce accorrerà a te, a motivo dell'Eterno, il tuo DIO, e del Santo d'Israele perché egli ti ha glorificato».

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Isaia 65:7. le vostre iniquità e le iniquità dei vostri padri tutte insieme», dice l'Eterno. «Essi hanno bruciato incenso sui monti e mi hanno oltraggiato sui colli; perciò misurerò nel loro grembo il salario della loro condotta passata».

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Isaia 42:12-20. 12. Diano gloria all'Eterno, proclamino la sua lode nelle isole. 13. L'Eterno avanzerà come un eroe, ecciterà il suo ardore come un guerriero; manderà un grido, sì, un grido lacerante; trionferà sui suoi nemici. 14. «Per lungo tempo sono stato in silenzio, ho taciuto, mi sono contenuto; ma, ora griderò come una donna che ha le doglie di parto, respirerò affannosamente e sbufferò insieme. 15. Devasterò monti e colli e farò seccare tutte le piante verdi; ridurrò i fiumi in isole e asciugherò gli stagni. 16. Farò camminare i ciechi, per una via CATTIVA, che, non conoscevano e li condurrò per sentieri sconosciuti TORTUOSI; cambierò davanti a loro le tenebre in luce, e i luoghi tortuosi in pianura. Queste cose farò per loro e non li abbandonerò. 17. Volgeranno le spalle pieni di vergogna quelli che, confidano nelle immagini scolpite e dicono alle immagini fuse: "Voi siete i nostri dèi!". 18. Sordi, ascoltate; ciechi, guardate e vedete! 19. Chi è cieco, se non il mio servo, o sordo come, il mio messaggero che, invio? Chi è cieco come colui che, è in pace con me, cieco come il servo dell'Eterno? 20. Hai visto molte cose, ma senza prestarvi attenzione; le tue orecchie erano aperte, ma non hai udito nulla».

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Isaia 42:6. «Io, l'Eterno, ti ho chiamato secondo giustizia e ti prenderò per mano, ti custodirò e ti farò l'alleanza del popolo e la luce delle nazioni, Isaia 42:1-9
[ Il servo dell'Eterno UNIUS REI ] Isaia 42,1. «Ecco il mio servo, che, io sostengo, il mio eletto in cui la mia anima si compiace. Ho posto il mio Spirito su di lui; egli porterà la giustizia alle nazioni. 2. Non griderà, non alzerà la voce, non farà udire la sua voce per le strade. 3. Non spezzerà la canna rotta e non spegnerà il lucignolo fumante; presenterà la giustizia secondo verità. 4. Egli non verrà meno e non si scoraggerà, finché, non avrà stabilito la giustizia sulla terra; e le isole aspetteranno la sua legge». 5. Così dice Dio, l'Eterno, che, ha creato i cieli e li ha spiegati, che ha disteso la terra e le cose che essa produce, che, dà il respiro al popolo che, è su di essa e la vita a quelli che in essa camminano: 6. «Io, l'Eterno, ti ho chiamato secondo giustizia, e ti prenderò per mano, ti custodirò e ti farò l'alleanza del popolo, e la luce delle nazioni, 7. per aprire gli occhi dei ciechi, per fare uscire dal carcere i prigionieri, e dalla prigione quelli che giacciono nelle tenebre. 8. Io sono l'Eterno, questo è il mio nome; non darò la mia gloria ad alcun altro, né la mia lode alle immagini scolpite. 9. Ecco, le cose di prima sono avvenute, e ora vi annuncio cose nuove; io ve le faccio conoscere prima che germoglino».

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Isaia 42:5. Così dice Dio, l'Eterno, che ha creato i cieli e li ha spiegati, che ha disteso la terra e le cose che essa produce, che dà il respiro al popolo che è su di essa e la vita a quelli che in essa camminano: Isaia 43:10. I miei testimoni siete voi, dice l'Eterno, insieme al servo che ho scelto, affinché, voi mi conosciate e crediate in me, e comprendiate che, sono io. Prima di me, nessun Dio fu formato, e dopo di me, non ve ne sarà alcuno.

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Genesi 6,5-8. 5. Ora l'Eterno vide che, la malvagità degli uomini era grande sulla terra e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo. 6. E l'Eterno si pentì di aver fatto l'uomo sulla terra e se ne addolorò in cuor suo. 7. Così l'Eterno disse: «Io sterminerò dalla faccia della terra l'uomo, che, ho creato, dall'uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli del cielo, perché, mi pento di averli fatti». 8. Ma Noè trovò grazia agli occhi dell'Eterno.

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Fra i tanti, possiamo ricordare l'episodio in cui il profeta Elia, dopo aver vinto la prova celeste davanti ai 450 sacerdoti di Baal sul Monte Carmelo, si fa condurre costoro e li scanna di sua mano, dal primo all'ultimo, sulle rive del torrente Cison (1Re, 40). 1Re 18,17-40
17 Appena Acab vide Elia, gli disse: «Sei tu colui che mette scompiglio in Israele?» 18 Elia rispose: «Non sono io che metto scompiglio in Israele, ma tu e la casa di tuo padre, perché avete abbandonato i comandamenti del SIGNORE, e tu sei andato dietro ai Baali. 19 Adesso, fa' radunare tutto Israele presso di me sul monte Carmelo, insieme ai quattrocentocinquanta profeti di Baal e ai quattrocento profeti di Astarte che mangiano alla mensa di Izebel».
Elia sul monte Carmelo
2Cr 28:19 (Mt 6:24; Gs 24:15; Gr 10:1-16; 2Cr 7:1-3) Sl 97:7; De 13
20 Acab mandò a chiamare tutti i figli d'Israele, e radunò quei profeti sul monte Carmelo. 21 Allora Elia si avvicinò a tutto il popolo, e disse: «Fino a quando zoppicherete dai due lati? Se il SIGNORE è Dio, seguitelo; se invece lo è Baal, seguite lui». Il popolo non gli rispose nulla. 22 Allora Elia disse al popolo: «Sono rimasto io solo dei profeti del SIGNORE, mentre i profeti di Baal sono in quattrocentocinquanta. 23 Dateci dunque due tori; quelli ne scelgano uno per loro, lo facciano a pezzi e lo mettano sulla legna, senz'appiccarvi il fuoco; io pure preparerò l'altro toro, lo metterò sulla legna, e non vi appiccherò il fuoco. 24 Quindi invocate voi il nome del vostro dio, e io invocherò il nome del SIGNORE; il dio che risponderà mediante il fuoco, lui è Dio». Tutto il popolo rispose dicendo: «Ben detto!»
25 Allora Elia disse ai profeti di Baal: «Sceglietevi uno dei tori; preparatelo per primi, poiché siete i più numerosi; e invocate il nome del vostro dio, ma non appiccate il fuoco. 26 Quelli presero il loro toro, e lo prepararono; poi invocarono il nome di Baal dalla mattina fino a mezzogiorno, dicendo: «Baal, ci!» Ma non si udì né voce né risposta; e saltavano intorno all'altare che avevano fatto. 27 A mezzogiorno, Elia cominciò a beffarsi di loro dicendo: «Gridate forte; poich'egli è dio, ma sta meditando, oppure è indaffarato, o è in viaggio; può anche darsi che si è addormentato, e si risveglierà». 28 E quelli si misero a gridare più forte, e a farsi delle incisioni addosso, secondo il loro costume, con spade e lance, finché grondavano di sangue. 29 E passato che fu il mezzogiorno, quelli profetizzarono fino all'ora in cui si offriva l'offerta. Ma non si udì voce o risposta, e nessuno diede loro retta.
30 Allora Elia disse a tutto il popolo: «Avvicinatevi a me!» Tutto il popolo si avvicinò a lui; ed Elia riparò l'altare del SIGNORE che era stato demolito. 31 Prese dodici pietre, secondo il numero delle tribù dei figli di Giacobbe, al quale il SIGNORE aveva detto: «Il tuo nome sarà Israele». 32 Con quelle pietre costruì un altare al nome del SIGNORE, e fece intorno all'altare un fosso, della capacità di due misure di grano. 33 Poi vi sistemò la legna, fece a pezzi il toro e lo pose sopra la legna. 34 E disse: «Riempite quattro vasi d'acqua, e versatela sull'olocausto e sulla legna». Poi disse: «Fatelo una seconda volta». E quelli lo fecero una seconda volta. E disse ancora: «Fatelo per la terza volta». E quelli lo fecero per la terza volta. 35 L'acqua correva attorno all'altare, ed egli riempì d'acqua anche il fosso.
36 All'ora in cui si offriva l'offerta, il profeta Elia si avvicinò e disse: «SIGNORE, Dio d'Abraamo, d'Isacco e d'Israele, fa' che oggi si conosca che tu sei Dio in Israele, che io sono tuo servo, e che ho fatto tutte queste cose per ordine tuo. 37 mi, SIGNORE, mi, affinché questo popolo riconosca che tu, o SIGNORE, sei Dio, e che tu sei colui che converte il loro cuore!»
38 Allora cadde il fuoco del SIGNORE, e consumò l'olocausto, la legna, le pietre e la polvere, e prosciugò l'acqua che era nel fosso. 39 Tutto il popolo, veduto ciò, si gettò con la faccia a terra, e disse: «Il SIGNORE è Dio! Il SIGNORE è Dio!»
40 Elia disse loro: «Prendete i profeti di Baal; neppure uno ne scampi!» Quelli li presero, ed Elia li fece scendere al torrente Chison, e laggiù li sgozzò.

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
Nel Salmo 7, si scaglia con ira implacabile contro gli empi, invocando da Dio la massima durezza verso costoro «Sorgi, o Signore, nel tuo sdegno, levati contro il furore dei nemici, alzati per il giudizio che hai stabilito. [...] La mia difesa è nel Signore, egli salva i retti di cuore. Dio è giudice giusto, ogni giorno si accende il suo sdegno. Non torna forse ad affilare la spada, a tendere e puntare il suo arco? Si prepara strumenti di morte, arroventa le sue frecce.»

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA (modificato)
[ criminali, 322 Kerry, 666, FMI, NWO, OGM, micro-chip, Gender ideologia, sodoma, gomorra, babilonia, 666, assssini, bugiardi, sharia imperialismo, LEGA ARABA: CIA ANSA, Hollywood, UE USA, pronti a passi seri contro Russia ] my JHWH io sono pronto a fare passi seri contro tutti loro: gli assassini bugiardi!... contro tutti i miei nemici! [ il genocidio quotidiano sotto egida ONU Amnesty ] Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. nuvo, ennesimo attacco: di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
13 marzo, #KANO (NIGERIA), [ assassini maledetti disgraziati ONU Amnesty LEGA ARABA UE USA 322 Kerry Bush, Bldenberg, vi precipiterò tutti nella desolazione! criminali, satanisti massoni usurai! ] Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso violenze interetniche (questa è una menzogna di ANSA).

Lorenzojhwh Unius REI
ALLELUIA
ANSA [violenze interetniche? quali violenze interetniche? tu sei l'assassino, bugiardo.. tu ora ti scontrerai violentemente con la cattiva sorte! ] stopyouporntubesatan
The Father loves the Son and has placed everything in His hands! Bush 322 Kerry satana, quando andiamo a votare in Ucraina? tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate! perché, vi meravigliate, che, io ho maltrattato Kerry? lui è un satanista! ed è normale per me calpestare satanisti!
Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. Attacco di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina. 13 marzo, KANO (NIGERIA), [ adesso è sicuro, la LEGA ARABA, UE, USA, 322, Bildeberg, Arabia SAudita, Onu amnesty, per sharia imperialismo, sono dentro questo crimine, di genocidio, fino al collo, dopotutto è solo in questo modo che la LEGA ARABA si è accresciuta in 1500 di terrorismo, senza libertà di religIone per tutti i diritti di Onu Amnesty!] Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso BOKO HARAM violenze interetniche? ( TUTTE BUGIE ANSA 322 BUSH KERRY! ).

Lorenzojhwh Unius REI
8 ALLELUIA
322 Kerry --- tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate! perché, vi meravigliate, che, io ho maltrattato Kerry? lui è un satanista!
ed è normale per me calpestare satanisti!

Lorenzojhwh Unius REI
8 ALLELUIA
Benjamin Netanyahu -- [ tu non sei la prima persona, che, vede in me, i caratteri di un familiare intimo, che, gli è morto, anzi questo, è un fenomeno strano, che, avviene frequentemente, a mia insaputa ] ma, loro non sono morti, infatti, in realtà, comunicano, ai loro cari, la loro forza, attraverso, di me! [ io sono una delle 4 porte di legno, a 4 ante, del tempio ebraico celeste, quindi, nel giorno del giudizio universale, mi potranno, attraversare, tutti coloro (sono miliardi), che avranno ricevuto misericordia! ]
Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo! ] Tre razzi nel sud di Israele vicino Gaza. Nonostante annuncio tregua. Lo riferisce portavoce militare. 13 marzo, TEL AVIV, Tre razzi lanciati da Gaza sono caduti in una zona a sud di Israele, nei pressi della Striscia. Lo annuncia il portavoce militare israeliano, dopo che nell'area erano risuonate le sirene di allarme. L'episodio è avvenuto nonostante la tregua annunciata ALLELUIAdalla Jihad islamica.
Nessuno Unius REI
Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo! ]Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. Attacco di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina. 13 marzo, KANO (NIGERIA), Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso violenze interetniche.
Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo! ]Iraq: 7 impiccagioni per terrorismo. Almeno 44 persone messe a morte da inizio anno. 13 marzo, BAGHDAD, Almeno sette persone sono state impiccate oggi in Iraq per reati di "terrorismo". Lo ha reso noto il ministro della Giustizia, Hassan al Shammary, sottolineando, che, tre di loro erano ex membri del deposto regime di Saddam Hussein. Salgono cosi' ad almeno 44, le persone messe a morte dall'inizio dell'anno in Iraq, nonostante le proteste e le richieste di una moratoria avanzate dall'Onu e dalle organizzazioni internazionali per i diritti umani.

Lorenzojhwh Unius REI
322 Kerry --- tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate!

Nessuno Unius REI

Marò: Pinotti, è momento unità nazionale! Ministro dall'India, "far sentire forte la voce di tutta Italia".. 13 marzo, NEW DELHI, [ India sta commettendo un atto di bullismo, contro, tutte le Nazioni, ma, i satanisti USA, 322, Kerry, vedono, soltanto, quello, che vogliono, che loro conviene di vedere, la loro giustizia è merda, non hanno nessuna credibilità, infatti, loro sono la menzogna e la malvagità, FMI SPA 322, 666 datagate CIA, cannibali, Gmos Micro-chip. morgellons! ] L'obiettivo prioritario del governo italiano e' quello di riportare i due Fucilieri di Marina a casa e per questo "e' necessaria una grande unita' nazionale". Lo ha dichiarato oggi all'ANSA di New Delhi il ministro della Difesa Roberta Pinotti. L'elemento essenziale, ha spiegato, "e' far sentire su questo il piu' possibile la forte voce di tutta l'Italia" e "non dobbiamo indebolire da soli la posizione del Paese creando eventuali fratture interne".

Lorenzojhwh Unius REI
8 ALLELUIA
Kevin Lan
ha commentato un video su YouTube.
Condiviso pubblicamente - 14:56
Saudi Troops Enter Bahrain To Suppress Protests
/watch?v=SGhU7cyvSFw
Caricato in data 20/mar/2011
Bahrain declared martial law on March 15th, a day after national guard forces from Saudi Arabia arrived in the Sunni-ruled kingdom to help put down weeks of protests by the island's Shi'ite Muslim majority. More than 1,000 Saudi troops rolled into the kingdom in a long convoy of armored vehicles at the request of Bahrain's Sunni rulers. The United Arab Emirates said their government would also send 500 police.
Ibrahim Sharif is General Secretary of the secular liberal National Democratic Action Society (Al-Wa'ad). Sharif is a Sunni Muslim and not a Shia. The issue in Bahrain is a struggle for freedom and self determination and is not sectarian; s the government is trying to portray it. Ibrahim Sharif è Segretario Generale del laico liberale Nazionale Democratico Azione Society (Al-Wa'ad). Sharif è un musulmano sunnita e non sciita. Il problema in Bahrain è una lotta per la libertà e l'autodeterminazione, e non è settaria, s il governo sta cercando di ritrarre esso.
Nuovo commento sul tuo video /watch?v=ANR36gW3S_o&
horror Muhammad is in the Hell was a False Prophet
Sara Khan
And just how do some of you know that muhhamed is a real prophet of God how? cause he wrote his own book the Quran? or God told you he was a true prophet? for me to believe in a prophet there got to be a testimony not on his life but my own life experience that relates to his own experience from God I have never heard any muslim giving a testimony the only thing I hear is a bad mouth and fight starters, and murderers for their faith and that's a bad testimony but then you say its a peaceful religion?
BOKO HARAM violenze interetniche? ( TUTTE BUGIE ANSA 322 BUSH KERRY! ).

322 Kerry --- tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate!

Marò: Pinotti, è momento unità nazionale! Ministro dall'India, "far sentire forte la voce di tutta Italia".. 13 marzo,  NEW DELHI, [ India sta commettendo un atto di bullismo, contro, tutte le Nazioni, ma, i satanisti USA, 322, Kerry, vedono, soltanto, quello, che vogliono, che loro conviene di vedere, la loro giustizia è merda, non hanno nessuna credibilità, infatti, loro sono la menzogna e la malvagità, FMI SPA 322, 666 datagate CIA, cannibali, Gmos Micro-chip. morgellons! ] L'obiettivo prioritario del governo italiano e' quello di riportare i due Fucilieri di Marina a casa e per questo "e' necessaria una grande unita' nazionale". Lo ha dichiarato oggi all'ANSA di New Delhi il ministro della Difesa Roberta Pinotti. L'elemento essenziale, ha spiegato, "e' far sentire su questo il piu' possibile la forte voce di tutta l'Italia" e "non dobbiamo indebolire da soli la posizione del Paese creando eventuali fratture interne".

Benjamin Netanyahu -- [ tu non sei la prima persona, che, vede in me, i caratteri di un familiare intimo, che, gli è morto, anzi questo, è un fenomeno strano, che, avviene frequentemente, a mia insaputa ] ma, loro non sono morti, infatti, in realtà, comunicano, ai loro cari, la loro forza, attraverso, di me! [ io sono una delle 4 porte di legno, a 4 ante, del tempio ebraico celeste, quindi, nel giorno del giudizio universale, mi potranno, attraversare, tutti coloro (sono miliardi), che avranno ricevuto misericordia! ]

Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo!  ] Tre razzi nel sud di Israele vicino Gaza. Nonostante annuncio tregua. Lo riferisce portavoce militare. 13 marzo, TEL AVIV, Tre razzi lanciati da Gaza sono caduti in una zona a sud di Israele, nei pressi della Striscia. Lo annuncia il portavoce militare israeliano, dopo che nell'area erano risuonate le sirene di allarme. L'episodio è avvenuto nonostante la tregua annunciata ore fa dalla Jihad islamica.

Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo!  ]Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. Attacco di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina. 13 marzo, KANO (NIGERIA), Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso violenze interetniche.

Benjamin Netanyahu [questi difendono i terroristi e non le loro vittime ] [ questa è la carta di presentazione di un Islam NAZI, sotto egida ONU Amnesty UE USA.. si sente troppo sicuro di se, il tuo traditore complottista, King SAudi Arabia, ma, un giorno di questi, mentre lui sarà seduto sul suo cesso di merda, si accorgerà, di stare, nel bel mezzo, di un inferno radioattivo!  ]Iraq: 7 impiccagioni per terrorismo. Almeno 44 persone messe a morte da inizio anno. 13 marzo, BAGHDAD, Almeno sette persone sono state impiccate oggi in Iraq per reati di "terrorismo". Lo ha reso noto il ministro della Giustizia, Hassan al Shammary, sottolineando, che, tre di loro erano ex membri del deposto regime di Saddam Hussein. Salgono cosi' ad almeno 44, le persone messe a morte dall'inizio dell'anno in Iraq, nonostante le proteste e le richieste di una moratoria avanzate dall'Onu e dalle organizzazioni internazionali per i diritti umani.

Ucraina: Gazprom, Kiev deve pagare debiti [ Merkel, Barroso, massoni voi avete fatto questo golpe.. quindi, ora pagate i debiti! su coraggio pidocchiosi ... pagate, fate vedere agli ucraini quella che è la vostra dignità!! ] Russia ha già concesso aiuti per 5 mld dollari, 13 marzo, #MOSCA, [] L'Ucraina sta attraversando una crisi molto seria, ma deve pagare i suoi debiti per il gas che ha acquistato: lo ha detto Alexiei Miller, ad del colosso russo Gazprom. Ricordando che gli Usa hanno intenzione di supportare l'Ucraina con un aiuto di un miliardo di dollari, Miller ha sottolineato che la Russia ha già concesso un aiuto finanziario di 5 miliardi di dollari, tra i 3 di prestito dello scorso anno e i 2 di debito in forniture di gas che "sono de facto un prestito".

[ CIA 322 G7 666 Ucraina golpe senza pudore!  13 marzo[ interessante! la CIA 666 ha sparato, sia contro, i poliziotti, che, contro la folla, con i cecchini, poi, UE USA hanno fatto il Golpe, e FBI, fa gli interrogatori! poi, non vogliono pagare i debiti del gas alla Russia, lol. voi siete la feccia dei criminali, la violazione di ogni diritto internazionale! ma, voi dove credete di stare? con chi voi credete di avere a che fare? ] E' stato arrestato nella notte a Vienna l'oligarca ucraino Dmitry Firtash, vicino al presidente Viktor Ianukovich, l'arresto è avvenuto nell'ambito di un'indagine dell'FBI.

322 G7 666 Ucraina golpe senza pudore! se sanzioni? Russia risponderà! .. per ora iniziate a pagare i debiti che la Ucraina ha con la Russia! poi, vi boicotto il dollaro, e vi chiudo il gas all'Europa dei massoni..

my JHWH -- quei satanisti di Bush 322 Kerry, non hanno ancora capito, chi comanda, sul mondo, oggi! ... lol. si, se ne accorgeranno!

Kerry 322 HITLER nazi 666 SHARIA: Boko Haram, [ DOPO AVERE CALPESTATO, I DIRITTI UMANI E DIRITTI COSTITUZIONALI] pronti a passi seri, contro, Russia. Giù lunedì, se, Mosca andra' avanti su referendum, in Crimea (perché, ai satanisti come noi, della volontà dei popoli? non importa un cazzo! ). 13 marzo, #NEW YORK, Se il referendum sulla Crimea andra' avanti gia' lunedi' saranno intrapresi "passi seri" contro, la Russia da parte di Stati Uniti e Europa. Lo ha detto il segretario di Stato americano, John Kerry, parlando in Congresso. Le tensioni con, la Russia a causa della crisi ucraina rischiano di compromettere, anche, le relazioni sul fronte della Siria, ha aggiunto Kerry. [ vieni avanti satanista, io ti sto aspettando! ]

13 marzo, LONDRA, [ una donna non tradisce, se, prima non è tradita a sua volta, ma, in quella rubrica, c'era l'elenco di tutti i criminali più pericoli del mondo, cioè, i massoni, satanisti del NWO, quelli che, hanno rubato la sovranità monetaria, quindi, quello che ha fatto Diana, è stato un atto patriottico.. e, poiché, è uccisa per questo, questo, fa di lei un martire della democrazia! [INVECE ] La Regina di Inghilterra è la vera Gezabele dei tempi moderni, per fare il sacrilegio di essere: il rappresentanete della Massoneria di satana e contemporaneamente: il rappresentante della Chiesa Anglicana! ] La Diana Spencer, conosciuta anche come Lady D e come Lady Di, fu dal 1981 al 1996 consorte di Carlo, principe di Galles, erede al trono del Regno Unito, nel 1992 passò una rubrica coi numeri della famiglia reale al News of the World. E' quanto ha affermato oggi l'allora corrispondente reale del settimanale, Clive Goodman, nel corso del processo sullo scandalo Tabloidgate che lo vede imputato.

my JHWH, c'è un mucchio di brutte persone, criminali, la feccia 322 di Bush, che, è molto arrabbiata, contro di me! .. lol. peggio per loro, noi abbiamo i documenti, sempre, in ordine, quindi, sosterremo l'interrogatorio della FBI Datagate di satana, senza problemi!


MOSSAD (Perugia) sorry ragazzi, è stato hotmail, che, mi ha costretto, a cambiare la password.. lol. ma, se voi mi scrivete? io vi rivelo la mia nuova password! con amore il vostro King Israel lorenzoJHWH

666 Rothschild FMI Spa -- grazie, per avere pagato, a nome mio, il debito pubblico della Argentina!

king Saudi Arabia -- SMETTI DI ESSERE IL MIO NEMICO!

king Saudi Arabia -- perché sei così, desideroso di morire in una guerra mondiale nucleare, per fare gli interessi, del potere sovrano, di Rothschild e del suo Fondo Monetario Internazionale, Spa, truffa, falso in bilancio, fuori di ogni controllo statale, la comunione con satana, di un denaro creato dal nulla e pagato dai popoli anche ad interesse, un denaro, con un costro del 270%, che è soltanto prestato, ai popoli schiavi? perché, tu sei così ansioso di vedere sorgere l'Era di satana? se, il tuo dio non era uno stronzo? Lui non avrebbe mai dovuto permettere, tutto questo male! lui il tuo dio-bestia, che, si diverte ad uccidere 300 dhimmi schiAvi, ogni giorno, e ad annettere alla LEGA ARABA: senza libertà di religione, un pezzo di terra: OGNI GIORNO, imperialismo sharia Boko Haram, ogni giorno, sotto egida ONU, Amnesty merda. [ALLORA ] tu non conosci la Parola di Dio che dice: "un atto di amore perfetto, cancella una moltitudine di peccati!"?

Benjamin Netanyahu - [ circa, la vocazione universale degli ebrei ] - ora, il ministero di Dio, che, è sempre un compito sacerdotale universale, di mediazione universale, tra, Dio e gli uominni, può essere fatto: solo per amore PURO, di Dio, e quindi, per amore di tutto il genere umano.. altrimenti contrarimente, diventa blasfemia ed apostasia, cioè, diventa falsa quella religione, perduta la speranza! e se tu non hai ancora fatto il tuo più che legittimo attacco nucleare preventivo, osando disubbidire a me.. è soltanto, perché, tu sei un sacerdote, come Melchisedek, che, ha deciso di amare in maniera universale tutti gli uomini del mondo, proprio come me..

Benjamin Netanyahu -- ecco perché, Dio JHWH, lui vuole, che, siano tutti i popoli del mondo, questa volta, a costruire il Tempio Ebraico, per essere tutti: di nuovo sotto benedizione! ma, questo non è possibile, se, la questione ebraica , delle 12 Tribù, non viene risolta.. e li c'è tanta sabbia, nel deserto inutilizzato.. per la grettezza e l'egoismo umano.. poi, se, un uomo muore di fame, e tu non gli dai un pezzo di pane? poi, la tua religione è falsa, perduta inutile la tua speranza.. perché, tu hai in superfluo del deserto, ma, non lo dai a chi ha bisogno, di quel superfluo, per sopravvivere, e per compiere il volere del Signore Dio.. per benedire tutto il genere umano! io ho capito che, il King SAudi Arabia è il tuo amico, perché non lo hai ucciso ancora! ... ma, stai attento. . lui merita di morire, perché, non dandoti la "madiana", lui di fatto ti ha messo un vicolo cieco, per la estinzione! immaginiamo, che, il tuo amico il Re della Arabia Saudita, viene, come pellegrino nel Tempio Ebraico, per, incontrare il Signore Dio Onnipotente, personalmente.. perché, questa esperienza gli è preclusa nella sua religione.. quindi, tu lo ospiti a casa tua, ecco perché, ogni ebreo deve avere qualche stanza a disposizione degli ospiti, ma, senza televisione o distrazioni mondane, perché, loro devono stare in ritiro spirituale! .. poi, queste persone devono avere, il libro dei salmi, e la Bibbia ebraica a disposizione, quindi, se, hanno dei dubbi, loro faranno delle domande, e per pochi giorni pregheranno e vivranno alla maniera ebraica, poi, si potranno recare al Tempio Ebraico, per incontrare, il Signore PERSONALMENTE! io sono Unius REI!
c'è, qualcosa di troppo importante, che, ogni ebreo ignora, cioè, ogni ebreo, anche se donna, non soltanto è sacerdote secondo l'ordine di Melchisedec, a volte scritto Malchizedek, Melchisedech, Melchisedek, Melchisedeq o Melkisedek, come ogni persona del pianeta, ma, poiché l'ordine di LEVI è andato smarrito, quindi ogni ebreo, appartiene all'ordine di LEVI.. quindi, gli ebrei hanno una elezione sacerdotale, in favore di tutto il genere umano, cioè, per benedire tutti i popoli del mondo, ed è questo il significato del terzo tempio ebraico! .. ecco perché è detto: "Israele è l'orologio della storia!" ma, c'é un altro aspetto, inquietante, circa, la Parola di Dio.. nessuno può conoscere il significato della sua vita, il senso, lo scopo della sua esistenza, il suo ruolo nella storia del genere umano, e il suo ruolo nel Regno di Dio, se, lui ignora la Torà, ecc.. perché, allora Newton, ha impiegato 8 anni della sua vita a conoscere il messaggio subliminale, che, la Bibbia in Ebraico contiene? ecco poi, lui è diventato uno scienziato! e da questo che è nata una Kabbalah positiva, del mio amico Kadouri, Kadourie, Kedourie; "Yitzhak", che, lui non ha fatto come altri, KAKAM, super farisei per satana, talmud perverso, che, si sono aperti alla magia nera, come, Rothschild Spa, FMI, per rubare la sovranità monetaria a tutti i popoli! chi, non conosce, le 2500 benedizioni bibliche (e qualsiasi dono, che, qualcuno ha ricevuto da Dio, nella Bibbia, può essere rivendicato per se stesso, perché, in Dio JHWH, non ci sono favoritismi! ), come lui potrà scansare le 2500 maledizioni corrispondenti? Quindi, non ci può essere relazione con Dio, gustare la sua presenza, se, non abbiamo un nutrimento quotidiano della Parola di Dio..

Obama USA [le mie condoglianze!] Esplosione a Manhattan, almeno 3 vittime
Circa 60 i feriti, ancora una decina di dispersi. 13 marzo, NEW YORK, E' salito a tre morti e una sessantina di feriti il numero delle vittime del crollo di due edifici di Harlem, a New York, causato da un'esplosione provocata da una fuga di gas. Lo hanno reso noto fonti ufficiali, secondo cui una terza vittima e' stata recuperata in serata da sotto le macerie. Altre fonti scrivono che una decina di persone risultano ancora disperse.

ma Obama l'islamico, nazi GENDER, fa l'embargo soltanto, per difendere i suoi gay, [ tutte le agenzie di viaggio del mondo, devono fare ugualmente: questo è un esempio di nazi islamisti sotto egida Onu UE Bildenberg Amnesty, per uccidere i dhimmi schiavi! ] Tunisia blocca sbarco turisti israeliani, Compagnia crociere, è discriminazione, mai più nel Paese. 12 marzo, La compagnia di navigazione Norwegian Cruise Line ha denunciato che il governo tunisino ha impedito ai passeggeri di nazionalità israeliana di una sua nave da crociera di sbarcare nel porto di Tunisi domenica scorsa. "E' un atto discriminatorio", dice in un comunicato la compagnia, annunciando di aver cancellato tutte le altre tappe in Tunisia.

The Father loves the Son and has placed everything in His hands! Bush 322 Kerry satana, quando andiamo a votare in Ucraina? tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate! perché, vi meravigliate, che, io ho maltrattato Kerry? lui è un satanista! ed è normale per me calpestare satanisti!

Nigeria: almeno 69 morti nel nord-est. Attacco di uomini armati a bordo di moto in stato Katsina. 13 marzo, KANO (NIGERIA), [ adesso è sicuro, la LEGA ARABA, UE, USA, 322, Bildeberg, Arabia SAudita, Onu amnesty, per sharia imperialismo, sono dentro questo crimine, di genocidio, fino al collo, dopotutto è solo in questo modo che la LEGA ARABA si è accresciuta in 1500, anni, di terrorismo, senza libertà di religione per tutti i diritti di Onu Amnesty Obama GEnder NAZI!] Un nuovo massacro nella Nigeria nord-orientale, flagellata dalla violenza dei terroristi islamici di Boko Haram: in quattro villaggi visitati da uomini armati a bardo di motociclette sono stati rinvenuti i cadaveri di almeno 69 persone. Lo rende noto un deputato della stato di Katsina, dove da martedì sono in corso violenze interetniche.

stopyouporntubesatan

Sara Khan.. And just how do some of you know that muhhamed is a real prophet of God how ? cause he wrote his own book the Quran ? or  God told you he was a true prophet? for me to believe in a prophet  there got to be a testimony not on his life but my own life experience that relates to his own experience from God I have never heard any muslim giving a testimony the only thing I hear is a bad mouth and fight starters , and murderers for their faith and that's a bad testimony but then you say its a peaceful religion?

322 Kerry --- tua madre? non si ricorda bene, come, le tue cose sono andate! perché, vi meravigliate, che, io ho maltrattato Kerry? lui è un satanista!
ed è normale per me calpestare satanisti!


Kerala Killed Kumbh


Il 666, G7, 322, contro Mosca. tutte le menzogne e le minacce di un Occidente senza il senso del pudore! "L'annessione della Crimea è una minaccia".
[ i massoni europei hanno deciso di realizzare la guerra mondiale, perché hanno fatto il golpe ed impediscono al popolo ucraino di andare a votare.. sono loro che hanno messo in pericolo la struttura difensiva della Russia e non viceversa] Al Bundestag, "è una sfida che dobbiamo affrontare". 13 marzo, Ucraina: Merkel, periodo con fiato sospeso #BERLINO, "Temo che, vivremo un lungo periodo con il fiato sospeso. Ma è una sfida che dobbiamo affrontare": lo ha detto Angela Merkel parlando al Bundestag. "In gioco c'è il rispetto dei principi della Nazioni Unite", ha aggiunto.
Ucraina: se sanzioni Russia risponderà
Nuove esercitazioni militari russe vicino confini con Ucraina
13 marzo, 12:27 [ Quindi è la CIA che ha fatto il golpe in Ucraina se FBI, indaga su tutto ma, non su chi ha pagato i cecchini che hanno ucciso le persone! ] Arrestato oligarca vicino a Ianukovich. A Vienna, nell'ambito di un'inchiesta dell'FBI. 13 marzo, Arrestato oligarca vicino a Ianukovich #VIENNA, E' stato arrestato nella notte a Vienna l'oligarca ucraino Dmitry Firtash, vicino al presidente Viktor Ianukovich. Lo ha annunciato l'agenzia di stampa austriaca APA. La polizia ha spiegato che l'arresto è avvenuto nell'ambito di un'indagine dell'FBI. Rogozin: bisogna creare "le misure di risposta" all'Occidente
Il vice primo ministro Dmitry Rogozin giovedi ha deciso di riunire i capi di importanti gruppi industriali del Paese per progettare le misure di risposta ai Paesi occidentali che minacciano la Russia di sanzioni economiche, ha scritto il politico nel suo microblog su Twitter.
"Per superare le possibili sanzioni dell'Occidente e sviluppare risposte oggi si riunisco i capi di importanti gruppi industriali", si dice nel comunicato.
In precedenza Rogozin ha dichiarato la necessità di un ri-armamento dell'esercito russo alla luce delle minacce degli Stati Uniti e della NATO.
Per saperne di più: http://italian.ruvr.ru/news/2014_03_13/Rogozin-bisogna-creare-le-misure-di-risposta-allOccidente-7804/

Mo: Kerry, sospetti da entrambe le parti. Accordo "difficile ma possibile"
13 marzo, 10:31 [ sospetti? la sharia è il genocidio del genere umano. è il vero terrorismo dei Boko Haram e di tutti i maleddedetti assassini seriali sotto gida Onu Amnesty. se non rinunciano alla sharia?, devono essere sterminati! ]
Mo: Gaza, razzo esplode in area Ashqelon. Ban Ki-moon condanna "con forza" lancio razzi. 13 marzo, #TEL AVIV,  (ipocrita Ban Ki-Moon, lui deve condannare la sharia, che arma la mano omicida, saudita, in tutto il mondo! ) Un razzo lanciato da Gaza è esploso nell'area di Ashqelon, dove poco fa sono risuonate le sirene di allarme. Non è chiaro al momento - riportano i media - se sia caduto in un'area aperta o in una residenziale. Il segretario generale dell'Onu Ban Ki-moon ha condannato oggi "con forza" i razzi lanciati dalla Striscia contro Israele che hanno provocato la reazione dell'Esercito dello Stato ebraico.
La notte di giovedì gli aerei militari israeliani hanno colpito alcuni bersagli nella Striscia di Gaza in risposta al bombardamento massiccio del suo territorio da parte dei palestinesi, comunicano i media arabi, riferendosi ai testimoni palestinesi.
Sono state colpite le basi dell'ala armata dell'organizzazione Jihad islamica palestinese, che ha rivendicato l'attacco missilistico dell'Israele.
Ieri il Premier israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Israele reagirà "in modo molto deciso" all'attacco.


sarà un altro christian Dhimmi, condannato a morire dall'ONU Amnesty, LEGA ARABA merda, senza libertà di Religione, merda, sistema massonico Bildenberg, per realizzare la UMMA imperialismo sharia nazi. [ il destino che aspettava quel ragazzo in Pakistan? era comunque la morte! ]. Ruba pistola a poliziotto e si suicida davanti Questura. Afghano di 21 anni, doveva rinnovare permesso soggiorno. 12 marzo, Agenti di polizia all'esterno della Questura dove un giovane afghano di 21 anni ha rubato la pistola ad un poliziotto, e si e' sparato in testa. Ruba pistola a poliziotto e si suicida davanti Questura
(di Francesco De Filippo) #TRIESTE, Si è avvicinato a un poliziotto lasciando il proprio posto in fila nell'affollato atrio della Questura, gli ha sottratto la pistola, lo ha spinto facendolo cadere e, prima di scappare, gli avrebbe rivolto contro l'arma. Poi è fuggito, tra la gente spaventata, inseguito da un ispettore. Fatti pochi metri, ha messo il colpo in canna ed ha sparato, prima contro una chiesa poi alla propria testa. E' morto in serata all'ospedale di Cattinara, dove era ricoverato. Protagonista della vicenda è un giovane afghano di 21 anni, forse affetto da squilibri psichici. Solo dai filmati delle telecamere di sicurezza si potrà capire se il giovane ha puntato la pistola contro i due poliziotti, ed eventualmente capire se intendeva sparare ma lo ha fermato il fatto che fosse innestata la sicura. Ma si tratta di un elemento secondario nella vicenda, che dovrà essere approfondito dagli investigatori. I quali dovranno sentire anche l'agente al quale è stata sottratta la pistola, che è stato portato in ospedale per leggere contusioni. La vicenda ha sconvolto la città giuliana. Il giovane afghano era stato preso in carico dal Consorzio Italiano di Solidarietà di Trieste dopo che era stato rintracciato in strada, in ottobre. Aveva chiesto asilo, ottenendo un permesso di soggiorno per motivi umanitari, scaduto ieri. Per questo oggi è andato in Questura, voleva chiederne il rinnovo. Qualcosa, però, è scattato nella sua mente, forse già da giorni in uno stato di eccitazione, secondo quanto si è appreso. E da accertamenti risulta che avesse già manifestato intenti suicidi. ''Un dramma della disperazione'', lo ha definito il questore, Giuseppe Padulano, che "poteva avere ripercussioni ben peggiori perché in quel momento nell'atrio e nei pressi della Questura c'erano molte persone''. Padulano ha lodato gli agenti: ''Si sono subito resi conto, con sangue freddo, che non potevano intervenire con le armi da fuoco proprio a causa della folla''. Certo, il ragazzo conosce l'uso delle armi: alla fine della corsa ha tolto la sicura ed ha scarrellato mettendo il colpo in canna. Un'operazione che, in un momento di grande concitazione, non è così automatica. Anche in questo caso, c'è un aspetto sociologico inquietante: un video completo di quanto avvenuto sarebbe stato girato con un telefono cellulare da un testimone che l'avrebbe caricato su Facebook.

[tutta la follia di una religione imperialistica per la conquista del mondo attraverso lo strumento del genocidio sotto egida ONU Farisei Amnesty Bildenberg USA UE, massoni satanisti di merda! ] Afghanistan: uccisi 3 attivisti politici. Erano sostenitori del candidato presidenziale Abdullah Abdullah.

Gaza: assassino terrorista Abu Mazen, dice: " stop escalation militare!" ma, questo è nei fatti sono i terroristi che si devono fermare di aggredire Israele, con strumenti sempre più moderni e sofisticati. 13 marzo, #RAMALLAH, Il presidente palestinese Abu Mazen (Mahmoud Abbas) ha esortato oggi Israele a fermare "l'escalation militare contro la Striscia di Gaza assediata": lo ha detto il suo portavoce citato dall'agenzia ufficiale palestinese Wafa.

12 marzo 2014, [ tutte le vittime dei cecchini Bush 322 Kerry ]
Negli ospedali di Kiev ancora 173 ricoverati dopo gli scontri a Maidan
Oltre 170 feriti a seguito degli scontri a Kiev rimangono ricoverati negli ospedali della capitale ucraina, riferisce oggi il ministero della Salute del Paese.
"Dai luoghi dove sono avvenuti gli scontri nel centro di Kiev si erano rivolti alle squadre di assistenza medica e agli ospedali pubblici 1.241 feriti, 812 dei quali erano stati ricoverati in ospedale. Sino ad oggi 12 marzo 2014 si trovano ancora ricoverati nelle strutture sanitarie della capitale 173 persone," - si legge nel rapporto.

[ il potere della mediazione, contro, il potere della congiura internazionale, il monopolio massonico delle NetWork TV satellite, un solo universo di bugie a senso unico] 12 marzo 2014, Il presidente del Venezuela Maduro diventa conduttore radiofonico.
Il capo di Stato del Venezuela ora conduce un programma radiofonico chiamato "In contatto con Maduro." La prima trasmissione è avvenuta ieri.
Secondo le idee del presidente, il nuovo format di comunicazione con i cittadini del Venezuela permetterà di discutere dei problemi urgenti del Paese, di rispondere rapidamente alle critiche dell'opinione pubblica e di commentare in diretta l'attualità.
Nicolas Maduro ha anche rilevato che le trasmissioni radiofoniche saranno disponibili anche sulle sue pagine nei social network, in modo da raggiungere un nuovo livello di comunicazione e interazione con i venezuelani.
Maduro ha anche riferito di aver creato una pagina personale su Facebookdove i suoi interventi possono essere letti in diverse lingue.

Since Ayatollah Ali Khamenei's warning in 2010 of the ever-expanding influence and numbers of house churches, the treatment of Christians has rapidly worsened. The regime tries to destroy those who reach out to converts and seekers by monitoring services, arresting converts, banning Farsi language services and closing some churches. Attacks against Christian communities have increased, and the prohibition of house church activities is enforced more strictly. Yet the regime's harsh treatment of Christians only further fuels the flames of church growth.
PRAY: Preaching, evangelism and publishing Christian books in the Farsi language is illegal. Pray for protection for those seeking to spread God's Word inside the country.
 It is said that children of political and spiritual leaders are leaving Islam for Christianity. Pray that more Muslims will discover the truth of the gospel.
 At least 40 Christians are in prison for their faith. Ask the Lord to sustain them.

Saudi Arabia. Christian Persecution in Saudi ArabiaThe open practice of any religion other than Islam is forbidden here, and conversion to another faith is punishable by death. Most Christians are ex-pats from Asia or Africa. During 2013, several Christian migrant fellowships were raided by police, and tens of worshippers detained and deported. Muslim-background believers run the risk of honor killing if their faith is discovered. Yet a small but growing number of Muslims are coming to Christ and sharing their faith on the internet and satellite TV.
PRAY: Widespread unemployment and increasing discontent amongst young people makes this a breeding ground for extremists. Ask God to halt the spread of extremist views.
 That more Muslims will meet Jesus through satellite TV or dreams and visions of Jesus.
 In 2013, two men were convicted of proselytizing, and were sentenced to a few hundred lashes and several years in prison. Pray for their release.

About Persecution
And you will be hated by all for my name's sake. But the one who endures to the end will be saved." Matthew 10:22
Persecution is defined as a policy or campaign to exterminate, drive away, or subjugate a people because of their religion, race or beliefs. According to The Pew Research Center, almost 75% of the world's population lives in areas with severe religious restrictions. Many of these people are Christians.
So, who are the 75%? Where are Christians facing persecution?
Persecution occurs whenever believers are denied the protection of religious freedom, prevented from converting to Christianity because of legal or social threats, physically attacked or killed because of their faith, forced to leave their job or home because of the threat of violence, or imprisoned and interrogated, and often tortured for refusing to deny their faith.
Christians face persecution in more than 60 countries around the world. Each year, Open Doors ranks the top 50 countries where Christians are persecuted in the annual World Watch List. You can learn more about Christians who are persecuted (and how you can help them) here at: http://www.worldwatchlist.us
It can be disheartening to learn that so many Christians are being persecuted for their faith. But it is key to remember that Christ was persecuted and suffered- to the point of death on the cross. He tells us that if we follow Him, we will be persecuted (John 15:18-21).
In 1 Corinthians 12:26, the apostle Paul talks about Christians (as the Body of Christ) facing persecution:
"If one member suffers, all suffer together; if one member is honored, all rejoice together."
Though we may not face persecution, we are called to be united with the part of the Body of Christ that does face persecution daily. The most important way to unite with our brothers and sisters who do face persecution is through prayer.
Romans 15:30 says, "I urge you, brothers and sisters, by our Lord Jesus Christ and by the love of the Spirit, to join me in my struggle by praying to God for me."
One Nigerian widow said, "I didn't know that anyone outside of Nigeria knew what was happening to us Christians. Now that I know that others are praying, I am greatly encouraged."
You can learn more about praying for persecuted Christians, and sign-up for free resources at:
http://www.opendoorsusa.org/pray/prayer-updates/.
*Definition from Random House Dictionary

Egypt Pressure is increasing both on Egypt's indigenous Coptic community and on those who come to faith from a Muslim background. Muslims who convert to Christianity have long faced persecution from family members, who punish them for abandoning the Islamic faith. But in recent years, Egypt's historical Christian communities have increasingly been targeted, as well. In August 2013, following the ousting of President Morsi, the Muslim Brotherhood was responsible for the burning of 38 churches and the damaging of 23 churches, in an upsurge in sectarian violence against Coptic Christians.
PRAY Muslim-background believers face severe limitations within their homes and extended families. Pray for strength to persevere despite the challenges.
 Islam is gradually taking over the country's culture. Pray that Christians will have courage to continue to be a light to their nation.
 For Egypt's political leaders. Pray that political and economic stability will be restored.

Christian Persecution in AfghanistanThe situation in the country remains unstable, and Islamic extremist groups continue to gain power. Christianity is still considered a 'Western' religion, and is seen as hostile to Afghan culture, society and Islam. Those who leave Islam are treated as apostates, and face huge pressures from family, society and local authorities. In September 2013, an Afghan MP called for the execution of converts to Christianity. There is no public church, even for ex-pats. Christian converts keep their faith secret, since any connection with Christianity is dangerous.
PRAY:
 All Afghan Christians come from a Muslim background, and are at risk if their faith is discovered. Ask God to protect and encourage them.
 The Taliban continues to threaten and attack Afghan citizens. Pray that their influence will diminish.
 That the withdrawal of international forces in 2014 will not lead to a return to civil war.
Pakistan's Christians are caught in the crossfire between Islamic militant organizations that routinely target Christians, and an Islamizing culture that leaves Christians isolated from the rest of the population. The notorious blasphemy laws continue to have devastating consequences for minorities, including Christians. Women and girls from minority groups are particularly vulnerable, and sexual assaults against underage Christian girls by Muslim men continue to be reported. In September 2013, a twin bomb attack on Anglican All Saints Church in Peshawar left 89 people dead.
PRAY:
 Many Christians who can afford to are leaving the country. Ask God to give His people courage to remain as a witness to their nation.
 For the newly elected Prime Minister. Ask God to move him to take action to defend the rights of Christians and other minority groups.
 For protection for young Christian girls who are particularly at risk of abduction or assault.
Nigeria 2014 - Nigeria
Christian Persecution in NigeriaLevels of violence against Christians in 2013 remained extremely high, with hundreds of cases of physical aggression, the destruction of nearly 300 churches and the death of 612 Nigerian Christians. Pentecostal leader, Rev. Faye Pama Musa, was shot dead by two suspected Boko Haram members. However, violence from this Islamic terrorist group is not the only form of persecution. Local government and social groups leave hardly any space for Christians to live their own lives; many Christian villages are denied basic facilities, such as wells and schools.
PRAY: For God's Spirit to be at work, comforting families who have suffered trauma or loss.
 Thank God for the generous gifts of Open Doors supporters to widows and orphans.
 For the protection of the Open Doors team as they take Bibles, relief and training to believers in need.

Catching Our Eye
Malatya murder suspects out of jail

As expected, the five men suspected of killing three Christians in Malatya, Turkey, nearly seven years ago have been released from jail as their trial continues.

The Malatya First High Criminal Court released the suspects March 8 in response to a new law, which took effect last week, that reduces the amount of time suspects awaiting trial can be held from 10 years to five. The Malatya murder suspects had been detained since the day of the killings in April 2007.

Radio Shema, a Christian broadcast ministry in Ankara, issued a statement March 11 saying the suspects are under house arrest and have been fitted with tracking beacons.

A verdict in the long-running trial is expected April 10.

Source: Today's Zaman
Kidnappers release Syrian nuns

A group of nuns kidnapped in Maaloula, Syria, in December were released early Monday, tired but unharmed.

"God did not leave us," Mother Pelagia Sayyaf, superior of the Mar Takla monastery in Maaloula, told news reporters after the nuns had been released to Syrian authorities as part of a prisoner exchange involving 150 women and children who had been held by the Syrian government.

Sayyaf said she and the other nuns and their attendants were well treated during their captivity in Lebanon. "The [al-Nusra] Front was good to us... but we took off our crosses because we were in the wrong place to wear them,'' she was quoted by the BBC as saying.

The al-Nursa Front, a jihadist group affiliated with al-Qaida, is believed to have abducted the women.

Source: BBC
'Allah' verdict postponed

Malaysia's Federal Court has reserved judgment on a Catholic newspaper's application to appeal against a ban on the use of the word 'Allah' in its publication.

In a case which started in 2008, The Herald appealed to the Federal Court after the Court of Appeal's Oct. 2013 decision to ban the newspaper from using the word to refer to the Christian God.
No date has been set for when the Federal Court will again consider its judgment.
The case has potential wider repercussions for all Christian publishing, although it is still not clear what implications any judgement might have for Christian worship and other practices in Malaysia.

Nigeria's churches will not stay silent during violence, leader says
Published: March 12, 2014
Boko Haram attacks continue in north, killing dozens
. on redditMore Sharing Services4
Nigeria's largest church network is calling on the country's president for more protection from Boko Haram attacks.
The president, meanwhile, is calling for more prayer.
"We will not keep silence amidst persecution Christians are facing," Rev. Ayo Oritsejafor, president of the Christian Association of Nigeria, told World Watch Monitor on March 7.
"The killings in Northern Nigeria are condemnable and act of wickedness to humanity," Oritsejafor said. "It is unfortunate that worshippers are being killed in their homes and places of worship. We are not happy with this trend and will continue to pray to God to bring an end to this excruciating situation we are going through in Northern Nigeria."
Deadly attacks have been carried out on an almost daily basis in central and northern-eastern States of Nigeria. On the night of March 8, three churches were burnt down to ashes in an attack attributed to Boko Haram in Fota town, in the Gombi Local Government area of Adamawa state.
The attackers, suspected to be from the militant Islamic Boko Haram insurgency, also burnt down a police station and killed seven police men before moving to the churches, said Rev. Lawrence Dim, a Catholic priest in the area.

"Many of the people have fled the area, but [the attackers] burnt down three churches: there is EYN and LCCN Churches and one other church. They also injured some people and killed some," Dim told World Watch Monitor, though he did not estimate the number of victims.

On Feb. 26, at least 14 people were killed in coordinated attacks by heavily armed Boko Haram fighters on Kirchinga, Michika and Shuwa villages in Adamawa State. Many properties including three Catholic churches were set on fire. More than 400 were killed in Borno, Adamawa and Yobe states in February.

In Central Nigeria, widely called the Middle belt, the predominantly Christian Berom community has sustained heavy lost following increasing attacks by suspected Fulani herdsmen.

Eighteen people, most of them women and children, were killed on March 4 and 5 in four villages — Dorok, Gwon, Gwarama, and Gwarim; all in the Riyom Local Government area of Plateau State. Among the victims were eight people of the same family. The assailants, wearing military-style uniforms and armed with sophisticated weapons, burnt more than 200 houses, churches and other places of prayer.
According to one survivor, who identified himself as Peter Daniel, the attackers vowed to annihilate residents who returned back to their villages.
Across Plateau state, at least 163 people have been killed in attacks by suspected Fulanis since the beginning of the year. Each wave of violence brings renewed criticism, from the Christian Association of Nigeria and other quarters, that Nigerian security forces are not doing enough to stop the killings.

Of Nigeria's estimated 160 million people, about 70 million are Christians. The CAN is their most representative umbrella group, comprising notably five major denominational groups: the Catholic Church in Nigeria, the Christian Council of Nigeria, the Christian Pentecostal Fellowship of Nigeria, the Organization of African Instituted Churches, and the Evangelical Church Winning All.

Rev. Oritsejafor, the CAN president, appealed to government and security agencies to be proactive towards protecting lives and properties, and to prosecute the perpetrators.

On Feb. 5, Nigeria President Goodluck Jonathan sacked his army chiefs, replacing them with new generals with orders to crush Boko Haram. More recently, a presidential spokesman acknowledged the conflict with Boko Haram is a "war situation" and that the army is dealing with a "serious enemy."

On March 9, President Goodluck Jonathan called for more prayer to defeat the insurgency.

"We need more prayers to end terrorism. With prayers and the measures put in place, we will surmount the challenges", the president said in a speech at the opening session of the Catholic Bishops Conference of Nigeria, in Abuja, the federal capital.

The government's inability to put down the Islamist surge has raised widespread criticism from religious and political leaders. Violence is expected only to increase as federal elections scheduled for February 2015 approach.

The 2011 election Jonathan, a Christian from Nigeria's south, prompted unprecedented violence across the largely Muslim north in which at least 170 Christians were killed, hundreds were injured and thousands displaced, and more than 350 churches were burned or destroyed by mobs.

Is conflict in Nigeria really about persecution of Christians by radical Muslims? Published: June 24, 2013
New report coincides with President's claim: 'More Muslims than Christians killed'.
St Rita's Catholic Church in Kaduna, north-central Nigeria, after a suicide bomb attack in October 2012.St Rita's Catholic Church in Kaduna, north-central Nigeria, after a suicide bomb attack in October 2012.

World Watch Monitor
Nigeria's President Goodluck Jonathan was reported last week to have said that statistics show that more Muslims than Christians have been killed by Boko Haram.
Speaking at his Presidential villa in the capital at the opening meeting of the Honorary International Investors' Council, led by UK Baroness Lynda Chalker (a former Secretary of State for International Development), he is reported to have said: "Initially, people thought the insurgency is about religious issues, but the pattern of attacks shows clearly that it has nothing to do with religion. Just as there are threats to churches, so also there are threats to mosques.

"They attack everywhere, killing Muslims and Christians. Even more Muslims have died in the conflict than Christians have. So the groups, whether political or whatever interest have external influence, considering the issues of Al Qaeda.

"Basically, it goes beyond religious issues. They are terrorists that have decided to destabilise the country for some reasons, sometimes it could be Western influence, governance issues and so on. They are terror groups that are not representing any religion."

The Christian Association of Nigeria (CAN) has refuted his assertion. Its spokesman Sunday Oibe responded: "Our attention has been drawn to a purported claim by President Goodluck Jonathan that the Boko Haram insurgents in the north have killed more Muslims than Christians and that it is not a religious issue.

"The purported statement by Mr. President is highly disappointing considering the fact that Christians and their churches and businesses have been the major targets of the Boko Haram terror group.

"We want to believe that the President was misquoted… If it is true that Mr. President actually made this assertion, then we are highly disappointed and sad at this veiled attempt to distort the facts as it concerns the activities of the Boko Haram sect.
Nigeria President Goodluck Jonathan during 2011 Commonwealth Heads of Government Meeting in Australia.Nigeria President Goodluck Jonathan during 2011 Commonwealth Heads of Government Meeting in Australia.
"We say this because there has never been any bomb that has been exploded in any mosque or targeted at any mosque in the entire activities of the Boko Haram sect in the north. The Boko Haram members even said that when a Muslim is killed, it is by mistake".

A new paper, produced for the World Watch List by a Nigerian researcher who prefers to remain anonymous for security reasons, argues that the situation in Nigeria is a classic example of what could be referred to as persecution eclipse.

This is a situation, writes the author, whereby persecution and civil conflict overlap to the extent that the former is in a real or imaginative sense overshadowed or rendered almost invisible by the latter.

The paper argues that persecution eclipse minimises, overlooks or denies the suffering of a victim of persecution; encourages a causal analysis that provides vicarious justifications for the perpetrators' actions; shifts the focus of interrogation from religious freedom violations to conflict analysis; and embraces an instrumental view of conflict in which religion assumes an insignificant place in the analysis.

The concept of persecution eclipse is proposed to show how religious freedom itself can become a casualty in a situation where genuine persecution becomes lost in a murky debate.

The author distinguishes two broad categories of persecution that Christians in northern Nigeria experience: insidious persecution (typified by the daily experiences of harassment, exclusion and discrimination of many Christian minorities in the region) and elevated persecution, a more lethal form of persecution, based on outright violence.

"The majority of conflicts reported in international media as 'clashes' between Muslims and Christians in actual fact have been one-sided violence against Christians."

--World Watch List
The author claims that insidious persecution has been occurring for years, and that while elevated persecution used to be sporadic, it has become entrenched very visibly in recent years.
Civil unrest obscures religious persecution and can itself be a vehicle for persecution, the author claims, through its negative impact on the stability of society and the way it encourages Islamist groups to violently pursue their religious agenda.

"Inter-religious conflicts [relating to] the struggle over power and resources are endemic in Nigeria," writes the author. "These conflicts have been used as vehicles to pursue the objectives of persecution and to widen its scope. In order to misinform the outside world, perpetrators have learned to invent narratives that conceal the nexus between persecution and conflict, and engage in propaganda using mainstream and social media."

Another dimension of this misinformation, he argues, is that "the majority of the incidents of conflicts that have been reported in the international media as 'clashes' between Muslims and Christians in actual fact have been one-sided violence against Christians."

This report makes many interesting observations, but it doesn't investigate them in depth. However, the author has laid the groundwork for a more detailed investigation, on which others can build.
N. Korea to execute 33 for missionary work
Published: March 10, 2014
Government claims they were building a network of underground churches

A 2009 photo of a North Korean women's prison camp, near the border with Dandong, China.A 2009 photo of a North Korean women's prison camp, near the border with Dandong, China.

Courtesy Open Doors International
North Korea has ordered the death of as many as 33 people because of their alleged contact with a missionary, South Korea's largest news organization has reported.

The 33 North Koreans are charged with attempting to overthrow the regime by setting up 500 underground churches, according to the South Korean newspaper Chosun Ilbo, which cited an unnamed source. The newspaper said they are accused of working with Kim Jung-wook, a South Korean arrested by North Korean authorities in October on suspicion of trying to establish underground churches.

The executions will be carried out in a secret location administered by the State Security Department, Chosun Ilbo reported.

Kim, a Baptist missionary, appeared on North Korean television on Feb. 27 and said he was working at the direction of the South Korean National Intelligence Service, and that his goal was the collapse of the Pyongyang regime. It's unknown whether Kim's TV appearance will earn his release.

During the same television broadcast, North Korean authorities showed recorded interviews with five North Koreans who said Kim had provided money to them, Chosun Ilbo reported. The news agency did not say whether the five shown on the broadcast were among the 33 who had been arrested. It did report, however, that they said Kim vowed, after toppling the regime, to build a church on the Pyongyang spot where today a statue of North Korean founder Kim Il-sung stands.

It's not known how many of the 33 arrested people are Christian.

Kim was arrested in the North last October for allegedly establishing underground churches. Chosun Ilbo cited an unnamed source from China as saying North Korean agents kidnapped Kim in the border city of Dandong, China, and took him into North Korea.

North Korean leader Kim Jong-Un has ordered "unclean elements" from the country. Last year, his uncle and mentor Jang Song-Thaek was executed. Jang's children, brothers and grandchildren were killed shortly thereafter.

The sentencing of the 33 North Koreans came a day after Australian missionary John Short arrived in China after being detained for several weeks in North Korea for leaving Christian pamphlets in a Buddhist temple. North Korea's state news agency, KCNA, said Short had apologised and admitted violating North Korean laws. According to KCNA, North Korea expelled Short, 75, partly in consideration of his age.

American missionary Kenneth Bae remains imprisoned in North Korea following his November 2012 arrest while leading a tour group. Prosecutors alleged Bae was planning a coup by setting up bases in China, encouraging North Korean citizens to bring down the government, and waging a smear campaign. Despite apparent ill health and diplomatic pressure to release him, Bae continues to serve a 15-year sentence.
"The ashes whirled over the road we walked every day. Each time my feet crunched, I thought: 'One day the other prisoners will walk over me.' "

--North Korean refugee and former labor-camp prisoner
Christians estimated to number in the tens of thousands are held in North Korea's prisons and labor camps. Last week, one survivor of a three-year interment described to World Watch Monitor the conditions of the camp where she was imprisoned. Her name is being withheld because of her fears that the North Korean government might retaliate against family still living in the North.

The woman said she and several others were arrested a decade ago for fleeing North Korea, and were returned to North Korea and sent to prison.

"These escapees betrayed me and told the police I had taught the Bible to them," the woman told World Watch Monitor. "I had been beaten during the first interrogations, but now the torture became worse. The guards put a rod between my knees and pushed me down. I told God I could not take the torture anymore and prayed He would guard my lips so I would not deny Him."

After almost a year in different prisons, the woman was sent to a labor camp for nearly three years.

"The walls of our barracks were bloodstained, because we killed as many fleas and lice as we could," she said. "We received only a few spoons of rotten corn meal each. The soup we ate was usually just dirty water. If we were thirsty and wanted extra water, we needed to steal it from the nearby stream, which was polluted by the garbage of the guards."

The death rate was so high that bodies stacked up outside the crematorium, she said.
"Sometimes, they rotted for days in sheds before they were disposed or burnt. The ashes whirled over the road we walked every day. Each time my feet crunched, I thought: 'One day the other prisoners will walk over me.' "

If there were other Christians in the camp, they didn't reveal themselves.
"Nobody spoke about their faith in the camp," the woman said. "Besides, I was lucky enough to be sent to a re-education camp, and I was eventually released. Most Christians are put in so-called total-control zones. Political labor camps.

"Nobody is ever released from there." Anti-religion hostility rose worldwide in 2012, study says Published: January 15, 2014. Growth most rapid in North Africa, Middle East on reddit More Sharing Services9
The world became generally more hostile to religious believers of all faiths, Christianity included, in 2012, according to a major annual report issued Jan. 14.
Christians were harassed in more countries than followers of other faiths, though pressure on Muslims and Jews was widespread globally, according to the study, conducted by the Washington, D.C.-based Pew Research Center.

The report, now in its sixth year, measures constraints on religious freedom in two major categories: social hostilities and government restrictions. It surveys conditions in 198 countries, encompassing 99 per cent of the world's population.
Social Hostilities

A third of the world's countries had high measures of social hostilities in 2012, the highest level recorded in the study's six-year history. Pew defines social hostilities as ranging from terrorism and mob violence to harassment over religious attire.

Nearly half of all countries reported abuse of religious minorities by individuals or groups who took offense at, or felt threatened by, the minority. In the first year of the study, less than a quarter of all countries reported such abuse.

Violence, or the threat of it, against religious minorities to enforce religious norms was reported in 39 per cent of countries, compared to 33 per cent a year earlier and 18 per cent in the first year of the study.

The report said 2012 growth of social hostilities was especially rapid in Northern Africa and the Middle East, and was highest in Pakistan.
Government restrictions

High rates of official limits on religion were found in 29 per cent of the countries, about the same as the previous year. Pew examines 20 indicators of government control, including bans on specific faiths, restrictions on conversions, and preferential treatment to certain religions, among others.

Increases were detected among several of those 20 measures. Government limits on worship were citied in 74 per cent of countries, up from 69 per cent in 2011. Restrictions on public preaching were found in 38 per cent of countries, up from 31 per cent. And government force, such as arrest and prosecution, was documented in 48 per cent of the world's countries, up from 41 per cent.

Egypt ranked highest on the report's list of government restrictions.

Taking both categories — government restrictions and social hostility — into account, high levels of overall religious restrictions were reported in 43 per cent of the world's countries, the highest ever recorded by Pew. In all, three-quarters of the world's population lives under high levels of restrictions, according to the report.
The Christian experience

The Pew Center report concerns itself with all religions, not Christianity alone. It did say, however, that Christians in 2012 were harassed in more countries, 110, than any other single religion. Muslims were harassed in 109, and Jews, 71. Since the report began in 2007, Christian harassment has been reported in 151 countries, and harassment of Muslims in 135.
About the report

The Pew report released Tuesday covers 2012. It doesn't take into account momentous developments in 2013, such as the ouster of Muslim Brotherhood leader Mohamed Morsi from Egypt's presidency and the subsequent violence against Coptic churches across Egypt; or the anarchy and deadly Muslim-Christian violence in the Central African Republic; or the continued exodus of Christians from Syria and much of the Middle East; or the bombings in Peshawar, Pakistan, that killed scores of Christians.
Pew also excludes North Korea from its study, citing the inability to obtain reliable data from, or about, the reclusive country.

Data for the report is drawn from 18 public information sources, most published by national governments, the United Nations, European Union, and non-government human-rights organizations.

ISLAMABAD, 12. Ancora sangue sulla campagna antipolio in Pakistan. Ieri due poliziotti, che faceva da scorta ad alcuni volontari impegnati nelle vaccinazioni, sono stati uccisi in un'imboscata tesa da un gruppo di miliziani. L'attacco è stato compiuto nella città di Dera Ismail Khan, nel nord-ovest del
Paese. Come hanno riferito fonti locali, gli agenti stavano ritornando da un servizio di scorta a un team di volontari che avevano vaccinato Pakistan uccisi due agenti che scortavano i volontari Ancora sangue sulla campagna antipolio i bambini di un villaggio quando sono stati attaccati da un gruppo di uomini armati. Gli assalitori si sono poi dileguati. Il Pakistan, insieme all'Afghanistan e alla Nigeria, è uno dei tre Paesi nel mondo in cui la poliomielite non è stata ancora debellata. Secondo le stime fornite dall'organizzazione mondiale della sanità (Oms), nel 2013 sono stati registrati
novantuno casi di contagio in Pakistan, soprattutto nei territori tribali del nord-ovest: nel 2012 i casi riscontrati erano stati cinquantotto. Le vaccinazioni sono fortemente ostacolate dai talebani che anche su questo fronte intendono, con attacchi e imboscate, bloccare i progressi del Paese minandone il tessuto umano e sociale. I primi di marzo i miliziani avevano compiuto un altro attacco contro gli operatori della campagna antipolio, nel distretto di Khyber: undici poliziotti che facevano da scorta e un bambino erano rimasti uccisi.




Intelligence Afghana. sotto attacco KABUL, 12. Una base dell'intelligence
afghana a Kandahar, nel sud del Paese, è stata attaccata questa mattina da un gruppo di miliziani. Tre attentatori suicidi (indossavano giubbotti con
esplosivi) hanno assaltato il compound, tentando di entrare nella base, ma sono stati bloccati dalle forze di sicurezza locali. I tre attentatori sono stati uccisi prima che potessero raggiungere il loro obiettivo, hanno affermato, in un comunicato, fonti della base dell'intelligence. Ieri era stato ucciso in pieno giorno a Kabul, con un colpo alla testa, un giornalista svedese, Nils Horner, 51 anni: lavorava come corrispondente per la radio nazionale svedese. Un testimone ha raccontato di aver sentito un colpo di pistola e di aver visto due persone allontanarsi di corsa. Il giornalista era esperto di zone di guerra. Era già stato in Afghanistan per reportage sulla caduta del regime talebano nel 2001. Aveva lavorato anche in Iraq nel 2003, per seguire l'evoluzione del conflitto. Questa mattina l'omicidio del giornalista è stato rivendicato dal gruppo talebano denominato Fidai Mahaz.

Do Pakistani Taliban need an accord with the government?
The truce declared by Tehreek-e-Taliban Pakistan in early March and the reported negotiations with the Pakistani authorities once again raise the old questions : Is it possible to negotiate with terrorists, whosoever they might be?
Is not the truce just a tactical move aimed at giving respite toTaliban to regroup and launch a new offensive? Anyway, there is no reason to believe that they are willing to renounce forever the old methods of terrorist activities.
At the beginning of this week, the Ministry of Internal Affairs of Pakistan sent a letter to the heads of police departments of several provinces and the capital Islamabad. The letter cautions that the Pakistani Taliban and Al Qaeda have found a new target for terrorist attack, viz., the former President Pervez Musharraf, whose case on charges of treason is now being heard in court.
This comes amid seemingly incipient negotiations between the government and the Taliban. In early March, the Taliban announced a ceasefire, and last week Prime Minister Nawaz Sharif even had breakfast with representatives of the movement, which created a mixed reaction in the community, to put it mildly, says Boris Volkhonsky, expert at the Russian Institute for Strategic Studies.
The main question that should be answered for evaluating what is happening at present is: how sincere are the Pakistani Taliban in their desire to end the violence, and is the truce and the start of negotiations not just a tactical move giving them the necessary breathing space before a new offensive? In addition, there is still no answer to another important question: to what extent do the leaders of the Taliban who declared their readiness to begin negotiations control the heterogeneous groups united under the "Taliban" umbrella?
The answers to these questions are rather disappointing. The very next day after the announcement of the truce, terrorists carried out a bloody attack in Islamabad that killed 11 people. This means that either the Taliban are not sincere in their desire for peace, or their leaders do not control the entire movement. Threats addressed to former President Musharraf can also be explained easily. General Musharraf, who had a reputation of being a fairly strong-arm leader, waged an uncompromising struggle against them. During his presidency the question about any negotiations with the terrorists did not even arise. And this terrorist movement has gained its current strength over the years of rule by perhaps the weakest leader in the history of Pakistan - Asif Ali Zardari.
The current Prime Minister Nawaz Sharif, who "inherited" the strengthened Taliban from his predecessor, found himself in a very difficult position, says Boris Volkhonsky. Levers of the power of pressure, which were in the hands of Musharraf, do not work so effectively now, and he has to resort to pacification, like it or not. But as the experience of the whole world shows, concessions to terrorists rarely lead to positive results. Often they only inflame and whet their appetites.
Of course, as the old adage goes, a bad peace is better than a good war. But if you look at the real business of the Pakistani Taliban and not at their peaceful declarations, we come to a disappointing conclusion. Apparently, they only need truce in order to create the appearance of willingness to participate in the political process. Nobody is thinking about renouncing terrorist methods as of now.


Jihadist International Is Coming
The extremist anti-government group "Jabhat al-Nusra" in Syria has merged with the group "Islamic State of Iraq" related to Al-Qaeda. This was stated by Abu Bakr al-Baghdadi, the leader of Iraqi militants. In his audio announcement, he says that the two groups will fight under the same name, the "Islamic State of Iraq and al-Sham".
Jabhat al-Nusra, which is based on foreign mercenaries, is known for its terrorism and violence against civilians. Earlier this group was only suspected of having connections with the Iraqi Al Qaeda. Now these connections are an ascertained fact.
It is particularly remarkable that the U.S has officially put both the Iraqi and Syrian groups on the list of terrorist groups. In words, the Western politicians condemn the methods used by the militants but in fact the Islamic extremists and the West are once again acting as allies, according to the analyst Evgeny Ermolaev.
"Recently, there was a great deal of talk in the West about the growing influence of jihadist groups connected with Al-Qaeda, not only in Syria but also in other Middle East countries. Even a catchy phrase "jihadist axis of evil" was coined in analogy with the "axis of evil", with which George W. Bush, Jr. associated Iraq, Iran and North Korea. Later, Deputy Secretary of State John Bolton added Cuba, Libya, and Syria to this axis. This verbal construction was purely a propaganda. The idea was to justify U.S. actions against states that were not acceptable to them.
Jihadist "axis of evil" is not a fabrication but a real phenomenon. However, America fights against this phenomenon only in words. That is at least strange for the government that declared the "global war on terror." In fact, the Iraqi or the Syrian rebels do not suffer any inconvenience from being included in the "black list". And this is despite the fact that everyone knows an approximate list of countries from which money for the gunmen can come. It is not difficult to track these cash flows, if desired, especially when the countries involved in this are close partners of the United States. The same can be said of the arms supply. However, the "war on terror", which previously the United States waged extremely selectively, disappears at all in the case of Syria. This fact confirms once more that the West and the Islamic extremist groups are again allies. And the militants, who like to call themselves "jihadists", are again leading the jihad for American interests in the region.
However, in recent weeks the European security services have openly expressed their anxiety over potential threats from jihadist mercenaries fighting in Syria. Is a split about to happen in the West over the tactics in Syria?
Victor Nadein-Raevskii, an expert, says:
The jihadist groups included in the "axis of evil" are interested not only and not so much in the expansion towards non-Muslim, for example, European countries. At this stage, their main goal is the Arab-ruled regimes. Not all, but those on which the finger is pointed as a permitted object. The jihadists consider the Arab regimes that are helping extremists as allies for the time being. Like the West, with which jihadists are now united by the common goals.
But this is a short-sighted policy of the sponsors of the jihadists. The history of the "terrorist empire of Osama bin Laden" has already demonstrated this. Intoxicated by blood and easy money, zealot extremists easily cross the limits initially set by their sponsors. This transforms them from a regional to a global problem. In recent past, the West has had to declare a "global war" against its former allies, who transgressed the outlined boundaries.
Now the history repeats itself, and it seems that the Europeans have begun to understand it. But the mechanism of Western support to jihadists is already running at such high speed that it is difficult to stop it. The Americans, at least, are not in a hurry to stop it.
As a result, the "jihadist international" is growing before our eyes. And it is hard to believe that the West and the conservative Arab regimes can limit the area of its influence to Syria alone, just as they were not able to confine the "al-Qaeda" in the borders of Afghanistan earlier. Consolidation of extremist networks of Syria and Iraq is only the first signal of major problems emerging for the world in future.